James Van Der Beek cerca di spiegare Dawson's Creek alla figlia

Autore: Mara Siviero ,
Copertina di James Van Der Beek cerca di spiegare Dawson's Creek alla figlia

James Van Der Beek è tornato a parlare di Dawson’s Creek, questa volta cercando di spiegare alla figlia la trama della serie.

Nelle storie del suo profilo Instagram, l’attore ha condiviso una serie di video che lo ritraggono insieme a sua figlia mentre lei gli chiede cosa succeda nella serie in cui il padre ha lavorato dal 1998 al 2003.

Advertisement

E se la bambina chiede:

Perché si chiama Dawson’s Creek? È perché Dawson possiede un torrente e qualcuno cerca di distruggerlo?

Il padre risponde in maniera ironica:

Esattamente. Lui ha un suo torrente e qualcuno cerca di farlo saltare in aria, quindi deve usare delle mosse kung-fu da ninja.

E mentre la bambina regala la sua migliore espressione da ninja, rispondendo al padre “Posso immaginarti mentre lo fai”, Van Der Beek conclude ironicamente dicendo “Questo è quello che era. Non si trattava di piagnucolare, piangere ed essere annoiati al torrente. Sicuramente non era così.”

Outerbanks Entertainment/Columbia TriStar Television/Columbia TriStar Domestic Television/Granville/Sony Pictures Television
Un'immagine del cast di Dawson's Creek

Quello che è certo, è che Van Der Beek è stato protagonista assoluto di una serie che ha appassionato milioni di teenager tra la fine degli anni ’90 e inizio degli anni 2000, con un titolo dal doppio significato.

Dawson’s Creek, infatti, è traducibile sia in ‘Il torrente di Dawson’, ovvero il fiume che scorre nei pressi della sua casa, sia in ‘I problemi di Dawson’.

In Dawson’s Creek, l’attore ha interpretato il personaggio principale, Dawson Leery, che trascorre i suoi anni tra la fine del liceo e i primi anni del college al fianco dei suoi amici, interpretati da Katie Holmes, Michelle Williams e Joshua Jackson.

Nonostante Van Der Beek abbia sempre mostrato sui social la sua famiglia, solo recentemente ha parlato dell’essere genitore e delle connessioni con i propri figli attraverso ogni aspetto quotidiano della vita.

Advertisement
Advertisement

L’attore, padre di Olivia, Joshua, Annabel, Emilia e Gwendolyn, ha dichiarato:

A volte, alcuni uomini che stanno per diventare padri e sono nervosi mi chiedono un consiglio. Cerco di stare attento, perché ogni bambino è diverso, così come lo è ogni padre. Ma c’è una cosa che sembra abbastanza universale ed è il valore che si deve dare al presente, nel tramutare ogni momento come un’opportunità di connessione. Che tu sia in vacanza in un camper o cambiando un pannolino in un bagno pubblico, festeggiando un goal o cercare di calmarli quando piangono o vomitano o sono arrabbiati o affamati o pazzi o tutto insieme… se tu guardi semplicemente la situazione come un modo con il quale stringere un legame con tuo figlio… hai vinto. Perché hai creato spazio per dare il via ad momento speciale.

L’attore, ha poi continuato:

Nessun padre è perfetto, siamo umani e a volte ci sentiamo sopraffatti, e se la connessione è il tuo obiettivo… non puoi davvero rovinare tutto. Anche quando fai un casino. E probabilmente ti ritroverai più felice di quanto fossi prima.

E voi cosa ne pensate? Come spieghereste Dawson's Creek a chi non lo ha mai visto?

Via People

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Olivia Cooke: “Bates Motel mi ha distrutta mentalmente”

Scopri perché Olivia Cooke, nota per il suo ruolo di Lady Alicent in House of the Dragon, ha sofferto di problemi mentali lavorando sul set di Bates Motel.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Olivia Cooke: “Bates Motel mi ha distrutta mentalmente”

Olivia Cooke è una delle attrici più in voga del momento, grazie al ruolo di Lady Alicent Hightower, la seconda moglie del re nella serie prequel de Il Trono di Spade, House of the Dragon. La serie ha richiamato l'interesse di moltissimi fan, felici di vedere gli antenati di personaggi noti come i Lannister e i Targaryen. Questi ultimi sono al centro dello show TV House of The Dragon, in onda su Sky Atlantic e on demand su NOW, e Olivia Cooke è stata chiamata a interpretare una giovane donna che intreccia il suo destino con il re Viserys Targaryen. L'attrice è nota anche per il suo lavoro i Ready Player One e Bates Motel; per quanto riguarda quest'ultimo, Cooke ha dichiarato di recente di avere avuto problemi di salute mentale sul set. 

Olivia Cooke ha raccontato a The Guardian le sue difficoltà nel periodo in cui abitava a Vancouver, dove si era trasferita dall'Inghilterra per poter lavorare alla serie TV thriller Bates Motel. Nello show Bates Motel viene raccontata l'adolescenza di Norman Bates, il noto assassino del film Psyco, di cui Bates Motel è un prequel. L'attrice ha ricordato che passava molto tempo nel suo appartamento, lavorando una volta ogni due settimane. Cooke non aveva al tempo l'età legale per bere in Canada, dunque aveva poche occasioni per uscire e incontrare persone. L'interprete ha aggiunto che fin da piccola è sempre stata incline alla malinconia, e la nostalgia di casa e l'isolamento le hanno fatto vivere nel 2012 un vero e proprio crollo mentale. Ciononostante Olivia Cooke ha continuato a lavorare per tutto il tempo. L'attrice ha detto che riusciva a nascondere molto bene la sua profonda sofferenza.


Nella sua intervista Cooke prosegue dicendo che ha cominciato a sentirsi meglio nel 2019, e che ha cominciato a guarire davvero quando è tornata a vivere a Londra. Ripensando al suo passato, Olivia Cooke ha dichiarato che è stata costretta a crescere molto in fretta e che doveva badare a sé stessa da sola, non potendo contare su nessun altro. Forse in questo aspetto l'interprete ha potuto ritrovare il personaggio di Lady Alicent, che nei primi episodi di House of the Dragon ha accanto a sé suo padre, il quale però più che un ruolo da genitore accudente sembra assumere quello di un manipolatore. Nei primi sei episodi della serie Alicent Hightower si trova spesso sola, poiché i Targaryen a cui è legata tendono a pensare esclusivamente agli interessi della loro casata; questo riguarda non solo il marito Viserys, ma anche la sua amica e confidente Rhaenyra Targaryen. Se l'isolamento di Lady Alicent Hightower possa renderla la vera villain in House of the Dragon lo scopriremo presto, poiché il finale della prima stagione di House of the Dragon è sempre più vicino: infatti sarà trasmesso in lingua inglese il 23 ottobre 2022 e in versione doppiata in italiano il 31 ottobre.

Per approfondire i personaggi di House of the Dragon, vi consigliamo di leggere il nostro articolo Le Casate e i protagonisti di House of the Dragon.

Immagine di copertina da House of the Dragon (Sky)

Sto cercando altri articoli per te...