Il ponte delle spie, la storia vera dietro al film con Tom Hanks

Autore: Silvia Artana ,
Copertina di Il ponte delle spie, la storia vera dietro al film con Tom Hanks

La coppia stellare di Hollywood composta da Tom Hanks e Steven Spielberg ha lavorato insieme 5 volte e in tutte le occasioni si è misurata con fatti realmente accaduti. Il film Il ponte delle spie segna la quarta collaborazione dell'attore e del regista e prende le mosse dalla cattura da parte degli agenti della CIA della spia russa Rudolf Abel.

Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Gli anni sono quelli della guerra fredda e per dimostrare che gli USA garantiscono a qualsiasi imputato un equo processo, il governo americano assegna la difesa dell'uomo a James B. Donovan, stimato avvocato specializzato in cause assicurative e con un'esperienza nel processo di Norimberga.Donovan ottiene che Abel non venga condannato a morte, facendo notare al giudice che l'uomo potrebbe tornare utile in un eventuale futuro scambio di prigionieri.Le sue parole si rivelano profetiche. Poco tempo dopo, l'aviatore americano Francis Gary Powers viene catturato dai russi mentre è in missione con un aereo spia e il governo USA decide di giocare la carta Abel per riavere il proprio uomo.L'operazione (che ufficialmente non esiste) è affidata a Donovan, che viene coinvolto in una complessa trattativa sul suolo della Repubblica Democratica Tedesca (DDR).  Dopo una serie estenuante di incontri con misteriosi e inquietanti emissari russi e della DDR, l'avvocato non solo riesce a organizzare lo scambio tra Abel e Powers, ma ottiene anche la liberazione di un altro prigioniero americano, lo studente di Yale Frederic Pryor, arrestato dalla Stasi e accusato di essere una spia.

Advertisement

La vicenda è stata raccontata da James B. Donovan nel libro Strangers on a Bridge: The Case of Colonel Abel and Francis Gary Powers, ma il memoriale non è ufficialmente la base della sceneggiatura scritta da Matt Charman e Joel ed Ethan Coen. Tuttavia, come dimostra una analisi condotta da History vs. Hollywood, la pellicola è piuttosto attinente a quanto accaduto nella realtà.

Se volete saperne di più sulla storia vera dietro al film, leggete qui.

La storia di Rudolf Abel

Rudolf Abel (interpretato da Mark Rylance, premiato con l'Oscar per il Migliore attore non protagonista) era attivo come spia in America da 10 anni quando è stato arrestato. A causare la cattura dell'uomo è stato il suo assistente, Reino Häyhänen.

Abel era insoddisfatto e preoccupato dell'operato di Häyhänen, che aveva iniziato a bere, litigava spesso con la moglie e si accompagnava a prostitute. L'uomo si è lamentato con Mosca e il suo assistente è stato invitato a rientrare in patria. Ma temendo di finire in prigione o di essere giustiziato, Häyhänen è fuggito all'ambasciata USA a Parigi. L'assistente di Abel ha dichiarato di essere una spia e ha denunciato il suo capo, dando alla CIA le informazioni utili per rintracciarlo e arrestarlo.

Abel è stato fermato il 21 giugno 1957 ed è stato riconosciuto colpevole di 3 capi d'imputazione (cospirazione ai danni degli USA, raccolta di informazioni classificate e mancata dichiarazione dello status di agente segreto). Il 15 novembre 1957, il giudice Mortimer W. Byers lo ha condannato a 30, 10 e 5 anni di carcere e a una ammenda di 3mila dollari. Ma Abel ha trascorso in carcere solo 4 anni e il 10 febbraio 1962 è stato liberato nello scambio con gli americani Francis Gary Powers e Frederic Pryor.

Rientrato in Russia, l'uomo è stato insignito dell'Ordine di Lenin ed è diventato docente alla scuola ufficiali del KGB.

La storia di James B. Donovan

James B. Donovan (interpretato da Tom Hanks) è stato scelto per difendere Rudolf Abel dalla Brooklyn Bar Association (dopo che questa aveva ricevuto mandato dalla Corte Federale) per i suoi trascorsi in ambito militare e nei servizi di sicurezza americani, in qualità di comandante nella US Navy durante la Seconda Guerra Mondiale e di consigliere generale per l'Office of Scientific Research and Development e per l'Office of Strategic Services. Inoltre, ha giocato un ruolo rilevante la sua esperienza come assistente del giudice Robert H. Jackson al Processo di Norimberga.

Donovan ha accettato l'incarico perché riteneva che tutti avessero diritto a una difesa:

Advertisement

I nostri principi sono scolpiti nella terra e nella legge di questo Paese. Se il mondo libero tradisce il proprio codice morale, non rimane alcuna società che altri possano bramare.

L'uomo ha rivelato che sua moglie è rimasta sconvolta dalla sua decisione di difendere Abel e nel proprio memoriale ha scritto che era arrabbiata perché passava più tempo con lui che con la sua famiglia. Ma non ha desistito.

L'avvocato ha sostenuto che, nell'arresto del suo assistito, il governo avesse violato i diritti sanciti dal Quarto Emendamento, perquisendo la casa di Abel e sequestrando i suoi beni senza un mandato, e ha portato il caso davanti alla Corte Suprema. Alla fine, ha ottenuto che l'uomo non venisse condannato a morte, suggerendo che avrebbe potuto tornare utile in un eventuale futuro scambio di prigionieri.

