Il Signore degli Anelli: in arrivo un nuovo film animato, tutti i dettagli

Autore: Giuseppe Benincasa ,
Copertina di Il Signore degli Anelli: in arrivo un nuovo film animato, tutti i dettagli

Ricordando la prima apparizione di Gandalf ne Lo Hobbit, pare essere davvero un buongiorno per i fan de Il Signore degli Anelli! La notizia del giorno è che Warner Bros. e New Line Cinema si sono riunite per dar vita a un nuovo film d'animazione ambientato nella Terra di Mezzo.

Il titolo del progetto è The Lord of the Rings: The War of Rohirrim e (udite udite) sarà ambientato nell'universo cinematografico di Peter Jackson!

Advertisement

La storia prequel ruoterà con tutta probabilità attorno alla guerra che ha visto protagonisti i Rohirrim (i Signori dei Cavalli) e i Dunlendings, che ha avuto luogo nel 2758 della Terza Era. Sarà quindi narrata la leggendaria storia del sovrano di Rohan Helm Mandimartello (predecessore di Thèoden). In questo contesto tornerà protagonista il Fosso di Helm, come dichiarato dalla dirigente di New Line Carolyn Blackwood:

Tutti noi della New Line sentiamo una profonda affinità per lo straordinario mondo creato da J.R.R. Tolkien. Quindi l'opportunità di rituffarci nella Terra di Mezzo con il team di Warner Bros. Animation è un sogno che diventa realtà. I fan conoscono il Fosso di Helm come il palcoscenico di una delle più grandi battaglie mai messe su pellicola. Con molti degli stessi visionari creativi coinvolti in passato e il brillante Kenji Kamiyama al timone, non potremmo essere più entusiasti di offrire una versione nuova della sua storia che inviterà il pubblico a vivere la ricca e complessa saga della Terra di Mezzo in un modo nuovo ed emozionante.

Il lungometraggio sarà proposto in stile anime dal regista giapponese Kenji Kamiyama. Quest'ultimo ha realizzato recentemente le serie Ultraman (2019) e Ghost in the Shell SAC_2045 (2020), oltre a essere stato annunciato come regista dell'attesa serie ambientata nel mondo di Blade Runner.

Advertisement

Il cast vocale non è stato annunciato, ma è stato fatto sapere che tra le consulenti del progetto ci sarà Philippa Boyes, ovvero la co-sceneggiatrice delle due trilogie della Terra di Mezzo dirette da Peter Jackson. La sceneggiatura sarà firmata da Jeffrey Addiss e Will Matthews, già creatori insieme della serie fantasy di Netflix Dark Crystal: la resistenza.

Le due trilogie live-action di Peter Jackson sono quella dedicata a Il Signore degli Anelli (al cinema nel 2001, 2002, 2003) e quella prequel de Lo Hobbit (al cinema nel 2012, 2013, 2014). È importante anche ricordare che alla fine degli anni '70 venne realizzata una versione animata che copriva la storia fino al secondo libro de Il Signore degli Anelli (Le Due Torri). In seguito nel 1980 venne realizzato dalla stessa casa di produzione, la Rankin-Bass, un film animato su Il Ritorno del Re.

Si segnala infine che il film animato non dovrebbe avere nulla a che fare con la serie TV live-action che Amazon Studios sta realizzando. The Lord of the Ring - The War of the Rohirrim dovrebbe uscire nei cinema in una data non ancora precisata.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Il Signore degli Anelli, quando Tolkien Jr definì "filmetti" quelli di Peter Jackson

Ecco qual è il pensiero del figlio dell'autore J.R.R. Tolkien per quel che riguarda la saga cinematografica de Il Signore degli Anelli.
Autore: Agnese Rodari ,
Il Signore degli Anelli, quando Tolkien Jr definì "filmetti" quelli di Peter Jackson

Nell’estate del 2012 Christopher Tolkien, figlio del famoso J.R.R. Tolkien nonché celebre autore della saga di libri de Il Signore degli Anelli, espresse in un’intervista su Le Monde la sua opinione non molto positiva a riguardo della trasposizione cinematografica dei tre film de Il Signore degli Anelli, scritti e diretti da Peter Jackson.

Hanno sviscerato i libri, rendendoli dei filmetti d’azione per ragazzi dai 15 ai 25 anni. E ho sentito che con Lo Hobbit avverrà la stessa cosa. Un tale grado di commercializzazione riduce al nulla il significato filosofico che era presente nella creazione di mio padre. Tolkien è diventato un mostro, consumato dalla sua popolarità e assorbito dall'assurdità di questi nuovi tempi. A questo punto, mi resta solo una soluzione: voltare la testa dall’altra parte.

Sto cercando altri articoli per te...