Happy Days, la reunion in onore di Garry Marshall dopo 45 anni

Autore: Rina Zamarra ,
News
1' 40''

Henry Winkler, Ron Howard, Don Most, Anson Williams e Marion Ross si sono riuniti per onorare la memoria del produttore Garry Marshall, scomparso nel 2016.

Tutto il cast originale di Happy Days ha deciso di ritrovarsi per partecipare a una serata di raccolta fondi a sostegno del teatro fondato da Marshall a Burbank, in California.

Advertisement

[twitter id="1195089044042133504"]

La reunion non poteva che trasformarsi in una serata racconto, che li ha riportai indietro nel tempo agli anni in cui vestivano i panni di Richie Cunningham (alias Ron Howard), Arthur Fonzie Fonzarelli (alias Henry Winkler), Warren Potsie Weber (Anson Williams), Ralph Malph (alias Don Most) e Marion Cunningham (alias Marion Ross).

Henry Winkler ha ricordato addirittura i tempi del primo provino per il ruolo di Fonzie:

Per la parte stavano cercando un italiano prestante e alto e si sono ritrovati con un ebreo di piccola statura!

Ron Howard ha aggiunto:

Siamo qui in onore di Garry e questa serata mi sembra un collegamento tra i diversi punti di un’intera storia. 

Il regista ha interpretato il personaggio di Richie per ben sette stagioni, prima di iniziare la sua carriera dietro la macchina da presa e di ottenere grandi consensi di pubblico e critica con film come A Beautiful Mind, Apollo 13 e Frost/Nixon.

Non a caso Marion Ross, la madre televisiva di Ron Howard, ha scherzato durante la serata dichiarandosi molto fiera dei suoi figli.

Advertisement

[twitter id="1194983202605195264"]

Insomma, il cast ha dimostrato come a 45 anni di distanza dalla fine della serie ci sia ancora affetto e affiatamento tra di loro e come la sintonia sia stata opera anche del compianto Garry Marshall. 

Advertisement

 Secondo Don Most, che ha prestato il suo volto a Ralph per 168 episodi, il successo di Happy Days è dovuto proprio alla coesione tra i membri del cast: 

Eravamo così bravi sul set perché ci rispettavamo molto e ci volevamo bene. Siamo riusciti a far sembrare semplice una cosa che non lo era affatto. 

E voi cosa ne pensate? Siete dei fan di Happy Days?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...