Friends, la strana teoria su Phoebe e il senso della serie che fa discutere (anche Marta Kauffman)

Autore: Elena Arrisico ,
Copertina di Friends, la strana teoria su Phoebe e il senso della serie che fa discutere (anche Marta Kauffman)

Passano gli anni, ma Friends resta una delle migliori sitcom mai scritte (la migliore, a dirla tutta). Sempre attuale, fresca e divertente, è stata prodotta dal 1994 al 2004 per 10 stagioni – tornando con uno special, #Friends: The Reunion, nel 2021 – ma non ci ha mai abbandonati davvero.

Creata da David Crane e Marta Kauffman, ha ispirato le serie nate dopo di lei. Chandler Bing (Matthew Perry), Monica Geller (Courteney Cox), Ross Geller (David Schwimmer), Rachel Green (Jennifer Aniston), Phoebe Buffay (Lisa Kudrow) e Joey Tribbiani (Matt LeBlanc) sono diventati dei veri amici, che ci piace incontrare al Central Perk, a New York, alla fine della giornata o quando le cose non vanno troppo bene e abbiamo bisogno di staccare la spina.

Advertisement

Proprio per questo motivo, ancora oggi, i fan continuano ad analizzare gli episodi e la storia, giungendo anche a conclusioni alquanto bizzarre come la strana teoria su Phoebe che si sta diffondendo sul Web.

Friends Friends Friends è una sitcom americana trasmessa in USA dal 1994 al 2004. La serie descrive un gruppo di amici (da cui il titolo) del circondario di Manhattan a New York, ... Apri scheda

Nel 2005, sul proprio profilo Twitter, un fan descrisse la possibilità che la storia di Friends avesse, in realtà, luogo nella testa di Phoebe. Una teoria particolarmente triste, che vorrebbe Phoebe come una senzatetto dalla morte della madre.

La ragazza guarderebbe Monica, Rachel, Ross, Joey e Chandler - nomi e personalità da lei immaginati – dal marciapiede della strada, vicino al Central Perk.

Il passato di Phoebe è sempre stato abbastanza drammatico e lei è considerata l’eccentrica del gruppo (basti pensare al suo Gatto Rognoso).

Sebbene sia un personaggio comico, il personaggio di Phoebe ha avuto una vita tragica: la madre – che poi si rivela essere adottiva – si è suicidata, quando era piccola e Phoebe è stata costretta a vivere per strada, senza avere rapporti con la sua gemella Ursula; soltanto in seguito, riesce a diventare massaggiatrice e musicista autodidatta.

Dopo aver sofferto molto, Phoebe scopre di non essere figlia di Lily, ma della migliore amica di quest’ultima: Phoebe Abbott (Teri Garr).

Advertisement
Advertisement

La ragazza inizia così a costruire un rapporto con la vera madre, che non viene più mostrata nella serie – l’ultima volta è quando Phoebe decide di essere madre surrogata per il suo fratellastro, Frank Jr. - ma viene menzionata nell’episodio 10x12 Cerimonia sotto la neve (The One with Phoebe’s Wedding), quando Phoebe sposa Mike Hannigan (Paul Rudd) e la ricorda dicendo che non può essere lì.

Il padre di Phoebe è Frank Buffay (Bob Balaban), ma quest’ultimo abbandona le figlie e Lily e Phoebe non è pronta a perdonarlo quando si ripresenta dopo anni di assenza.

Durante gli episodi di Friends, la ragazza racconta spesso storie assurde: ad esempio, di aver accoltellato un poliziotto che l’aveva accoltellata per prima e di essere stata inseguita da un killer malato di mente evaso, quando ha compiuto sedici anni.

Secondo la teoria di strnks, Phoebe non avrebbe mai svoltato e starebbe affrontando il trauma immaginando una vita migliore piena di risate e amicizia, mentre i ragazzi non sanno chi sia e la chiamano “la pazza che ci osserva sempre”.

Advertisement

In realtà, non c’è nessun significato nascosto alla base di Friends ma, avendo dei punti di forza, la teoria si è subito diffusa e fa discutere ancora oggi, attirando l’attenzione persino di Marta Kauffman che, a Entertainment Tonight, ha così commentato:

È la cosa più triste che abbia mai sentito. No, non l'avevo mai sentita. È una teoria orribile, è follia!

NBC, Warner Bros. Television

Il cast nella locandina di Friends
Il poster di Friends

Se tale teoria fosse reale – e non lo è, come confermato da Kauffman – verrebbe meno il vero significato della sitcom: i veri amici sono la tua famiglia.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Don't Look Up, il cameo di Matthew Perry: di che si tratta e perché è stato tagliato dal film con Leonardo DiCaprio

Oltre al cameo di Chris Evans, Don't Look Up avrebbe dovuto contenere un'ulteriore sorpresa rivolta, questa volta, ai fan di Friends. Purtroppo, però, la parte di Matthew Perry non è stata inclusa nel montaggio finale del film Netflix.
Autore: Elena Arrisico ,
Don't Look Up, il cameo di Matthew Perry: di che si tratta e perché è stato tagliato dal film con Leonardo DiCaprio

Che il cast di #Don’t Look Up fosse ricchissimo è cosa nota. Da Leonardo DiCaprio (Randall Mindy) a Jennifer Lawrence (Kate Dibiasky), passando per Meryl Streep (Presidente Janie Orlean) e Cate Blanchett (Brie Evantee), sono diversi gli attori che hanno preso parte alla pellicola Netflix.

Del gruppo assortito fanno parte anche nomi come Ariana Grande (Riley Bina), Timothée Chalamet (Yule), Rob Morgan (Teddy Oglethorpe) e Jonah Hill (Jason Orlean), tra gli altri. In pochi, comunque, si aspettavano di trovare tra i volti noti – seppur ben nascosto da pizzetto e occhiali da sole – quello di Chris Evans, che compare nelle vesti del protagonista del disaster movie Total Devastation: Devin Peters.

Sto cercando altri articoli per te...