Il Prof. Dott. Guido Tersilli, il cast e le curiosità sul film con Alberto Sordi

Autore: Emanuele Zambon ,
Copertina di Il Prof. Dott. Guido Tersilli, il cast e le curiosità sul film con Alberto Sordi

"Eccolo là il 93, il mio vecchio autobus". Inizia così Il Prof. Dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue, con Alberto Sordi che, scendendo dalla sua Maserati Quattroporte, ricorda con nostalgia la mattina in cui fu convocato per "la tanto sospirata convenzione di medico della mutua".

Così, nell'incipit del sequel del cult della commedia di Luigi Zampa, diretto con fare sicuro da Luciano Salce appena un anno dopo Il medico della mutua, boom al botteghino a dispetto dei pronostici (legati soprattutto, che ci crediate o meno, al titolo del film, osteggiato dai produttori cui si rivolse in un primo momento Sordi), si intuisce da subito come il professore arrivista impegnato ad accaparrarsi ammalati abbia fatto il grande salto.

Advertisement

Lo avevamo lasciato in preda ad una crisi di nervi. Lo ritroviamo al comando della clinica Villa Celeste, diretta con avidità e taccagneria degne di Paperon de' Paperoni.

Il Prof. Dott. Guido Tersilli, trama e cast del film 

Il Tersilli di Alberto Sordi, in questa seconda avventura, è passato dagli ambulatori e dalla visite col timer alla direzione di Villa Celeste, clinica privata convenzionata con le mutue. Come per buona parte dei personaggi sordiani, i nobili intenti sono sconosciuti anche al cinico primario, interessato solo a contenere i costi della struttura, arrivando a minimizzare patologie e disturbi dei ricoverati.

Advertisement

I clienti facoltosi vengono trattenuti nella casa di cura oltre il tempo necessario, mentre i mutuati sono respinti con i pretesti più vari. Ma ben presto i collaboratori del cinico primario lo abbandonano compatti, seguiti dalla totalità dei degenti, preoccupati della situazione. Rimasto solo nell'enorme e moderno edificio, Tersilli medita sul suo fallimento, finchè giunge sua madre, di ritorno dalla Svizzera, a dargli un'idea per risollevare la Clinica: trasformarla in un lussuoso polo di bellezza operante nel campo della chirurgia estetica.

CG Entertainment
Sordi in una scena del film

Sordi ne Il Prof. Dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue è ai suo massimi. Il volto sfavilla dinanzi alle possibilità di guadagno, lo sguardo si fa furbo quando c'è da sfruttare un'occasione (o corteggiare la mamma di un ammalato). È un bieco affarista che riduce la medicina ad una questione di numeri e cifre. "A Villa Celeste ho 11 medici, 26 infermieri, 18 fra portantini e portantine, 12 monache, 6 persone in cucina, 4 in lavanderia, 3 uomini di fatica, 2 autisti e 2 giardinieri", rivela ad un funzionario della mutua che poi corrompe, ricordandogli come la clinica sia costata 1 miliardo.

Straordinario come sempre l'Albertone nazionale, capace di passare sopra tutto e tutti, arrivando a definire le suore piccole ancelle dell'amore misericordioso "quelle figlie di... Maria" perché colpevoli di avergli fatto pagare il terreno dell clinica 8 mila lire al metro quadro.

Accanto a Sordi gravitano la moglie di Tersilli, la bellissima Ida Galli (lanciata da Fellini ne La dolce vita, molti fan della commedia all'italiana la ricorderanno pure in Fratelli d'Italia, nell'episodio con Christian De Sica), l'affezionata paziente Pupella Maggio e il collega veterano del primario impersonato da Claudio Gora, che con Sordi lavorerà spesso, da Tutti a casa e Una vita difficile fino a Vacanze di Natale '91. La pellicola vede pure la partecipazione di Ira von Fürstenberg (la sexy dietologa Olivieri), designer, attrice ma soprattutto personaggio di spicco del jet set internazionale degli anni '60 e '70.

Advertisement

Le curiosità su Il Prof. Dott. Guido Tersilli

  • Nella pellicola appare brevemente un giovane (e magro) Lino Banfi, doppiato nel ruolo di un rappresentante di farmaci che omaggia il prof. Tersilli di un barometro da parete. 
  • Nell'incipit del film, il funzionario che Tersilli corrompe è il futuro megadirettore galattico della saga di Fantozzi, Paolo Paoloni.
  • Il ruolo dello stimato e avido chirurgo Azzarini è del Conte Giovanni Nuvoletti Perdomini, personaggio piuttosto interessante del panorama italiano di quegli anni (scrittore, attore, personaggio televisivo e gastronomo). In seconde nozze sposò Clara Agnelli, vedova Furstenberg, sorella di Gianni Agnelli e madre di Ira, presente anche lei nel film.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...