Game of Thrones: Emilia Clarke parla con onestà del finale e della sorte di Daenerys e Jon

Autore: Silvia Artana ,
Copertina di Game of Thrones: Emilia Clarke parla con onestà del finale e della sorte di Daenerys e Jon

Un anno fa (anzi, meno), una buona fetta di mondo era in fibrillazione per l'imminente ultima stagione di Game of Thrones. Oggi come oggi, i pensieri sono ben altri. Ma distrarsi un po' non guasta. Anzi. Allora, quale argomento migliore della serie più discussa dell'ultimo decennio (se non di più)?

A riaccendere i riflettori su Il Trono di Spade è stata Emilia Clarke, che in una intervista al britannico Times (riportata in parte da Complex) ha detto cosa pensa davvero del finale della storia di Daenerys, Jon e compagnia.

Advertisement

Gallery: Game of Thrones: le foto dell'episodio finale

L'attrice ha spiegato che la conclusione di GoT ha avuto una inevitabile ripercussione sulla sua vita:

Quando la serie è finita, è stato come uscire da un bunker. Sembrava tutto davvero strano. Ovviamente, anche per il contraccolpo che ha avuto.

E poi ha rivelato che, non appena ha avuto in mano la sceneggiatura, il suo pensiero è andato subito ai fan:

Sapevo come mi sentivo da quando ho letto [il copione] per la prima volta. Da allora, ho cercato di non pensare ogni momento a cosa avrebbe potuto dire il pubblico. Ma ho sempre tenuto in considerazione l'opinione degli spettatori. Perché è per loro che abbiamo fatto [Game of Thrones] ed è grazie a loro che abbiamo avuto successo. Di conseguenza... è solo educazione, no?

Emilia ha dato una sua interpretazione della reazione molto forte degli appassionati (per usare un eufemismo):

Penso che l'atmosfera incandescente a livello globale e le notizie orribili che si susseguono senza soluzione di continuità possano spiegare la spropositata indignazione dei fan. [Game of Thrones, n.d.r.] era qualcosa che la gente vedeva e capiva e su cui aveva una qualche sorta di controllo. E poi all'improvviso è cambiato in un modo che non le piaceva più.

Advertisement

La star britannica è rimasta anche un po' delusa per la storyline di Daenerys. Soprattutto perché Jon Snow non ha pagato nulla (o quasi) per avere ucciso la donna che amava e la sua regina:

Mi è dispiaciuto per [Daenerys]. Mi è dispiaciuto davvero molto per lei. E sì, sono arrabbiata che Jon Snow non abbia dovuto affrontare nessuna conseguenza. Ha commesso un omicidio e l'ha fatta franca.

L'ex Lord Comandante, ex Re del Nord e legittimo erede del Trono di Spade è stato (ri)mandato in esilio tra i Guardiani della Notte da Bran. Ma dopo la sconfitta degli Estranei, l'antico ordine non esiste più e di fatto Jon è libero. Non solo. Nel suo destino sembra essere scritto un futuro da Re oltre la Barriera. 

Ma in fondo, George R. Martin lo ripeteva da tempo: Game of Thrones avrebbe avuto un finale agrodolce. E così è stato...

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Daemon Targaryen nel quinto episodio, chi uccide e perché?

Leggi per scoprire cosa ha portato Daemon Targaryen, personaggio della serie TV House of the Dragon, a compiere determinate azioni di un certo tipo.
Autore: Francesca Musolino ,
Daemon Targaryen nel quinto episodio, chi uccide e perché?

Nel quinto episodio di House of the Dragon ci sono stati diversi colpi di scena inaspettati, come abbiamo spiegato nel nostro articolo House of the Dragon, cosa succede nel finale dell'episodio 5. La trama è stata incentrata soprattutto sui preparativi per le nozze della Principessa Rhaenyra, ma in tutto questo c'è stato anche un evento di rilievo che potrebbe aver segnato la svolta per un certo personaggio.

Attenzione: di seguito sono presenti spoiler sul quinto episodio di House of the Dragon

Sto cercando altri articoli per te...