I Simpson: quando l'Uomo Radioattivo morì in stile Batman vs Superman

Autore: Massimiliano Rincione ,
Copertina di I Simpson: quando l'Uomo Radioattivo morì in stile Batman vs Superman

Facciamola semplice: conoscete tutti l'Uomo Radioattivo, no? Ma sì che lo conoscete: d'altronde non c'è spazio né per la DC Comics né per la Marvel in quel di Springfield, se si esclude qualche fantastica comparsata del buon Adam West. L'unico supereroe amato a quelle latitudini, assieme a Duffman - per ovvi motivi -, è e resta l'Uomo Radioattivo: figura di primissimo piano nella cultura fumettistica della serie, il rossissimo uomo il cui costume tanto ricorda quello di Flash è il protagonista degli albi a fumetto preferiti di Bart e Milhouse ne #I Simpson.

All'anagrafe Claude Kane III, questo super-milionario si ritrova suo malgrado coinvolto in una esplosione nucleare, che gli dona fantasmagorici poteri. Affiancato dal fido Ragazzo Ionico, L'Uomo Radioattivo è protagonista anche in TV con uno sceneggiato in bianco e nero intepretato da Dirk Richter, attore che finirà ucciso in un bordello. Negli anni '70, poi, vide la luce una serie TV molto più svagata, e che tanto ricordava il Batman di Adam West. A ciò seguì poi una trilogia partita negli anni '80, con Troy McClure nei panni del supereroe. Quest'ultima sequenza di film possiamo chiaramente interpretarla come una sorta di continuity simile a quella della prima serie di film su Batman, iniziata da Tim Burton e conclusa da Joel Schumacher.

Advertisement

Nel corso della settima stagione, poi, provarono a realizzare un pessimo film con Rainer Wolfcastle nel ruolo dell'Uomo Radioattivo e Milhouse nei panni del Ragazzo Ionico. Un lungometraggio, questo, che non verrà mai realizzato a causa della mancata volontà di continuare le riprese da parte del migliore amico di Bart. Quindi, facendo una relazione con la nostra realtà, ve lo sareste mai immaginato un Batman o un Superman con Arnold Schwarzenegger come protagonista? E, a scanso di equivoci, vi avvisiamo subito: basta con le battute su Batman e Robin!

[POLL]

Advertisement

I Simpson: la morte dell'uomo Radioattivo

Partiamo da un presupposto: già vi vediamo lì a scriverci come Batman vs Superman sia un film del 2016, mentre l'episodio Sposata con il Blob sia andato in onda ad inizio 2014. Per cui, lasciateci dire due cose: la prima, esistono anche i fumetti. La seconda, più scontata, è un chiaro riferimento visivo, più che omaggio comunque voluto, all'albo La Morte di Superman.

Cosa accade nel fumetto del 1992? Molto semplicemente, Doomsday giunge a Metropolis e, affrontando l'alter ego di Clark Kent, muore a seguito di una fragorosa battaglia. Un combattimento che costa però carissimo anche all'umanità, che assiste inerme alla dipartita dell'Uomo d'Acciaio a seguito delle troppe ferite riportate.

Ed è un po' questo che capita all'Uomo Radioattivo, ucciso dai 4 del Combustibile Fossile dopo una durissima battaglia. Una notizia, questa, che ha scosso non poco Bart e Milhouse, che però potranno godersi il reboot della saga di lì a breve. Insomma, una storia dal chiarissimo riferimento al fumetto, poi diventato sia film animato che lungometraggio, della DC Comics. E voi, ricordavate tutti i dettagli di questa storia?

Advertisement

[QUIZ]

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Day Shift e Buffy l'ammazzavampiri hanno una cosa in comune

Scopri qual è il collegamento tra la serie Buffy l'ammazzavampiri e il film originale Netflix Day Shift: A caccia di Vampiri.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Day Shift e Buffy l'ammazzavampiri hanno una cosa in comune

Il film Day Shift - A caccia di Vampiri, uscito all'interno della programmazione Netflix venerdì 12 agosto 2022, è una dark comedy con molte scene d'azione nella quale l'attore Jamie Foxx interpreta un cacciatore di vampiri indipendente (qui la nostra recensione). Quando si parla di vampiri ci sono molti titoli cult che vengono in mente e molti film e serie che hanno definito proprio il genere, spesso rivoluzionandolo e altre volte affermandosi con delle storie rimaste nel cuore dei fan e con dei personaggi iconici. Quest'ultima affermazione porta quasi certamente alla mente la serie TV Buffy l'Ammazzavampiri, nata dalla mente di Joss Whedon (regista tra le altre cose del blockbuster The Avengers).

Ebbene, dal dietro le quinte di questo progetto c'è un elemento che unisce Day Shift - A caccia di Vampiri con la serie cult Buffy l'Ammazzavampiri. La connessione tra il titolo originale Netflix e la serie con Sarah Michelle Gellar è data dalla collaborazione lavorativa tra il produttore Chad Stahleski e il regista J.J. Perry: entrambi hanno iniziato a lavorare insieme come stuntman nelle serie sui vampiri degli anni '90 e si sono ritrovati sul set di Day Shit - A caccia di Vampiri.

Sto cercando altri articoli per te...