Hartley Sawyer licenziato da The Flash per tweet dal contenuto violento e offensivo

Autore: Silvia Artana ,
News
5' 0''
Copertina di Hartley Sawyer licenziato da The Flash per tweet dal contenuto violento e offensivo

Le parole hanno valore. E dal web non scompare nulla. Alcuni vecchi tweet violenti e offesivi sono costati a Hartley Sawyer il ruolo di Ralph Dibny/Elongated Man in #The Flash. L'attore è stato licenziato dalla serie dopo che suoi svariati post dal contenuto razzista, misogino e omofobo sono riemersi online negli scorsi giorni. L'account della star è stato cancellato, ma gli screenshot hanno continuato a rimbalzare sui social e hanno portato al provvedimento nei confronti di Sawyer.

Come scrive The Hollywood Reporter, The CW, Warner Bros. TV, Berlanti Productions e il produttore esecutivo di The Flash, Eric Wallace, hanno rilasciato un comunicato congiunto in cui hanno dichiarato di ritenere inaccettabili le parole dell'attore e di non volere più lavorare con lui:

Advertisement

Hartley Sawyer non tornerà per la settima stagione di The Flash. In merito ai post del signor Sawyer sui social media, non tolleriamo alcun tipo di osservazione dispregiativa riguardo a razza, etnia, nazione di origine, genere e orientamento sessuale. Queste dichiarazioni sono antitetiche ai nostri valori e alla nostra politica, che si battono e sono in continua evoluzione per promuovere un ambiente di lavoro sicuro, inclusivo e produttivo.

I tweet sono precedenti all'ingresso di Sawyer in The Flash nel 2017 e sono una impressionante sequela di frasi e dichiarazioni discriminatorie, umilianti, violente e degradanti. In uno, l'attore si dichiara orgogliosamente razzista:

A cena fuori e ho subito fatto vedere che sono razzista. Di nuovo.

In un altro, afferma che l'unica cosa che lo trattiene dal pubblicare tweet "vagamente razzisti" (!) è la consapevolezza che il reverendo e attivista afroamericano Alfred Charles "Al" Sharpton Jr. gli darebbe il tormento:

Nel mirino della violenza verbale di Sawyer ci sono anche le donne e gli emarginati:

Se avessi una moglie, stanotte la picchierei a sangue.

Come uomo, una delle mie attività preferite è rapire donne che vivono per strada e asportare i loro seni.

L'attore scherza pure sulle molestie sessuali e la pedofilia:

Mi sono abbioccato sul divano come un molestatore di bambini/mio fratello.

L'ex star di The Flash non risparmia battute discutibili neanche sul suicidio ("La cosa più triste per chi si uccide è che non sentirà mai più David Bowie") e sull'aspetto fisico:

Advertisement

Dio, ci sono attrici così grasse. Dove sono le ragazze magre?

L'elenco sembra infinito e Hartley Sawyer ha provato a fermare lo tsunami di sdegno con un lungo post su Instagram in cui fa ammenda per il proprio comportamento passato:

Non sono qui per cercare scuse. A prescindere dalle mie intenzioni, le parole contano e hanno conseguenze profonde. Le mie hanno causato dolore, imbarazzo e altri sentimenti che posso solo immaginare ai miei fan, ai miei compagni di set, ai miei colleghi e ai miei amici. Devo a tutti voi delle scuse. 

L'attore ha detto di essere "incredibilmente dispiaciuto e di vergognarsi ed essere deluso" di sé stesso per quello che ha detto:

Le mie parole, che non facevano ridere, sono state dolorose e inaccettabili. Mi vergogno di avere cercato di attirare l'attenzione in quel modo orribile. Ne sono profondamente pentito. Non era un comportamento accettabile.

L'ex star di The Flash ha concluso dicendo di avere intrapreso un percorso di crescita e consapevolezza che l'ha portata a diventare un uomo diverso e che i suoi vecchi tweet "non rappresentano ciò che penso e chi sono adesso": 

Ho ancora molto lavoro da fare. Ma quello che sono oggi non alleggerisce la gravità delle mie parole e della mia responsabilità [per quello che ero allora, n.d.r.]. Mi dispiace molto.

