Google Stadia: ecco con quali dispositivi Android e iOS funzionerà al lancio

Autore: Andrea Guerriero ,
Copertina di Google Stadia: ecco con quali dispositivi Android e iOS funzionerà al lancio

Per Google, il futuro del gaming non è da ricercarsi nelle console. Mentre Microsoft e Sony hanno confermato di essere al lavoro sulle prossime piattaforme next-gen - vale a dire PlayStation 5 e Xbox Scarlett -, il colosso di Mountain View ha scelto la via dello streaming con la sua Stadia.

Non che le rivali non si stiano impegnando in tal senso - pensiamo a Project xCloud e PlayStation Now -, ma big G è la prima delle grandi ad aver voluto tagliare definitivamente i ponti con il supporto fisico, volendo permettere a tutti di videogiocare sfruttando solo una connessione di rete e un qualsiasi dispositivo dotato di schermo in alta definizione.

Advertisement

O, almeno, queste sono le intenzioni. Dopo la prima presentazione di Google Stadia, la compagnia americana ha successivamente snocciolato il periodo di uscita e i costi dell'abbonamento alla piattaforma, lasciando però spazio pure a giustificati dubbi da parte dei semplici appassionati e degli esperti di settore. Al lancio, infatti, la decantata libertà messa sul piatto dal pacchetto videoludico del colosso delle ricerche online sarà piuttosto limitata, con molti più paletti di quanto si credesse - e temesse!

Advertisement

Limiti che si sono fatti ancora più stringenti nelle ultime ore, con un aggiornamento della pagina sulle Domande Frequenti del sito ufficiale di Google Stadia che va a specificare quali dispositivi mobile saranno supportati all'uscita sul mercato del servizio in game streaming - atteso in Italia a novembre.

Ebbene, saranno solo i device Pixel 3 e 3a (nello specifico, Google Pixel 3a, 3a XL, 3 e 3 XL) a permettervi di videogiocare al lancio. Google ci tiene però a precisare che in futuro saranno supportati altri dispositivi, affiancati dai requisiti di connessione già ufficializzati dalla società.

Gli acquirenti della Founder's Edition, prezzata a 129 euro, o i gamer occasionali potranno quindi giocare su smartphone solo tramite un dispositivo Pixel 3. Chi vorrà, potrà comunque creare il proprio account, effettuare acquisti su abbonamenti e videogiochi da qualsiasi smartphone o tablet Android (con sistema operativo pari o superiore ad Android M) o iOS (anche qui, da dispositivi con iOS 11 o versioni successive), il tutto attraverso l'accesso all'app ufficiale di Google Stadia.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

Altre 300 persone hanno perso il lavoro a causa della crisi Netflix, che comunque continua a investire su prodotti originali.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Netflix licenzia altre 300 persone (ma continua a investire)

È la stessa azienda ad annunciarlo. Netflix ha purtroppo licenziato altri 300 dipendenti, dopo averne "mandati a casa" 150 il mese scorso. Si tratta di un nuovo taglio del personale pari al 3% della forza lavoro dell'azienda che conta circa 11 mila dipendenti.

La dichiarazione di un portavoce di Netflix ha fatto sapere che:

Sto cercando altri articoli per te...