Freud, il finale della prima stagione (e i possibili spunti per la seconda) della serie Netflix

Autore: Elisa Giudici ,
Copertina di Freud, il finale della prima stagione (e i possibili spunti per la seconda) della serie Netflix

È uno dei titoli più caldi del momento su Netflix: la prima stagione della serie austriaca dedicata al padre della psicoanalisi ha davvero conquistato il pubblico italiano (anche se nella recensione dedicata si è evidenziata più di qualche perplessità). Il merito è forse della contrapposizione tra una figura chiave per capire la storia del Novecento, dal punto di vista scientifico e non solo, e la lettura alternativa e dark che la serie dà del giovane Sigmund Freud. Nella prima stagione infatti  il giovane dottore si confronta con il folklore ungherese e situazioni al limite del paranormale, fino al grande crescendo delle ultime puntate. 

Tra figure storiche (come il kaiser Francesco Giuseppe e suo figlio Rodolfo) e personaggi fittizi come la medium Fleur Salomè, Freud raggiunge un finale soddisfacente e compiuto, a differenza di tante serie che lasciano con il fiato sospeso lo spettatore. Come si conclude dunque la prima stagione di Freud?

Advertisement

Freud Freud Vienna, fine '800: un giovane Sigmund Freud risolve sparizioni e omicidi, ritrovandosi coinvolto in un oscuro complotto assieme a una medium. Apri scheda

Ci sarebbe spazio per una seconda stagione? A seguire trovate la spiegazione del finale ma occhio agli spoiler! Se state ancora vedendo la serie e non volete anticipazioni di sorta, potete scoprire qualche curiosità a riguardo nello speciale dedicato

Il finale della prima stagione della serie Netflix Freud

Dopo aver sventato l'uccisione del kaiser Francesco Giuseppe ad opere di suo stesso figlio Rodolfo, Freud viene interpellato dall'imperatore e riesce, seppur a fatica, a riportare l'erede al trono a una parvenza di normalità psicologica. In cambio il generale che ha seguito la vicenda (e che voleva morto Kiss) gli assicura il pagamento dell'affitto della sua casa studio per un anno e la reintegrazione al posto nell'ospedale psichiatrico da cui era stato costretto a dimettersi. 

Netflix
Freud dà fuoco alla bozza del libro in cui racconta la storia di Fleur
Freud è costretto a cedere e a tacere la verità su quanto successo al kaiser e all'erede al trono

Il giovane dottore spiega all'imperatore e al generale che quanto successo durante l'attentato e le uccisioni precedenti mette in evidenza un mondo interiore tutto da scoprire, che potrebbe cambiare i destini dell'umanità. La parte sopita e animale dell'animo umano, se sbloccata con l'ipnosi, può consentire di manipolare gli altri. Tuttavia alcuni soggetti in cui questa parte inconscia e istintuale è troppo forte non possono essere controllati né ricondotti a ragione. Infatti la loro parte più violenta e piena di desideri proibiti non si fa più imprigionare una volta liberata, così come avvenuto per Leopold e Mucha. 

Netflix
Kiss, ancora posseduto dal suo táltos, si dà alla fuga
Kiss persuade l'amico Freud a mantenere il silenzio e fugge nella Vienna sotterranea

Freud rivela incautamente ai presenti di aver scritto un libro a riguardo, raccontando la storia di Fleur - la prima a poter controllare questo lato nascosto dell'animo umano - e dell'attentato consumatosi poche ore prima. Il generale e il kaiser gli proibiscono di pubblicarlo, minacciando direttamente la sua famiglia. Se si venisse a sapere che l'imperatore è stato così vicino all'assassinio e che lo stesso figlio stava per ucciderlo, l'impero ne risulterebbe fatalmente indebolito. Freud vorrebbe ribellarsi ma la minaccia verso i suoi cari lo fa desistere. 

