È morto Garry Marshall: il creatore di Happy Days aveva 81 anni

Autore: Silvia Artana ,

Addio, Garry Marshall. Il "papà" di Happy Days si è spento martedì 19 luglio all'età di 81 anni in un ospedale di Burbank, a Los Angeles, per le complicazioni di una polmonite, sopraggiunta dopo un ictus. 

Come riporta Mashable, la notizia della morte è stata confermata dall'agente di Marshall, Michelle Bega, e subito sul web sono comparsi tantissimi messaggi di cordoglio da parte dei colleghi del grande sceneggiatore, regista, produttore e attore.

Advertisement

Henry Winkler, interprete dell'iconico Fonzie, lo ha ricordato su Twitter con parole piene di riconoscenza e di affetto:

Riposa in pace, Garry Marshall. Grazie per la mia vita professionale. Grazie per la tua lealtà, amicizia e professionalità.

[twitter id="755602181860974592"]

Un omaggio commosso è arrivato anche da Zelda Williams, figlia di Robin Williams, che Marshall ha lanciato con la sit-com Mork & Mindy. La giovane ha scritto:

RIP Garry Marshall. Hai cambiato per sempre la vita di mio padre e la mia. Grazie per avere rappresentato tanta felicità nei tuoi film, più e più volte.

[twitter id="755602022049599488"]

Garry Marshall era nato nel Bronx, a New York, nel 1934, da un produttore cinematografico e da una ballerina di tip-tap. In un'intervista a USA Today ad aprile, l'uomo ha parlato della madre, riconoscendole il merito di averlo fatto diventare com'era:

Era speciale, ha dato a me e alle mie sorelle il nostro senso dell'umorismo. Ricordo che mi diceva: 'Non devi mai essere noioso, devi far divertire la gente'. Ma a 16 anni non sapevo che cosa significasse essere noioso. Così le ho chiesto: 'Che cosa è noioso, ma?'. E lei: 'Tuo padre'.

Tenendo bene a mente il prezioso insegnamento, alla fine del 1950 il giovane Garry è entrato a fare parte del mondo dello spettacolo, come autore di battute per The Tonight Show con Jack Paar e nel 1970 ha firmato la sua prima serie per la televisione, La Strana Coppia, dall'adattamento dell'omonima pièce teatrale di Neil Simon.

L'ottimo riscontro di critica e pubblico l'ha convinto che la commedia fosse la sua strada e sono nate così tre produzioni entrate a far parte della storia del piccolo schermo: Happy Days, Laverne & Shirley (in cui sua sorella Penny ha recitato nei panni di Laverne DeFazio) e Mork & Mindy.

Advertisement
Garry Marshall con gli attori della serie TV Happy Days
Garry Marshall (il primo a sinistra) con alcuni attori del cast di Happy Days a un evento di qualche tempo fa

Gli anni '80 hanno visto Garry Marshall partire alla conquista del cinema. Anche in questo caso, l'uomo ha dimostrato di avere talento creativo e lungimiranza commerciale, firmando come regista una serie di film che sono considerati dei veri e propri capisaldi della comicità e dell'intrattenimento leggero. Tra i titoli più noti ci sono: Flamingo Kid, Una Coppia alla Deriva e Spiagge.

Advertisement

La consacrazione sul grande schermo è arrivata nel decennio successivo, con pellicole cult come Pretty Woman (che ha lanciato la carriera di Julia Roberts), Paura d'AmareSe Scappi Ti Sposo, Pretty Princess (in cui è apparsa la giovanissima Anne Hathaway) e Quando Meno Te lo Aspetti.

Negli anni 2000, invece, è stata la volta dei film corali, tra cui Appuntamento Con l'Amore e Capodanno a New York.

Ma Marshall non si è limitato a stare dietro alla macchina da presa. Nella sua carriera, infatti, si è più volte calato nei panni d'attore, partecipando a film come Ragazze Vincenti e Mai Stata Baciata e apparendo in camei in diverse serie TV, per esempio Brothers & Sisters - Segreti di famiglia e #La Vita Secondo Jim.

Garry Marshall lascia la moglie, l'infermiera di 53 anni Barbara Sue Marshall, le sorelle Penny Marshall e Ronny Hallin, 3 figli (Lori, che fa la scrittrice, la produttrice teatrale Kathleen e Scott, che ha seguito le orme paterne, diventando regista di serie TV) e 6 nipoti.

Advertisement

Il funerale si svolgerà in forma privata, ma il 13 novembre, giorno del suo compleanno, è previsto un grande memoriale pubblico.

La famiglia ha chiesto di non inviare fiori, ma di effettuare delle donazioni a nome del proprio caro a The Saban Community Clinic, al reparto di Terapia Intesiva del Providence Saint Joseph Medical Center di Burbank e alla Northwestern University Undergraduate Scholarship Fund.

Fonte Video: Kikapress.com

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...