I momenti epici di The Walking Dead: il massacro in discarica

Autore: Chiara Poli ,

Orgoglio: uno dei temi ricorrenti di #The Walking Dead. Sant’Agostino disse che trasformava gli angeli in diavoli e in questa drammatica sequenza, tratta dall’ottava stagione, ne troviamo conferma.

L'ho scelta perché rappresenta senza possibilità di equivoci il messaggio che gli autori della serie, in tutti gli episodi che hanno trattato l'argomento, vogliono far passare: l'orgoglio è molto, molto pericoloso. Soprattutto in un mondo in cui l'unico fine comune che gli esseri umani riescono a perseguire è la sopravvivenza. A costo di mettersi gli uni contro gli altri per non spartire le proprie risorse.

Advertisement

Il gruppo della discarica è un po' il simbolo di questo stile di vita: non hanno alcun interesse a collaborare, tanto che tradiscono più volte i patti stretti con Rick e i suoi.

Jadis, che abbiamo appena imparato a conoscere dopo il primo, devastante impatto (vedi la sequenza numero 50: Rick nella fossa dei leoni insieme a Winslow), si dimostra peggiore di quanto pensassimo.

Pur di non accontentare #Simon, pur di restare fedele al proprio orgoglio, pur di non ammettere qualcosa che l’avrebbe fatta sentire a disagio, consente che tutto il suo gruppo - i suoi amici, la sua famiglia - alla discarica venga massacrato.

Advertisement

Colpo dopo colpo, grida dopo grida, Jadis assiste in quello che sembra uno stato di shock, ma forse è solo incapacità di accettare la sconfitta, a ciò che Simon e i Salvatori ai suoi ordini - non agli ordini di Negan, va ricordato - fanno alle persone che ama.

Senza mai, mai interrompere il massacro per urlare che sì, dirà tutto ciò che vuole Simon, basta che si fermi.

Non una parola, non un lamento. Nulla.

Jadis non ha il coraggio, la forza e forse nemmeno la volontà di fare un passo indietro. Orgogliosa nel peggiore dei modi, fino alla fine. Fino all’ultimo, straziante momento in cui deve fare i conti con ciò che ha fatto: lasciare che tutti coloro che l’avevano seguita, amata e ascoltata, morissero per lei.

Per lei e per il suo stupido, inutile orgoglio. Non ci sono dubbi sulla natura del suo personaggio. C'è solo da sperare, anche se è ancora tutto da dimostrare, che il massacro le serva per maturare, per cambiare davvero...

Advertisement

La stagione 9 di The Walking Dead da lunedì 8 ottobre alle 22.10 su FOX

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Come finisce Decision to Leave, il film e il caso spiegato

Confuso dal finale di Decision to Leave? Leggi la spiegazione del caso poliziesco e di quanto succede nella scena finale in questo approfondimento.
Autore: Elisa Giudici ,
Come finisce Decision to Leave, il film e il caso spiegato

Confusi dal finale di Decision to Leave? È comprensibile. Il film di Park Chan-wook infatti porta lo spettatore nei meandri di un’investigazione poliziesca complessa, con tanto di salto temporale a metà film. Non solo: c’è un’ulteriore evoluzione rispetto alla prima investigazione, senza dimenticare un finale tutto da decifrare.

C’è molto da scoprire insomma in un film bellissimo ma che richiede molta attenzione allo spettatore, come anticipato nella recensione di Decision to Leave.

Sto cercando altri articoli per te...