Game of Thrones 8: la battaglia a Grande Inverno nasconde un enorme colpo di scena?

Autore: Silvia Artana ,
Copertina di Game of Thrones 8: la battaglia a Grande Inverno nasconde un enorme colpo di scena?

Della "grande battaglia" di Game of Thrones 8 si parla da mesi. Le prime informazioni risalgono a un anno fa, quando è trapelata la notizia di un epico scontro che aveva richiesto 55 notti di riprese. Più di recente, l'attore che interpreta il Night King si è "lasciato scappare" che a metà della stagione finale ci sarebbe stata una sequenza di guerra che sarebbe passata alla storia della TV.

Adesso, il momento è (quasi) arrivato. Nel terzo episodio della serie (in onda il 29 aprile, alle 3:00 del mattino, su Sky Atlantic), i White Walkers sferreranno la loro offensiva contro Winterfell. I secondi finali di A Knight of the Seven Kingdoms hanno mostrato gli ufficiali della armata dei (non) morti schierati e pronti ad attaccare. E il breve teaser ha preannunciato (molto) fuoco e sangue.

Advertisement
Advertisement

Ma secondo un utente di Reddit chiamato jurkovsky, qualcosa non quadra.

Spoiler alert! Click to reveal Per la precisione, il redditor è convinto che la battaglia a Grande Inverno sarà un diversivo e che il Night King attaccherà Approdo del Re.Se così fosse, sarebbe davvero un enorme colpo di scena. Anche se in qualche modo prefigurato dagli eventi passati di GoT. Ed è proprio su questi "corsi e ricorsi storici" che si basa la teoria dell'utente di Reddit. Guardando l'episodio 8x02, jurkovsky ha notato delle interessanti somiglianze con 7x02, Nata dalla tempesta:

La scena in cui Jon discute il piano della battaglia mi ha ricordato quella in cui Tyrion progetta di conquistare Castel Granito. In quella occasione, gli Immacolati sono stati ingannati e l'esercito dei Lannister ha usato il diversivo per conquistare Alto Giardino.

Il redditor non lo scrive, ma lo stesso trucco era stato utilizzato da Robb Stark per sconfiggere Jaime Lannister nella Battaglia del Bosco dei Sussurri. Comunque sia, jurkovsky è convinto che gli Estranei useranno di nuovo lo stratagemma per distrarre gli avversari dal loro vero obiettivo:

Vedremo tutta la battaglia a Grande Inverno e alla fine i protagonisti aspetteranno il Night King. Il Re della Notte verrà mostrato a cavallo di Viserion, ma quando zoomeranno su di lui, si scoprirà che non si sta dirigendo verso Winterfell, ma che sta volando in direzione di Approdo del Re.

Secondo l'utente di Reddit, la teoria sarebbe supportata dal fatto che alla fine del secondo episodio vengono mostrati solo gli ufficiali degli Estranei e che nel teaser del terzo il Night King appare in un brevissimo fotogramma, che (apparentemente) lo mostra in groppa a Viserion, mentre emerge dal fumo/nebbia. Ma dove, non si sa.Inoltre, l'eventuale attacco del Re della Notte ad Approdo del Re sembrerebbe trovare conferma anche nella visione di Daenerys nella Casa degli Eterni. Nell'episodio 2x10, Chiunque può essere ucciso, la Khaleesi ha un'esperienza onirica in cui vede sé stessa nella sala del Trono di Spade, all'interno della Fortezza Rossa devastata dal fuoco e coperta di neve (dal minuto 3:00, nel video qui sotto). Il redditor osserva che, per conquistare Approdo del Re, il Night King deve prima spezzare la resistenza degli uomini al Nord. Cosa che sembra poco plausibile avvenga in un solo episodio, anche se epico.Non ultimo, attingendo a un'altra teoria che circola in rete, jurkovsky ipotizza che Bronn sia in viaggio verso Grande Inverno non solo per uccidere Jaime e Tyrion (se sopravvivranno alla battaglia a Grande Inverno). Secondo l'utente di Reddit, la missione del mercenario rientrerebbe in uno schema di sceneggiatura più grande. Ovvero, Bronn vedrà l'esercito del Night King in marcia verso sud e avviserà Jon/Aegon e i suoi alleati.Il redditor non spiega perché il vero obiettivo del Re della Notte dovrebbe essere Approdo del Re anziché Grande Inverno. Anche posto che miri a impadronirsi dei 20mila soldati della Compagnia Dorata, a Winterfell c'è il Corvo a Tre Occhi, che rappresenta il principale ostacolo al suo piano di annientare l'umanità (almeno, stando a quanto detto da Bran).D'altra parte, nei commenti al post di jurkovsky, qualcuno avanza l'ipotesi che il Night King sia interessato allo scheletro di Balerion (che si trova sotto la Fortezza Rossa e incidentalmente è mostrato nella nuova sigla)... per arruolarlo nel suo esercito e pareggiare il numero di draghi di Daenerys. E qualcun altro si chiede se nella Capitale ci sia qualcosa che il Re della Notte vuole assolutamente o di cui ha estremamente paura.Del resto, il breve fotogramma del teaser dell'episodio 3 potrebbe mostrare Drogon e la Khaleesi e non Viserion e il Night King, come sostiene l'utente di Reddit TheKrafty, che avrebbe anche realizzato un ingrandimento (da prendere con le dovute cautele):
TheKrafty on Reddit/HBO
GoT 8x03: nel teser ci sono Viserion e il Night King o Drogon e Daenerys?
L'ingrandimento del fotogramma del teaser di GoT 8x03 proposto dall'utente di Reddit, TheKrafty: drago e cavaliere sembrerebbero Drogon e Daenerys
Se fosse davvero la Khaleesi con il suo figlio prediletto, il ragionamento non sarebbe del tutto smontato, ma risulterebbe innegabilmente azzoppato.In ogni caso, vale la pena ripeterlo ancora: solo di teorie si tratta. Le risposte arriveranno con gli ultimi 4 episodi di Game of Thrones 8.Forse.
Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

The Last of Us, l'episodio 3 della serie TV doveva durare 2 ore

Leggi per scoprire tutti i dettagli sulla reale durata del terzo episodio della serie televisiva The Last of Us dal titolo Long Long Time.
Autore: Francesca Musolino ,
The Last of Us, l'episodio 3 della serie TV doveva durare 2 ore

Il terzo episodio della serie TV The Last of Us dal titolo Long Long Time, a quanto pare (anche se per poco) è stato "long" di nome e di fatto. In fase di montaggio l'episodio 3 di The Last of Us è stato progettato per durare circa due ore. Ma la durata in seguito è stata invece ridotta per una questione di tempistiche. In particolare per ciò che riguarda la messa in onda della serie TV The Last of US sull'emittente statunitense HBO.

A rivelare questo dettaglio è stato Craig Mazin, uno dei co-produttori della serie TV di The Last of Us, in una intervista con Deadline.

Sto cercando altri articoli per te...