John Singleton è morto a 51 anni: addio al regista di Fast & Furious 2

Autore: Rina Zamarra ,

John Singleton ci ha lasciato. Il regista era in coma farmacologico dopo un ictus che lo aveva colpito durante un volo dal Costa Rica. John aveva avvertito un dolore a una gamba ed era stato trasportato d’urgenza in ospedale, dove era stato colto da un ictus. Era il 17 aprile e la famiglia ha dovuto prendere la dolorosa decisione di staccare i macchinari che lo tenevano in vita:

È con immenso dolore che annunciamo che il nostro amato figlio, padre e amico, John Daniel Singleton, verrà staccato dai macchinari. È una decisione straziante, una delle tante prese dalla nostra famiglia nel corso di questi giorni, che ha incontrato il consenso dei medici di John…

Dopo questo primo annuncio, la famiglia ha dichiarato:

Advertisement

John se ne è andato in pace, circondato da familiari e amici. Vogliamo ringraziare tutti gli straordinari medici del Cedars Sinai per le cure e la gentilezza e siamo grati ai suoi fan, ai suoi amici e ai suoi colleghi per l'amore e le preghiere durante questo periodo incredibilmente difficile.

Se ne è andato così il primo regista afroamericano a ricevere una nomination agli Oscar. Era il 1991, John aveva solo 23 anni e il suo film di denuncia Boyz n the Hood - Strade violente ricevette due nomination nelle categorie migliore regista e migliore sceneggiatura originale. Tanti i film di denuncia che portano la sua firma, da Poetic Justice nel 1993 con Janet Jackson e Tupac Shakur a L'università dell’odio con Tyra Banks.

Nel 2000, John decide di cambiare strada e dirige film più commerciali come Shaft, remake del film Shaft il Detective (1971). Nel 2003, invece, è la volta di Fast & Furious 2 e nel 2005 di Four Brothers - Quattro fratelli con Mark Wahlberg, Tyrese Gibson, André Benjamin e Garrett Hedlund, presentato fuori concorso al Festival del Cinema di Venezia.

Dopo quest’ultima fatica, John si era preso una pausa per poi tornare al cinema nel 2011 con Abduction - Riprenditi la tua vita e in televisione con la serie #Snowfall.

John non è stato solo un regista, ma anche uno scopritore di talenti come Regina King, che lo ha ricordato sui social insieme a tanti altri colleghi.

Riposa in pace, amico mio. Uno dei più grandi che io abbia mai avuto. Grazie Dio per averci benedetto con un dono come John Singleton. Ho difficoltà a trovare le parole per esprimere cosa hai significato per me. Ti amerò per sempre John. Il tuo spirito brillerà per sempre luminoso.

Advertisement

Samuel L. Jackson, protagonista del film Shaft di Singleton e presto di nuovo nei panni del detective John Shaft , ha dichiarato:

Lutto per la perdita del collaboratore e vero amico John Singleton. Ha aperto la strada a tanti giovani registi rimanendo sempre fedele a se stesso e alle sue origini. R.I.P. Fratello. Sei andato via troppo presto.

R.I.P. John Singleton

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

I migliori anime del 2022 (finora)

Quali anime hanno dominato la prima metà del 2022? Ecco i titoli d'animazione della prima metà dell'anno che ci sono piaciuto di più.
Autore: Elisa Giudici ,
I migliori anime del 2022 (finora)

Quali sono i migliori anime del 2022? Dopo i primi sei mesi, si può già dire che il 2022 è stato un anno particolarmente ricco di anime popolari e memorabili. 

A farla da padre sono sempre gli shounen (anime tratti da manga destinato a un pubblico giovane e maschile) ma anche altri filoni ci hanno regalato titoli sorprendenti e appassionanti. 

Sto cercando altri articoli per te...