Kate Winslet e il rimpianto di aver lavorato con Woody Allen e Roman Polański

Autore: Elena Arrisico ,
Copertina di Kate Winslet e il rimpianto di aver lavorato con Woody Allen e Roman Polański

Senza peli sulla lingua, Kate Winslet ha detto la sua su Woody Allen e Roman Polański. Recentemente intervistata da Variety, l’attrice britannica ha espresso il proprio rimpianto per aver lavorato con i due registi.

Impariamo, cresciamo, cambiamo. Penso che dovremmo essere tutti autorizzati a dire: ‘Senti, non avrei dovuto farlo’. Credo che questo sia un periodo importante per tutti noi, in cui siamo consapevoli di cose che abbiamo fatto in passato o che vorremmo fare diversamente. Voglio solo dire, con un po’ di integrità: ‘Sapete una cosa? Probabilmente, non avrei dovuto farlo’. Quindi, quello che ho detto in quel pezzo di Vanity Fair è proprio vero: me ne pento, me ne pento.

Advertisement

Questa dichiarazione arriva, infatti, dopo la pubblicazione di un’intervista su Vanity Fair, in cui Kate Winslet ha parlato del suo nuovo film, #Ammonite, interrogandosi anche sul proprio passato da attrice e sulle sue scelte lavorative.

Come ho fatto a lavorare con Woody Allen e Roman Polański? È incredibile come quegli uomini fossero tenuti in così alta considerazione nell'industria cinematografica e per tutto quel tempo. È vergognoso e mi prendo la responsabilità di aver lavorato con loro. Non posso tornare indietro. Sono presa dal rimorso, ma cosa ci resta da fare se non essere sinceri su tutto ciò?

Kate Winslet ha recitato ne #La ruota delle meraviglie (Wonder Wheel) di Woody Allen nel 2017 e in #Carnage di Roman Polański, nel 2011. Con le sue parole, l’attrice si riferisce agli scandali che hanno interessato i due registi: il primo accusato di abusi sessuali nei confronti della figlia adottiva Dylan Farrow, quando quest’ultima aveva solo sette anni e il secondo accusato e condannato per stupro nei confronti dell’allora tredicenne Samantha Geimer, nel 1977.

Prodotto Consigliato 8.02€ da Amazon 8.02€ da Warner Bros.

Polański si è trasferito prima a Londra e, poi, a Parigi per evitare l’estradizione negli Stati Uniti, dato che è in possesso della cittadinanza francese; motivo per cui, attualmente, è ancora nella lista delle persone ricercate dall’Interpol e presta particolare attenzione ai Paesi che frequenta. Le accuse rivolte ad Allen sono, invece, state archiviate per mancanza di prove: le accuse nacquero dal ritrovamento di alcune foto pornografiche della figlia adottiva Soon-Yi Farrow Previn – poi sposata nel 1997 – da parte dell’allora compagna Mia Farrow; l’orfana coreana venne, in realtà, adottata dall’attrice e dal suo ex marito André Previn ma, nel corso degli anni, Allen è stato accusato anche di abusi sessuali nei confronti di Dylan Farrow, un’altra figlia adottiva di Mia Farrow.

Kate Winslet ha parlato di come il movimento #MeToo abbia influenzato il suo pensiero, prima diverso.

Advertisement

Si tratta di persone che sono state festeggiate ed elogiate per decenni in questo settore. Agli attori si diceva che fosse okay lavorare con queste persone. Ma ora, ovviamente, penso semplicemente di poter dire: ‘Non avrei dovuto farlo’

Prodotto Consigliato 9.99€ da Amazon 9.85€ da Medusa Video

Nel settembre 2017, durante un’intervista al New York Times, aveva detto:

Non conoscevo Woody e non so niente di quella famiglia. Come attore nel film, devi solo allontanarti e dire: ‘Non so niente, davvero e se tutto ciò sia vero o falso’. Dopo aver pensato a tutto, metti da parte e lavori solo con la persona. Woody Allen è un regista incredibile, così è Roman Polański. Ho avuto un'esperienza lavorativa straordinaria con entrambi e questa è la verità.

Advertisement

Diretto da Francis Lee, il nuovo film con Kate Winslet, Ammonite, dovrebbe uscire – il condizionale è d’obbligo, dato l’evolversi della situazione COVID-19 nel mondo - nelle sale cinematografiche negli USA il 13 novembre 2020. Nella pellicola, l’attrice britannica interpreta la paleontologa Mary Anning, ma non si tratterà di un film biografico: lo sceneggiatore e regista ha, infatti, immaginato una storia d’amore tra la protagonista e una donna, Charlotte (Saoirse Ronan).

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Le (vere) case infestate che hanno ispirato film e serie TV

Il cinema e la televisione hanno ispirato produzioni horror di culto con protagoniste case infestate, ma alcuni di esse sono basate su fatti realmente accaduti.
Autore: Verdiana Paolucci ,
Le (vere) case infestate che hanno ispirato film e serie TV

Chi ha detto che la casa è il luogo più sicuro al mondo? Esistono strutture capaci di mettere i brividi anche solo a guardarle. In apparenza si presentano come ville o castelli lussuosi e ben mantenuti, ma per la le loro storie sono in grado di ispirare film e serie TV dell'orrore davvero terrificanti.

Se Amityville si annovera tra le case infestate più famose del cinema, la tenuta in cui è ambientata la trama della serie TV The Haunting of Hill House è ispirata a fatti realmente accaduti. Il suo sequel, #The Haunting of Bly Manor, invece, è basato su Il giro di vite del romanzo di Henry James, che a sua volta si è ispirato a racconti di fantasmi.

Sto cercando altri articoli per te...