Hammamet: Pierfrancesco Favino è Bettino Craxi nel trailer ufficiale

Autore: Claudio Rugiero ,

Si è vociferato a lungo del nuovo lavoro di Gianni Amelio con protagonista Pierfrancesco Favino nei panni di Bettino Craxi, lo storico segretario del Partito Socialista Italiano (ruolo che ricoprì dal 15 luglio 1976 all'1 febbraio 1993).

Dopo mesi di attesa, Hammamet ha finalmente un trailer ufficiale e scopriamo così un Favino irriconoscibile dietro il trucco di scena. Il film uscirà il 9 gennaio 2020 con 01 Distribution e il titolo fa chiaramente riferimento all'omonima città tunisina dove il politico milanese morì il 19 gennaio 2000 in seguito ad un arresto cardiaco.

Advertisement

01 Distribution
Pierfrancesco Favino nel poster ufficiale di Hammamet

Come possiamo vedere nel trailer ad inizio articolo, Hammamet si preannuncia un grande film in cui la regia di Amelio (che nel 1991 fu nominato all'Oscar per Porte aperte) sembra toccare picchi altissimi, soprattutto per quanto riguarda il tratteggiamento dello sfondo politico imperante in quegli anni. Il video si apre con un movimento di macchina che accarezza il protagonista interpretato da Favino, seduto ad un tavolo e inquadrato di spalle, e finisce per mostrare un punto di vista distanziato, come a voler evidenziare la complessità della sua figura. L'attore sparisce letteralmente dietro il personaggio e tutti intorno a lui finiscono per sembrare in sintonia con la sua performance.

Advertisement

Per Favino, si tratta della seconda volta in due anni alle prese con un personaggio realmente esistito: lo abbiamo infatti recentemente visto impersonare il pentito Tommaso Buscetta ne Il traditore di Marco Bellocchio, film presentato in concorso allo scorso Festival di Cannes e uscito nelle sale italiane a maggio 2019.

Trama e cast

Hammamet traccia uno spaccato scottante della nostra Storia recente. A vent’anni dalla sua scomparsa, il nome di Bettino Craxi è chiuso oggi in un silenzio assordante. Eppure in passato si è imposto come uno dei personaggi più discussi del Novecento italiano e la sua figura ha riempito le pagine dei nostri giornali.

Basato su testimonianze reali, il film non vuole essere una cronaca fedele né un pamphlet militante. La narrazione ha piuttosto l’andamento di un thriller che si sviluppa su tre caratteri principali: il re caduto, la figlia che lotta per lui e un ragazzo misterioso che si introduce nel loro mondo per cercare di scardinarlo dall’interno.

Il cast di Hammamet comprende Pierfrancesco Favino, Livia Rossi, Luca Filippi, Silvia Cohen, Alberto Paradossi, Federico Bergamaschi, Roberto De Francesco, Adolfo Margiotta, Massimo Olcese, Giuseppe Cederna, Renato Carpentieri e Claudia Gerini. Nel film recita inoltre Omero Antonutti (Benvenuto Presidente! e Romanzo di una strage), l'attore friulano deceduto lo scorso 5 novembre 2019.

Sceneggiato da Gianni Amelio con Alberto Taraglio, alla loro terza collaborazione dopo La tenerezza e Così ridevano, Hammamet è prodotto da Pepito Produzioni con RAI Cinema e in associazione con Minerva Pictures Group e Evolution People.

Le musiche sono del maestro Nicola Piovani, nel 1999 vincitore di un Oscar per La vita è bella di Roberto Benigni.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Volevo nascondermi guida la corsa ai David di Donatello 2021: tutte le nomination ai premi del cinema italiano

Favolacce, Hammamet e Volevo nascondermi guidano la corsa ai David di Donatello 2021, in un'annata che vede aumentare la presenza femminile e della distribuzione alternativa nelle categorie strategiche. Tutte le nomination.
Autore: Elisa Giudici ,
Volevo nascondermi guida la corsa ai David di Donatello 2021: tutte le nomination ai premi del cinema italiano

Favolacce, Hammamet e Volevo nascondermi sono i tre film italiani a guidare la corsa ai David di Donatello 2021, rispettivamente con 15, 14 e 13 candidature. È questo il primo verdetto di un'annata di transizione e parziale cambiamento non solo per il mondo del cinema italiano, ma anche per quello del premio ad esso legato. 

Subito dopo i primi tre candidati vediamo infatti le 11 candidature di L'incredibile storia dell'Isola delle Rose, produzione Netflix che ha fatto il suo esordio direttamente sulla piattaforma a pagamento. Importante (e femminile) la presenza di film italiani che hanno beneficiato del trampolino del Festival di Venezia, l'unico tenutosi in presenza e quasi a pieno regime dell'annata. Sia Miss Marx sia Le sorelle Macaluso c'entrano la nomination come miglior film e miglior regia. 

Sto cercando altri articoli per te...