I capelli di Joe Keery continuano a ossessionare i fan di Stranger Things

Autore: Giulia Greco ,
Copertina di I capelli di Joe Keery continuano a ossessionare i fan di Stranger Things

L'interprete di Steve "Capelli" Harrington continua a sorprendere i fan della serie coi suoi cambi di look. Dopo aver debuttato con un caratteristico caschetto durante le celebrazioni per il lancio della fragranza Gabrielle Chanel Essence, Joe Keery ha scelto di fare sfoggio di una capigliatura dalle nuance dorate che ci catapulta indietro nel tempo, tra la fine degli anni Novanta e l'inizio del nuovo millennio.

Keery era ospite alla Saint Laurent Paris Fashion Week insieme alla fidanzata, l'attrice Maika Monroe e i due, impeccabili sul red carpet, hanno incantato i fotografi. Ma ad attirare l'attenzione sono stati soprattutto i capelli dell'interprete di Steve Harrington in Stranger Things.

Advertisement

Il nuovo taglio di capelli risulta essere un mix tra il classico look à la Steve e quello di molte star che calcavano le scene sul finire degli anni Novanta (qualcuno ricorda Pacey Witter e i suoi colpi di sole nella seconda stagione di Dawson's Creek?).

In ogni caso, sembra proprio che ogni cambiamento nei capelli di Keery causa un'immediata reazione di frenesia tra i suoi sostenitori. È qualcosa che l'attore non si spiega, di cui proprio non riesce a capacitarsi.

"Aspettate: Joe Keery ha tinto i capelli di biondo? Ha capito bene?", ha scritto un utente su Twitter, evidentemente basito.

Advertisement

"Non mi importa se Joe Keery si è fatto biondo fintantoché quel C***O DI CASCHETTO È SPARITO!", ha commentato con sollievo un altro.

Advertisement

Dal canto suo, Keery stesso ha commentato l'ossessione dei fan per la sua capigliatura. Durante il New York Comic-Con, in occasione della promozione del film Free Guy, si era detto stranito della loro risposta ai suoi capelli. Ai microfoni di Entertainment Tonight aveva detto:

Sono solo una persona normale che taglia i capelli.

Al momento l'attore è impegnato con le riprese della quarta stagione di Stranger Things, il cui primo teaser ci ha rivelato un'importante notizia riguardo il destino di un personaggio, mentre Free Guy - Eroe per gioco sbarcherà nei cinema statunitensi il 3 luglio 2020.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza [RECENSIONE]

Leggi la recensione del lungometraggio Blonde dedicato alla vita di Marilyn Monroe, disponibile su Netflix dal 28 settembre 2022.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza [RECENSIONE]

La prima cosa da sapere prima di guardare su Netflix Blonde è che questo è in tutto e per tutto un film e non un documentario sulla vita di Marilyn Monroe. Quindi i fatti, narrati dallo sceneggiatore e regista Andrew Dominik e basati sul romanzo omonimo di Joyce Carol Oates, "prendono in prestito" dalla vita della bionda più famosa del cinema alcuni momenti di vita personale e pubblica. Su di essi è stata costruita una storia drammatica e in parte sconvolgente, soprattutto per chi si è sempre fermato all'abbagliante immagine di Marilyn Monroe senza documentarsi oltre.

Blonde ha lo scopo di portare alla luce la doppia vita di Marilyn: la star bella e appariscente e la donna estremamente fragile che le ha dato vita. Marilyn Monroe nasce come Norma Jeane ma le due personalità sono completamente all'opposto, separate da pensieri, atteggiamenti e parole. Norma è una bambina cresciuta senza un padre e con una madre rancorosa, lei è sempre stata una donna sola mentre Marilyn è sempre stata circondata da ammiratori, fotografi e amanti. Norma Jeane non ha mai avuto un vero e proprio disturbo dissociativo della personalità, o almeno non le è mai stato diagnosticato, ma il distacco emotivo vissuto da Norma verso Marilyn è stato sempre più forte e forse decisivo anche nella sua dipartita.

Sto cercando altri articoli per te...