Giappone: gamer combatte la depressione con dei bonus giornalieri

Autore: Rebecca Micol ,

C’è chi vede ogni giorno come una nuova opportunità per raccogliere le sfide che ci offre il mondo, ma c’è anche chi, purtroppo, è intrappolato in una spirale di routine e abitudini da cui non riesce a uscire, domandandosi quale sia il senso della vita.

Probabilmente è ciò che si è chiesto anche Kyo-kun, un gamer giapponese affetto da depressione da diverso tempo. Il giovane, però, ha deciso di reagire e non darla vinta alla sua malattia. Ha sfruttato le sue conoscenze videoludiche e creato un metodo per ottenere dei bonus giornalieri ogni mattina appena sveglio - o meglio, ogni volta che effettua un log-in nella vita vera!

Advertisement

Kyo-kun ha acquistato un calendario particolare, con delle tasche per ogni giorno del mese. A questo punto, in ogni tasca ha infilato una moneta da 500 yen (circa 4 euro), ovvero una ricompensa spendibile immediatamente per ogni log-in effettuato la mattina. Inoltre, ogni lunedì – quando avremmo bisogno tutti di una (ri)carica in più – ha aggiunto una banconota da mille yen (circa 7 euro), e lo stesso ha fatto alla fine di ogni mese, come ricompensa finale per il lavoro svolto nelle quattro settimane precedenti.

[twitter id="1025646464645525506"]

Questo metodo ingegnoso e divertente è subito diventato virale online e ha attratto le simpatie di molti utenti:

Tutto diventa più facile quando sai di ricevere in cambio qualcosa di buono.

C’è anche chi vorrebbe applicare questo metodo in altri campi della vita quotidiana:

Advertisement

Dovrei premiarmi in questo modo per rigare dritto con la mia dieta.

E chi suggerisce dei miglioramenti:

Io aggiungerei un altro bonus il venerdì, come premio per tutto il lavoro svolto durante la settimana.

Nonostante l’aiuto psicologico sia fondamentale per malattie come la depressione, piccole iniziative individuali come questa possono davvero fare la differenza nella quotidianità, anche se non dovesse capitare nulla di straordinario durante la giornata.

E se vogliamo usare una metafora da nerd, è un’ottima opportunità per ravvivare quello che sembrava un terribile videogioco.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...