Gangs of London episodi 6 e 7: dopo il massacro, a carte scoperte

Autore: Chiara Poli ,
Recensioni
3' 36''
Copertina di Gangs of London episodi 6 e 7: dopo il massacro, a carte scoperte

Rivelazioni, flashback, segreti che emergono e altri che restano 

Difficile, anzi impossibile, dimenticare un episodio come quello visto la settimana scorsa: un massacro senza precedenti in TV.

Advertisement

I due nuovi episodi di #Gangs of London, i numeri 6 e 7 trasmessi in prima visione assoluta da Sky Atlantic, ci ricordano però che non c’era stato solo il massacro al nascondiglio dell’assassino di Finn Wallace.

No. C’era stata anche un’incursione in casa di Sean (Joe Cole), per ucciderlo.

Tentativo fallito grazie al pronto intervento di Alex (Paapa Essiedu), capace di freddare il killer appena in tempo dopo che Sean, sfuggito al primo attentato, aveva portato a casa Elliot (Sope Dirisu), l’agente sotto copertura che si è preso una pallottola per salvargli la vita.

Gangs of London Gangs of London Per 20 anni, Finn Wallace è stato il criminale più potente di Londra. Miliardi di sterline scorrevano attraverso la sua organizzazione ogni anno. Ma ora è morto e nessuno sa ... Apri scheda

Doppio gioco

Il gioco di Gangs of London non è mai lineare: c’è sempre un doppio (se non triplo) gioco. La merca più preziosa nell’universo narrativo della serie non è il denaro, bensì la lealtà. 

Perché un tradimento può rimettere tutto in discussione, e lasciare di nuovo un vuoto di potere al vertice dell’organizzazione che gestisce i rapporti fra tutte le bande criminali organizzate di Londra.

Ora che Ed (Lucian Msamati) sa chi è stato il mandante dell’omicidio di Finn, il suo amico di una vita, è pronto a vendicarlo. Ma si ferma. Perché sa bene che creerebbe nuovi, interminabili conflitti.

Il montaggio alternato fra la torta di Billy (Brian Vernel) e le conseguenze delle stragi - 6 settimane più tardi - ci dice una cosa sola: la vita continua. A qualsiasi costo.

Advertisement

E il costo per Elliot Finch è più elevato che per chiunque altro, perché finge continuamente. Fa di tutto per rendere credibile la sua copertura e rischia la vita su più fronti.

Verità

Non vogliono che Sean sia coinvolto, lo vogliono fuori: è troppo irrequieto e imprevedibile.

Ed svela al figlio ciò che ha scoperto parlando con Jevan (Ray Panthaki). Ed eccola lì, la lealtà: Alex vuole dire a Sean chi sta cercando di ucciderlo e suo padre non vuole che lo faccia. A chi sarà leale Alex? Al suo amico o alla famiglia? La scelta è semplice, dopo aver visto ciò che Marian (Michelle Fairley) e Sean fanno alla donna travestita da cameriera. La famiglia più disfunzionale della città vuole sapere chi ha eliminato il suo patriarca… Mentre si prende cura del cane della donna che tortura e che, da bravo poliziotto, Elliot usa per scoprire la sua identità.

Advertisement

Il flashback sulla volontà di Finn di lasciare tutto e fuggire, affidando l’impero a Ed, è la sua condanna a morte. Un uomo che sa ciò che sa Wallace non potrà mai andarsene via, libero.

Manca qualcuno. C’è qualcun altro dietro tutto questo.

Elliot Finch è un ottimo investigatore: non sbaglia. Jevan non è il nome che pone fine a tutti gli interrogativi. Qualcun altro, ben più potente di lui, vuole che i Dumani controllino gli affari degli Wallace. Lo stesso che ha rubato mezzo miliardo di sterline a Luan (Orli Shuka)?

Mosi (Richard Pepple), il capo dei nigeriani, è a Londra. E tanto basta perché il sangue scorra. Mosi crede che Luan l’abbia derubato, ma non l’ha fatto.

Advertisement

Sky
Gangs of London: Mosi
Gangs of London: il regalo di Mosi per la figlia di Luan

Il sangue non si ferma mai

Il massacro dei curdi per mano di Asif (Asif Raza Mir), il boss dei pakistani, lascia una sola sopravvissuta. Lale (Narges Rashidi) ha visto morire chi amava, ancora una volta. 

Luan sa che gli succederà la stessa cosa quando Mosi si presenta alla festa di sua figlia. Mosi minaccia Luan, lui minaccia Ed - e neanche lui sa chi abbia rubato i soldi.

Fino alla resa dei conti: Wallace contro Dumani.

Alex svela ciò che sa, e così fa Ed. Le carte finiscono sul tavolo… A rubare è stato Finn, pronto a fuggire verso la sua nuova vita.

Gli investitori l’hanno ucciso, ma vogliono Alex al comando dell’organizzazione.

Sean dev’essere fuori… Proprio perché è fuori controllo - e spara a Ed.

Appuntamento al doppio finale di stagione, lunedì in prima assoluta su Sky Atlantic!

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Godfather of Harlem: le serie da non perdere, se ti piace la storia sul boss del crimine Bumpy Johnson

Spaccio di droga e criminalità organizzata sul piccolo schermo non sono prerogative di Godfather of Harlem. Spesso ispirate a storie vere, ci sono altre serie TV che meritano di essere quantomeno sbirciate, se siete amanti del genere.
Autore: Elena Arrisico ,
Godfather of Harlem: le serie da non perdere, se ti piace la storia sul boss del crimine Bumpy Johnson

Protagonista di #Godfather of Harlem è il criminale Bumpy Johnson, nella serie Epix interpretato da Forest Whitaker.

Creato da Chris Brancato e Paul Eckstein, prodotto dal 2019 e alla sua seconda stagione, il crime drama racconta la vera storia del boss del crimine che, negli anni Sessanta - uscito da Alcatraz, dove fu imprigionato per dieci anni – torna nel suo quartiere, scoprendo che quest’ultimo è controllato dalla mafia italiana.

Sto cercando altri articoli per te...