'Mai dire mai': J.K. Simmons e il ruolo di J.J.J. nei nuovi film di Spider-Man

Autore: Alice Grisa ,

Uno dei personaggi più iconici e frizzanti della trilogia di Spider-Man di Sam Raimi era J. Jonah Jameson (J.J.J.), il direttore del Daily Bugle, sempre pronto a seguire le gesta di Spider-Man e imprimerle sulla prima pagina del suo giornale.

A una domanda di un giornalista, l'attore J.K. Simmons (che interpretava il personaggio) ha risposto non senza una punta di ironia ventilando un suo possibile ritorno nei nuovi film dedicati a Spider-Man e firmati Marvel Studios.

Advertisement

Rivedremo il mitico e irascibile J.J.J.?

Sony Pictures
J. K. Simmons nei panni di JJJ
J. K. Simmons non esclude di riprendere il suo famoso ruolo

John Jonah Jameson Jr. è stato creato da Stan Lee nel 1963. Disegnato come un personaggio irascibile e arrogante, con sigaro in bocca, capelli brizzolati e corti baffetti, è il responsabile del giornale dove lavora Peter Parker. J.J.J. è sempre a caccia di nuove foto spettacolari sulle imprese dell'Uomo Ragno, anche per smascherarlo e svelare la sua vera identità. J.J.J. nei fumetti odiava gli eroi mascherati, perché a suo parere godevano dell'affetto della gente senza meritarselo.

Nei film di Raimi, J. K. Simmons aveva regalato una performance brillante e indimenticabile. Ora l'attore americano, classe 1955, tra il serio e il faceto non esclude di poter tornare a dare il volto al suo J.J.J.. Dopo il primo capitolo del nuovo Spider-Man, che si destreggia tra il liceo e i compiti (noiosi, perché è ancora troppo giovane) che gli Avengers gli danno in giro per New York, nei successivi potremmo rivedere il direttore del giornale e non immagineremmo qualcuno di diverso da Simmons per (re)interpretarlo.

L'attore, che ha vinto un Premio Oscar come Miglior attore non protagonista in Whiplash, non esclude nulla.

J. K. Simmons e il ritorno di J.J.J. 

Intervistato da ET Tonight, l'attore ha ammesso che gli piacerebbe tornare nel ruolo del direttore del Daily Bugle.

Mai dire mai.

Advertisement

All'attore 62enne piacerebbe tornare sul set e ritrovare l'atmosfera giocosa del passato.

Ho vissuto dei momenti meravigliosi con lo Spider-Man di Sam Raimi. Si è trattato di una grande occasione per la mia carriera, e poi mi sono anche divertito.

L'attore ha dichiarato che una rivisitazione attuale del suo J.J.J. potrebbe essere un'esperienza molto allettante. Anche se, forse, ci sarebbe un problema anagrafico.

Advertisement

Ma quanti anni dovrebbe avere Spider-Man per interagire con un J.J.J. così vecchio?

Ai fan questo dettaglio non interessa. I più accaniti sono pronti da tempo a reincontrare il personaggio di Simmons sul grande schermo: come riporta CBR, su Change.org ci sono diverse petizioni che chiedono a Kevin Feige, direttore dei Marvel Studios, di reinserire nei nuovi film il personaggio del direttore, sempre impersonato dall'attore che gli aveva dato il volto nel passato.

[POLL]

Che ne dite? Kevin Feige prenderà in seria considerazione questa disponibilità?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Leggi per scoprire le nuove rivelazioni, in merito al polverone che i dipendenti VFX hanno alzato contro Marvel Studios.
Autore: Francesca Musolino ,
La depressione dei lavoratori Marvel per la Saga del Multiverso è più che giustificata

Da oltre un decennio attraverso il Marvel Cinematic Universe, ci siamo appassionati nel vedere anche sullo schermo i supereroi di carta, che da sempre ci hanno regalato grandi emozioni con le loro storie a fumetti.
Tanti racconti diversi, su quelle che da semplici persone comuni, per svariati motivi da un giorno all'altro si sono ritrovate ad avere superpoteri e abilità particolari.
Ed ecco quindi che possiamo vedere Iron Man sfrecciare nel cielo con le sue armature, Thor mentre si teletrasporta da un mondo all'altro, Wanda che altera la realtà costruendo scenari immaginari e Wasp che si rimpicciolisce o ingrandisce ogni volta che una situazione lo richiede.
Ma affinché tutto questo sia possibile, dietro c'è un grande lavoro fatto da altri tipi di eroi: gli eroi invisibili.

Come spettatori, siamo da sempre abituati a ricevere il prodotto finito, giudicando solo ciò che vediamo sullo schermo.
Ma poche volte ci soffermiamo a domandarci quante persone, quante ore di lavoro, quanti sacrifici siano stati impiegati su ogni singolo pixel; perché un puzzle, per essere completo, ha bisogno di ogni suo pezzo al posto giusto.
Questa è una regola che vale in ogni ambiente e in ogni contesto. Ma purtroppo l'era del consumismo ci ha abituati a essere troppo superficiali; e con la scusante de "il cliente ha sempre ragione", valutiamo soltanto i contenuti finali, senza mai fare un percorso a ritroso per capire la storia che c'è dietro a quel contenuto. 
Ed è proprio sul binomio domanda-offerta che ruotano il mondo dell'economia e di tutti i settori annessi, incluso quello dell'intrattenimento. Perché è chiaro che se il consumatore non ottiene ciò che vuole, si rischia un flop; e di conseguenza, va sempre accontentato.

Sto cercando altri articoli per te...