God of War su PS4: dove trovare tutti i Codici Niflheim

Autore: Andrea Guerriero ,
Trucchi
2' 1''
Copertina di God of War su PS4: dove trovare tutti i Codici Niflheim

L'ira di Kratos si è abbattuta sulle nostre PlayStation 4.

Il più recente capitolo di God of War ha infatti debuttato lo scorso 20 aprile sulla console di ultima generazione giapponese, segnando un ''soft reboot'' per l'universo creato da Santa Monica Studio e Sony, con le avventure del guerriero spartano spostate tra i ghiacci del nord. 

Advertisement
Advertisement

Andiamo allora a scoprire dove trovare i Codici Niflheim, che vi permetteranno di accedere al secondo Regno opzionale di God of War. Vi ricordo che la guida contiene alcuni spoiler minori sulla trama del videogame, dunque procedete nella lettura a vostro rischio e pericolo. 

Prima di cominciare, tenete a mente che i forzieri contenenti i Codici sono 7, ma solo 4 vi serviranno per il vostro scopo. Di conseguenza andrò a segnalarvi solo quelli più agevoli da raggiungere, così da abbassare il livello di difficoltà della sfida.

I forzieri più semplici da raggiungere

La Montagna

Guardando l'ingresso della caverna che si addentra nella Montagna, voltatevi a sinistra e concentratevi verso il basso. Calatevi allora lungo la parete di roccia, dove vedrete la crepa. Giungerete così ad uno spiazzo, che ospita - sulla sua sinistra - il forziere.

Torre di Guardia

Attraccate sulla spiaggia immediatamente sottostante il ponte. Dirigetevi a destra, e scorgerete il forziere protetto da degli spuntoni. Abbassate questi ultimi colpendo il meccanismo nei pressi della barca, e avrete accesso al secondo pezzo del codice.

Rovine degli Antichi

Dovrete recarvi nella parte nord-ovest del Lago dei Nove. Dall'attracco, proseguite dritt0, tra le due gigantesche colonne di pietra. Troverete il forziere poco più avanti.

Lago dei Nove

Attraccate la vostra imbarcazione vicino ai due immensi rematori in legno, nei pressi del Consiglio delle Valchirie. Lasciate che Atreus spari ai cristalli esplosivi e scalate due pareti di roccia: guardando verso destra, noterete altri cristalli da far esplodere. Proseguendo oltre le rocce, troverete il forziere.

Advertisement

Il Serpente del Mondo

Nel corso della storia, vi troverete a esplorare l'interno del Serpente del Mondo per recuperare l'occhio mancante di Mimir. Addentrandovi nel Serpente, arriverete a una piattaforma in cui troverete un forziere: al suo interno, vi è l’occhio di Mimir. Poco più avanti, su una struttura di legno da raggiungere con un salto, troverete uno dei Codici. Dato che non avrete più modo di accedere al Serpente nelle fasi successive di gioco, curatevi di aprire il forziere in questione finché ne avete la possibilità.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Il film nascosto di Tim Burton che forse non conosci [GUARDA]

Scopri qual è il film nascosto di Tim Burton di cui si parla poco ma che è stato molto importante per rendere il famoso autore quello che conosciamo ora.
Autore: Agnese Rodari ,
Il film nascosto di Tim Burton che forse non conosci [GUARDA]

Tim Burton è un regista, produttore e sceneggiatore che riesce a stregare il pubblico grazie a uno stile inconfondibile, che unisce fantasy e grottesco con un carattere sempre originale. Molti conoscono Burton grazie al cupo film Edward mani di forbice (di cui potete leggere il nostro articolo temi e significato di Edward mani di forbice) o al più recente La fabbrica di cioccolato, entrambi con la partecipazione dell’attore Johnny Depp.

Non tutti però sanno dell’esistenza di un mediometraggio di Burton molto particolare, che è stato trasmesso una sola volta per l'occasione di Halloween su Disney Channel americano, il 31 ottobre 1983, per poi sparire nel nulla. Il film in questione si intitola Hansel and Gretel, tratto dall’omonimo racconto dei celebri fratelli Grimm ma che presenta una rivisitazione in stile giapponese, dato il fascino che il Paese del Sol Levante esercitava su Burton all’epoca. Proprio dal Giappone Burton riprese la tecnica della stop motion (già usata per molti film su Godzilla). Questa consiste nell'usare oggetti inanimati che vengono mossi e fotografati ad ogni loro piccolo cambio di posizione, di modo che una volta unite le fotografie in sequenza, nel risultato finale sembrino muoversi in maniera autonoma.

Sto cercando altri articoli per te...