Advertisement
20th Century Fox
Il poster de Il ponte delle spie
Il poster del film Il ponte delle spie con Tom Hanks

La difesa di Rudolf Abel è costata a Donovan l'ostracismo sociale. Nessuno ha mai sparato contro le finestre della sua abitazione, ma lui e la sua famiglia sono diventati l'oggetto di un flusso costante di lettere e chiamate minatorie e di insulti, al punto da dover cambiare numero di telefono e ricorrere a uno non in elenco. La moglie di Donovan si è sentita domandare spesso se suo marito non stesse perdendo la testa e anche i figli hanno subito numerosi attacchi dai compagni di scuola.

Dopo la fine del processo, la vicenda è caduta nell'oblio e l'avvocato si è riappropriato della sua vita. Ma le cose sono cambiate di nuovo nel maggio del 1960, con l'abbattimento dell'aereo spia americano pilotato da Francis Gary Powers.

Il caso Abel è tornato d'attualità e il padre del pilota, Oliver Powers, ha scritto a Donovan dicendo che aveva intenzione di chiedere al governo USA di scambiare suo figlio con la spia russa. Nello stesso periodo, l'avvocato ha iniziato a ricevere delle lettere dalla moglie di Abel (in parte vere e in parte opera del KGB). Donovan ha contattato il Dipartimento di Giustizia e la sua conoscenza della vicenda, unitamente ai suoi trascorsi, hanno fatto di lui l'uomo giusto per la trattativa.

Advertisement

Dopo molti mesi di negoziazioni, a febbraio del 1962, l'avvocato è partito per Berlino a Ovest (all'insaputa della moglie, alla quale ha detto di essere in Scozia). L'uomo ha portato avanti la trattativa per 10 giorni, attraversando più volte il confine con la DDR. Donovan si è sempre recato a Berlino Est da solo (diversamente dai piani iniziali, in cui avrebbe dovuto essere accompagnato da una guida fluente in tedesco e russo) per "evitare imbarazzi" agli USA nel caso in cui qualcosa fosse andato storto.

Nella Repubblica Democratica Tedesca, l'avvocato ha incontrato due volte il secondo segretario dell'ambasciata di Russia Ivan Alexandrovich Schischkin, oltre ai "parenti" di Abel.

Alla fine, Donovan ha ottenuto il rilascio di Francis Gary Powers e Frederic Pryor in cambio di Rudolf Abel. Lo scambio tra i primi due è avvenuto all'alba del 10 febbraio 1962 sul Glienicke Bridge. Invece, lo studente di Yale è stato liberato a Checkpoint Charlie. Ad attendere il giovane c'erano anche i suoi genitori.

La storia di Francis Gary Powers e Frederic Pryor

L'aereo spia U-2 di Francis Gary Powers (interpretato da Austin Stowell)è stato abbattuto l'1 maggio 1960, mentre sorvolava il territorio dell'URSS per fotografare i siti militari. 

Inizialmente, l'amministrazione Eisenhower ha cercato di insabbiare la vicenda, parlando di un incidente a un aereo sonda. Per gli analisti del governo, il pilota era probabilmente morto e non c'era la possibilità di recuperare i resti del velivolo. Ma quando il premier russo Nikita Khrushchev ha annunciato che l'URSS aveva catturato una spia nemica, i piani sono cambiati ed è iniziata la trattativa per recuperare Powers (che intanto era stato condannato da un tribunale russo a 10 anni di carcere).

Al suo ritorno in patria, il pilota ha dovuto difendersi dall'accusa di avere rivelato informazioni al KGB e in molti lo hanno chiamato vigliacco perché non si era ucciso con il veleno che aveva in dotazione. Ma una commissione di inchiesta ha accertato che Powers aveva avuto una "condotta esemplare" e la CIA lo ha insignito della sua maggiore onorificenza, la Intelligence Star.

Lo studente di Yale Frederic Pryor (interpretato da Will Rogers) è stato arrestato dalla Stasi nell'agosto del 1961, mentre stava lavorando al suo dottorato di ricerca presso l'Università libera di Berlino. Il giovane è stato accusato di spionaggio per il possesso di materiale considerato confidenziale e il pubblico ministero ha chiesto che venisse condannato a morte. La speranza dei tedeschi del blocco orientale era di potersi sedere al tavolo delle trattative con gli USA, in modo che la DDR venisse riconosciuta come stato sovrano.

Ma con l'intervento di James B. Donovan, le cose sono andate diversamente.

Il ponte delle spie Il ponte delle spie L'avvocato di Brooklyn James B. Donovan si ritrova al centro della guerra fredda quando gli viene assegnato l'incarico di negoziare il rilascio di Francis Gary Powers, un pilota il cui ... Apri scheda

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock agli Oscar: storia e retroscena

Dallo schiaffo in diretta TV a Chris Rock al bando decennale dall'Academy: la ricostruzione di tutto lo scandalo che ha travolto Will Smith, continuamente aggiornato.
Autore: Elisa Giudici ,
Lo schiaffo di Will Smith a Chris Rock agli Oscar: storia e retroscena

Una macchia che non si cancellerà mai dalla reputazione dell'attore Will Smith: la schiaffo dato a Chris Rock in diretta televisiva durante la cerimonia di consegna degli Oscar 2022 è stato questo. Da qui fino ai necrologi lui dedicati, Smith dovrà gestire la pesantissima eredità di un gesto (e del conseguente comportamento tenuto nei giorni successivi) per molto, molto tempo.

Lo scoppio d'ira di Will Smith è costato caro a tanti altri e ha avuto l'effetto in un terremoto per l'Academy, Netflix, la comunità afroamericana e il mondo del cinema in generale. Le discussioni su quanto fatto da Smith hanno tenuto banco per giorni, le reazioni si sono susseguite a settimane di distanza, fino alla storica decisione ufficiale di bandire Will Smith dall'Academy per un decennio e non ufficiale di mettere in stop tutti i progetti a cui stava lavorando, a data da destinarsi.

Sto cercando altri articoli per te...