George R.R. Martin non ha letto i copioni di GoT 8: il finale del libro sarà diverso

Autore: Sara Provasi ,
Copertina di George R.R. Martin non ha letto i copioni di GoT 8: il finale del libro sarà diverso

È ufficiale: i finali di Game of Thrones della serie TV e dei libri de Il trono di spade saranno diversi.

L'ultimo romanzo pubblicato da George R.R. Martin è stato A Dance with Dragons nel 2011 e pare - finalmente - che manchi relativamente poco all'uscita di The Winds of Winter, sesto e attesissimo capitolo della saga de Il Trono di Spade. L'autore, noto per la sua lentezza nel procedere con la scrittura, si è finalmente messo d'impegno, forse anche in seguito all'insistenza dei fan: ha persino rifiutato di fare un cameo nell'ultima stagione di GoT perché viaggiare dal New Mexico (dove vive) all'Irlanda del Nord (dove si sono tenute alcune delle riprese) avrebbe rubato troppo tempo alla stesura del libro.

Advertisement

Dunque, forse, ci siamo. Per non perdere tempo Martin non solo non è mai stato sul set, ma non ha nemmeno letto i copioni della stagione 8 di Game of Thrones. L'ha ammesso lui stesso in un'intervista che ha rilasciato a Entertainment Weekly, aggiungendo che potrebbero esserci parecchie discrepanze tra il libro e la serie. Quest'ultima sta infatti proseguendo da anni senza nuovi libri di Martin, quindi le differenze (che hanno già iniziato a palesarsi) saranno inevitabili anche per quanto riguarda l'epilogo.

Se non ci sarà nessun libro a "rovinare" il finale della serie ai fan di GoT, ora è proprio la serie che rischia di anticipare il finale del prossimo libro (che non sarà nemmeno l'ultimo della saga), quando uscirà. Per questo motivo, Martin ha assicurato di aver preso accordi con David Benioff e D.B. Weiss, gli showrunner di Game of Thrones, al fine di non rivelare al pubblico nessuna delle differenze tra futuri romanzi e serie, per garantire un'esperienza di lettura originale.

L'autore nutre sentimenti contrastanti riguardo al finale di stagione di GoT e ha detto a Entertainment Weekly che gli sarebbe piaciuto terminare i libri prima del finale della serie, pensiero condiviso da molti fan:

Advertisement

Ovviamente, speravo di finire questi libri prima, così che lo show non mi superasse. Non mi ero mai aspettato che succedesse davvero.

Come è stato confermato da Benioff e Weiss, anch'essi intervistati dalla rivista statunitense, non si sa da dove Martin tragga le idee per le storie che scrive. Molte cose poi le scopre durante la scrittura: varie sfumature prendono forma e diventano nuove ispirazioni. Perciò i lettori della saga non hanno nulla da temere: la lettura sarà sicuramente diversa rispetto alla serie TV.

L'unico elemento che i lettori troveranno per certo anche in The Winds of Winter è la verità sull'origine del nome di Hodor. Oltre a questo, il libro di Martin potrebbe focalizzarsi su qualsiasi altra cosa, anche su qualche storyline apparentemente conclusa nella serie.

Magari nel libro, per esempio, scopriremo che Stannis è ancora vivo... o lo ritroveremo anche nell'ultima stagione di GoT? Manca poco per saperlo: l'ultima stagione uscirà infatti il 14 aprile negli USA e il giorno dopo arriverà in Italia su Sky!

Advertisement

Via Entertainment Weekly e AV Club

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...