La sincerità del cambiamento e del pentimento di Hartley Sawyer è qualcosa che solo il diretto interessato conosce davvero. Ma di certo, le parole dell'attore pesano come macigni e hanno colpito duramente i colleghi e le persone che lavoravano con lui.

Advertisement

Dopo il comunicato ufficiale, Eric Wallace, che è di origini afroamericane, ha pubblicato un altro post su Twitter, in cui ha offerto una riflessione personale sui vecchi messaggi di Sawyer:

Quello che ha scritto mi ha spezzato il cuore e mi ha fatto impazzire di rabbia. Ed è indicativo di un problema più grave nel nostro paese. Perché oggi come oggi, il nostro paese tollera e protegge ancora le continue aggressioni - volontarie e di altro genere - che terrorizzano e brutalizzano le persone di colore e che spesso hanno epiloghi tragici. Ed è questo il motivo per cui il nostro paese si sta sollevando ancora una volta, sta gridando 'Adesso basta!' e sta scendendo in piazza per un cambiamento reale.

Il produttore esecutivo ha dichiarato il suo impegno per rendere The Flash un luogo di lavoro e una produzione improntati alla consapevolezza, alla diversità e alla inclusività:

Advertisement

Sì, è una serie per famiglie. Ma per tutte le famiglie. E questo include quelle di colore. Perché questo accada, continuerò a cercare sceneggiatori, attori, registi e produttori di tutti i generi. Le loro storie fanno parte della cultura americana e devono essere ascoltate. E più le ascolterete e le vedrete e più vi renderete conto di un semplice fatto: anche noi siamo esseri umani. 

Wallace ha concluso il suo post con un endorsement al movimento Black Lives Matter:

L'unico modo per essere liberi è che tutti siamo liberi.

Il lungo post di Wallace è stato condiviso dal protagonista di The Flash, Grant Gustin, che ha detto di condividere ogni parola dell'uomo e ha dichiarato il proprio sconcerto e dolore per le frasi dell'ex collega:

Non ho molto da aggiungere, perché Eric ha espresso i suoi pensieri in maniera potente ed eloquente. Quello che posso dire è che sono rimasto shockato, addolorato e arrabbiato quando ho visto i tweet. Le parole hanno valore.

Il mondo dello spettacolo ha mosso un altro passo lungo la strada della consapevolezza e della inclusività. Ma come scrive giustamente Eric Wallace, i vecchi tweet di Hartley Sawyer sono il segnale di un problema più grave e profondo che riguarda l'America. E non solo. 

Hartley Sawyer by Heroes & Villains is licensed under CC BY-SA 2.0

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

House of the Dragon al buio, HBO risponde ai fan furiosi

Leggi per scoprire come mai i fan di House of the Dragon si sono tanto arrabbiati dopo la messa in onda del settimo episodio.
Autore: Francesca Musolino ,
House of the Dragon al buio, HBO risponde ai fan furiosi

Sembra che stia diventando quasi un vizio di House of the Dragon quello di riportare nella serie non solo i tributi e i riferimenti a Il Trono di Spade, ma anche gli stessi errori. Nel terzo episodio dello spin-off infatti c'era già stata una svista che aveva fatto divertire i fan, perché ricordava proprio lo stesso scenario di quando ne Il Trono di Spade era comparso un bicchiere di Starbucks.

Questa volta invece da ridere c'è ben poco ed è dovuta intervenire la stessa HBO, per calmare le ire dei fan  furiosi per quanto è accaduto nel settimo episodio di House of the Dragon. Durante alcune scene ambientate nella tarda notte, il buio era talmente oscuro da non permettere quasi la visione di ciò che stava accadendo sullo schermo. La stessa situazione che era capitata nell'episodio La Lunga Notte de Il Trono di Spade durante la battaglia contro gli Estranei.

Sto cercando altri articoli per te...