Advertisement
Netflix
Fleur esorta Freud a curare i suoi pazienti grazie al suo esempio
Fleur, per nulla spaventata da una vita in fuga, esorta Freud a curare i suoi pazienti

La sera a cena li guarda preoccupato, quando la sua fidanzata annuncia che presto i due si sposeranno ufficialmente, scatenando la gioia dei suoi familiari. Freud però è inquieto e pensa di poter rischiare il tutto per tutto, pubblicando il libro. A dissuaderlo è però l'ispettore Kiss. L'amico lo esorta a mantenere il silenzio, perché Vienna ha ancora bisogno di lui e perché, se sopravvive, potrà custodire e raccontare questa storia in seguito. Freud capisce che Kiss non cederà alle lusighe e, seppur a malincuore, brucia il suo manoscritto, che solo lui e la futura moglie hanno potuto leggere. Intanto Kiss ha già detto addio alla propria famiglia e, dopo essere scampato a un ultimo attentato, s'inoltra nel buio dei canali viennesi (laddove era stata portata Clara dal fratello). Dall'inquadratura finale capiamo che è ancora preda del suo táltos interiore. 

Advertisement

Ci sarà una seconda stagione di Freud?

Al momento non ci sono notizie ufficiali del rinnovo della serie, che però ha ottenuto ascolti da record durante la trasmissione in chiaro in patria e sta mietendo ottimi riscontri su Netflix.

L'epidemia di COVID-19 ovviamente potrebbe rallentare la preproduzione di una seconda stagione (e il suo annuncio). Tuttavia, seppur presenti un finale compiuto, alcuni spunti della trama suggeriscono che ci possa essere spazio per una seconda stagione.

Innanzitutto il giovane Freud è ancora lontano dal diventare il padre della psicoanalisi, quindi la serie ha ancora molta della sua carriera da raccontare. Inoltre le conclusioni delle storyline di Fleur e Kiss consentirebbero un loro ritorno in scena.

Prima di rientrare in casa, Freud trova una carrozza ad aspettarlo. Dentro lo attende la fuggitiva Fleur. Alle proteste dell'uomo sul pericolo che incombe, la ragazza si dice felice di potersi lasciare alle spalle la vecchia identità e lo rassicura circa il suo destino. Rammaricato di non poter raccontare la sua storia, Freud viene esortato da Fleur non a parlare di lei, bensì a curare le persone grazie a lei e al suo esempio. Dalla tensione tra i due capiamo che la loro fugace relazione non è stata solo una questione fisica per entrambi. 

Netflix
Freud si siede alla scrivania del suo studio
Dopo essere sopravvissuto alle vicende della serie, Freud è pronto a conquistare il mondo scientifico

Advertisement

Come si conclude la scena finale di Freud?

Nella scena finale della prima stagione, dopo aver detto addio all'ispettore Kiss e alla fuggitiva Fleur, Freud rientra a casa. La promessa sposa gli annuncia che c'è un paziente ad attenderlo.

Dopo aver sistemato il celebre lettino togliendo di torno alcuni cuscini, il giovane dottore si guarda intorno e poi chiede di far entrare il prossimo paziente, con la formula suggerita da Fleur.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

5 serie di Ryan Murphy poco note ma assolutamente da vedere

Soprannominato il re Mida del piccolo schermo, oggi Ryan Murphy è un abile romanziere della nostra modernità. Divisi tra cinema, TV e teatro, sono tanti i progetti che ha realizzato negli ultimi anni. Quali sono le serie da rivedere e da rivalutare?
Autore: Carlo Lanna ,
5 serie di Ryan Murphy poco note ma assolutamente da vedere

È regista, è produttore cinematografico e televisivo, è sceneggiatore, ed è un’icona indiscussa della TV di oggi. Ryan Murphy è uno tra gli autori più prolifici del nostro tempo, con la capacità di raccontare la modernità con uno sguardo ironico e pungente. Lavora su più fronti, è diviso tra cinema, TV e teatro, ed è anche un abile narratore della comunità LGBT, regalando al pubblico storie uniche nel suo genere e dal grande appeal.

Ryan Murphy debutta in TV nel 1999, ma trova il successo nel 2003 quando sulla F/X va in onda il primo episodio di Nip/Tuck, serie spregiudicata sul mondo della chirurgia estetica. Da lì in poi è stato un susseguirsi di sperimentazioni che, nella maggior parte dei casi, hanno trovato il plauso di pubblico e critica.

Sto cercando altri articoli per te...