Game of Thrones: un video e il "maestro dei draghi" rivelano i segreti dei figli di Daenerys

Autore: Silvia Artana ,

Chi sopravviverà alla stagione finale di Game of Thrones? A giudicare dal trailer dei giorni scorsi, nessuno sembra al sicuro e nella lunga lista di possibili (probabili) morti ci sono anche Drogon, Rhaegal e Viserion (questa volta, in maniera definitiva). Perché i draghi sono a tutti gli effetti tra i protagonisti della serie.

Comparsi per la prima volta nell'episodio 1x10, Fuoco e sangue, da graziosi cuccioli sono diventati imponenti, maestose e terrificanti creature e con buona probabilità avranno un ruolo cruciale nella battaglia tra vivi e morti (da una parte e dall'altra).

Advertisement

Se nella finzione ad averli (ri)portati in vita è stata Daenerys, nella realtà sono stati l'artista Dan Katcher e l'esperto di effetti speciali Sven Martin, VFX Supervisor della compagnia Pixomondo.

Il primo ha creato e modellato (letteralmente) i figli della Khaleesi, mentre il secondo si è occupato di farli apparire reali e della loro evoluzione nel corso delle stagioni, come potete vedere nell'incredibile video che trovate in copertina. 

Ma cosa rende i draghi di Game of Thrones così speciali?

In un'intervista rilasciata al sito specializzato in tecnologia CNET, Sven ha rivelato che Drogon, Rhaegal e Viserion sono realizzati completamente in digitale:

Nella serie, non sono mai stati usati fantocci o animatronics.

Le uniche eccezioni riguardano le scene in cui gli attori interagiscono in maniera fisica con le creature, per esempio quando Daenerys cavalca Drogon o Jon Snow lo accarezza sul muso, nell'episodio 7x05, Forte Orientale. In questo caso, vengono utilizzati dei supporti in polistirolo e delle piattaforme mobili, che sono eliminati in post produzione.

L'esperto di effetti speciali ha dichiarato che è stata sua intenzione fin dall'inizio dare vita a creature credibili, con presupposti reali e scientifici:

I draghi di Game of Thrones non sono solo bestie o mostri. [...] Il modo in cui sono realizzati, con una gamma di espressioni che rende palese ciò che provano, crea un legame tra loro e il pubblico, simile a quello che si prova per gli animali domestici. 

L'approccio è lo stesso utilizzato per creare i metalupi o il gigante Wun Wun e per Sven è uno dei motivi del successo della serie:

Advertisement

Penso che sia una delle ragioni per cui tante persone amano GoT, anche se non sono appassionate di fantasy.

Per raggiungere il proprio obiettivo, il VFX Supervisor e il suo team (composto da un numero variabile da 30 a 40 artisti) hanno lavorato sugli esempi forniti da uccelli preistorici e coccodrilli, creando Drogon e i suoi fratelli "strato per strato":

Seguendo l'idea di dare forma ai draghi basandoci sulla realtà, abbiamo iniziato a crearli procedendo dall'interno verso l'esterno. Ovvero, con ossa alla base, poi muscoli e grasso e infine pelle.

Tale organizzazione ha richiesto continui rimaneggiamenti e adattamenti, mano a mano che i figli di Daenerys crescevano:

A partire dal progetto iniziale e dai cuccioli della prima stagione, abbiamo modificato la struttura dei draghi facendola virare verso quella degli uccelli, sapendo che in seguito avrebbero volato. Lo studio dell'anatomia degli uccelli e dei pipistrelli ci ha portato ad aumentare l'ampiezza della cassa toracica e a rivedere il rapporto tra corpo e ali.

Sven e i suoi collaboratori si sono ispirati a lucertole, serpenti e rettili di vario tipo. Tuttavia, a quanto pare, è stato un pollo del supermercato a dare loro alcune delle risposte più importanti, fornendo chiarimenti fondamentali su come si allungano e si muovono le ali degli uccelli.

Ma la ricerca non è finita lì:

Advertisement

Per il colore della pelle siamo andati anche oltre, prendendo spunto da rane e ghepardi.

Sven ha ribadito che l'aderenza alla realtà è la base di tutto:

Ogni dettaglio dei draghi ha una controparte nel mondo animale.

Advertisement
HBO
GoT 8: Drogon e Danerys
Drogon e Danerys nell'episodio 7x04, Spoglie di guerra

Come ulteriore esempio, l'esperto di effetti speciali ha portato una caratteristica anatomica che è stata aggiunta alle gigantesche creature, dopo che hanno assunto il ruolo di protettrici di Daenerys:

[Nella terza stagione, n.d.r.], basandoci su una specie di rettili che esiste realmente, il clamidosauro [una grande lucertola, dotata di una sorta di collare che usa per apparire più minacciosa, n.d.r.], abbiamo inserito sul collo dei draghi una fila di squame acuminate, che mettono in mostra quando vogliono spaventare i nemici. In aggiunta a ciò, un elemento della mascella superiore scorre in avanti per rendere più visibili le zanne.

Ma l'evoluzione dei draghi non è stata solo fisica. Anche il loro comportamento è cambiato:

Mentre nella seconda stagione erano per lo più carini, nella quarta iniziano a essere minacciosi. Ma come i preadolescenti e gli adolescenti, non sono pienamente consapevoli della forza che hanno e iniziano a mostrare segni di ribellione nei confronti della loro madre.

Cosa si devono aspettare da loro i fan, nella stagione conclusiva? La risposta arriverà dal 14 aprile.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

The Big Bang Theory, arrivano nuovi episodi?

Scopri se è in arrivo un nuovo episodio di The Big Bang Theory, la nota sit-com statunitense: ecco quello che ne pensano i due creatori.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
The Big Bang Theory, arrivano nuovi episodi?

I creatori della serie TV The Big Bang Theory, Chuck Lorre e Bill Prady, hanno rilasciato un'intervista a Entertainment Weekly in occasione del 15esimo anniversario dalla messa in onda del primo episodio dello show. Il duo di autori ha parlato di una possibile riunione del cast per un episodio speciale, che mostri i personaggi qualche tempo dopo la chiusura della serie The Big Bang Theory. Il duo ha dichiarato che nonostante l'idea li stuzzichi, realizzarla non sarebbe affatto facile, proprio a causa dell'episodio finale della serie.

Bill Prady ha dichiarato:

Sto cercando altri articoli per te...