Il viaggio di Fanny nei cinema italiani per il Giorno della Memoria

Autore: Paola Maria Farina ,

Vincitore del Giffoni Film Festival 2016, il 26 e 27 gennaio arriva nelle sale italiane il lungometraggio Il viaggio di Fanny, diretto dalla regista Lola Doillon. Terza pellicola della sua filmografia dopo Contre toi e Et toi, t'es sur qui?, il toccante film si ispira alla storia vera della tredicenne francese Fanny Ben-Ami e delle sue sorelle durante l'occupazione nazista nella Seconda Guerra Mondiale.

Lucky Red Film
Il viaggio di Fanny: il manifesto del film
Per la giornata della memoria, il 26 e 27 gennaio, nelle sale Il viaggio di Fanny
Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Nonostante la volontà dei genitori di preservare le ragazze dagli orrori del conflitto in una colonia francese, il dolore e la discriminazione le raggiungono ugualmente; insieme ad altri coetanei, sono così costrette alla fuga quando i rastrellamenti si fanno più frequenti e impietosi.La guerra, la fame e il freddo sono i principali ostacoli del viaggio verso il confine svizzero, oasi di salvezza verso la quale tendono i piccoli protagonisti uniti da un legame di amicizia indissolubile. L’atmosfera ostile si apre ad alcuni sprazzi di calore: sono numerosi, infatti, i cittadini pronti ad aiutare quei bambini, che con il loro animo innocente si trovano ad affrontare uno degli episodi più nefandi della storia recente.

Volevo raccontare la storia di chi è costretto a crescere velocemente (Lola Doillon)

A fare da sfondo all’impresa dei giovani protagonisti di questo film corale è una Francia occupata di cui la regista non mostra mai immagini cruente, lasciando piuttosto prevalere lo sguardo dei più piccoli. È la stessa Doillon a spiegare questa scelta “Quello che mi interessava era [...] mostrare come quei bambini, che non si trovavano sotto i bombardamenti, ma che avevano comunque subito la violenza dell'abbandono e la paura di restare orfani, avessero vissuto la guerra, e di riprodurre tutto questo dal loro punto di vista.”

È una storia che “ci riguarda tutti”, sostiene con fermezza la regista, la quale ha voluto anche incontrare di persona Fanny Ben-Ami, attualmente residente a Tel-Aviv, per sottoporle la sceneggiatura del film.

Gallery: Gallery fotografica dal film Il viaggio di Fanny

Advertisement

Menzione speciale e doverosa va rivolta anche all’attenzione che la produzione ha riservato alla selezione degli attori, scelti tra Francia e Belgio in modo che l’intero gruppo risultasse credibile e coerente. A guidare tutti è la dodicenne Léonie Souchaud, alla prima esperienza davanti alla telecamera, nella quale anche la vera Fanny si è riconosciuta.

E in un cast ad alto tasso di minorenni spiccano due figure più mature, quella di Madame Forman (che si ispira a Nicole Weil-Salon e Lotte Schwarz) interpretata da Cécile de France e quella del contadino Jean che ha le sembianze di Stéphane de Groodt.

Penso che Lola abbia fatto bene e che nella sua sceneggiatura ci sia tutto quello che conta, tutto l'essenziale – ha affermato Fanny dopo la lettura dei copioni.

Attraverso il delicato passaggio dall'infanzia all’adolescenza, vissuto in una stagione nerissima per il mondo intero, il racconto porta in scena il conflitto attraverso il filtro di un’innocenza conservata con eroismo. La paura nulla può di fronte al coraggio e alla solidarietà umana di un manipolo di ragazzini.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

The Walking Dead 11, dove eravamo rimasti [RIASSUNTO]

Leggi per ricordare in che modo si era conclusa la seconda parte della stagione undici di The Walking Dead, che ritorna su Disney+ per il gran finale.
Autore: Francesca Musolino ,
The Walking Dead 11, dove eravamo rimasti [RIASSUNTO]

La serie TV di The Walking Dead è giunta alla sua conclusione con la stagione undici, di cui sono già state trasmesse le prime due parti. Dal 3 ottobre 2022 su Disney+ sarà disponibile anche la terza e ultima parte con cui terminerà sia la stagione in corso che la serie. Visto che ci sono state due pause nel mezzo e diversi mesi di distanza tra un blocco di episodi e l'altro, può essere utile fare mente locale sugli eventi principali dei primi sedici episodi già trasmessi e su dove si era momentaneamente conclusa la trama.

Premessa

  • La decima stagione di The Walking Dead è incentrata sulla guerra contro i Sussurratori: negli episodi finali fa il suo ritorno Maggie, che viene avvisata del pericolo che incombe sul gruppo, tramite una lettera scritta da Carol dopo il terribile evento delle picche. Tutte le comunità unite, con l'aiuto anche di Negan e di Maggie con il suo nuovo gruppo, alla fine vincono la battaglia. 
  • Su un altro frangente il trio composto da Eugene, Yumiko ed Ezekiel è in viaggio per raggiungere Stephanie, la misteriosa donna che Eugene ha conosciuto via radio e di cui si è invaghito. Lungo la strada incontrano Principessa, un'eccentrica ragazza che da molto tempo vive da sola e fa quindi di tutto per farsi accettare dal trio e unirsi al loro viaggio. Una volta giunti tutti insieme sul luogo dell'appuntamento, si ritrovano accerchiati da alcuni soldati in armatura che dopo averli catturati, li conducono da chi di dovere per essere sottoposti a degli interrogatori.
  • Dopo che Michonne parte alla ricerca di Rick, in quanto trova delle sue tracce nei pressi dell'isola in cui vive un uomo di nome Virgil, quest'ultimo decide di tornare ad Oceanside, il luogo del loro primo incontro. Durante il tragitto si imbatte in Connie, sopravvissuta all'esplosione nella grotta di Alpha, alla quale presta soccorso.

Stagione undici: dove eravamo rimasti

Sto cercando altri articoli per te...