Il prossimo Vincent van Gogh potrebbe essere un bot

Autore: Mario Spagnoletto ,
Copertina di Il prossimo Vincent van Gogh potrebbe essere un bot

Una recente competizione artistica ha dimostrato che il prossimo pittore rivoluzionario potrebbe tranquillamente essere un "non umano".

Dieci bot, realizzati da altrettanti creatori diversi, hanno realizzato più di 100 opere d'arte durante il concorso RobotArt 2018.

Advertisement

Organizzata dalla Galleria RobotArt, la competizione si svolge in tutto il mondo e la scorsa settimana si è tenuta la terza edizione del concorso. Il vincitore di quest'anno è un progetto chiamato CloudPainter che, incorporando la tecnologia di apprendimento automatico, ha dipinto ritratti evocativi con vari gradi di astrazione.

I vincitori della competizione sono stati scelti basandosi sia su votazioni pubbliche, oltre 2mila persone hanno espresso le loro preferenze su Facebook, che sui voti della giuria, composta da esperti di tecnologia, artisti e critici.

Ma come può un robot creare opere d'arte? Semplice, almeno almeno in via teorica!

I robot possono dipingere tramite il coinvolgimento diretto dell'uomo (il metodo più semplice è quello di realizzare uno strumento che possa permettere al robot di imitare alla perfezione i movimenti di chi lo controlla), oppure possono essere comandati da un software programmato ad hoc. 

Advertisement

Il fondatore di RobotArt, Andrew Conru, ha dichiarato al MIT Technology Review che, mentre le new entry hanno sorpreso con le loro opere così raffinate, si sarebbe aspettato un netto miglioramento di CloudPainter rispetto alla sua partecipazione all'edizione inaugurale del concorso.

I robot hanno mostrato un interesse acceso per le arti, arrivando persino a scrivere poesie e dipingere diversi tipi di opere d'arte, incluso il nudismo.

Ecco alcune opere d'arte realizzate dai bot:

Advertisement
PIX18 / Creative Machines Lab
Quest'opera si intitola Old Masters

CMIT ReART
Full Bloom of Sakura

Se volete guardare le altre opere che hanno partecipato al concorso potete visitare questo sito.

Via Cnet

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Purple Hearts di Netflix accusato di essere razzista e misogino, i filmaker lo difendono

Il film Purple Heart con protagonista l'attrice Sofia Carson e al quarto posto nella classifica dei più visti Netflix, sia stato ampiamente criticato.
Autore: Francesca Musolino ,
Purple Hearts di Netflix accusato di essere razzista e misogino, i filmaker lo difendono

Il nuovo film Purple Hearts di Netflix rilasciato il 29 luglio 2022 sulla piattaforma streaming, è stato ampiamente criticato per i suoi contenuti. Sembra infatti che i temi trattati nel film, oltre a fare propaganda militare, includano episodi di razzismo e misoginia. A tale proposito alcuni utenti di Twitter hanno espresso il loro disappunto in merito. 

Purple Hearts è per le ragazze con fidanzati razzisti.

Sto cercando altri articoli per te...