L'Università di San Francisco 'salva' la webcam più longeva della storia

Autore: Pasquale Oliva ,
Copertina di L'Università di San Francisco 'salva' la webcam più longeva della storia

Prima o poi tutti vanno in pensione ma proprio non ne vuole sapere la webcam più longeva di sempre. Parliamo della FogCam, il cui spegnimento definitivo era stato programmato per la fine di agosto, ma qualcosa è evidentemente cambiato nelle ultime ore.

Installata nel 1994 da Jeff Schwartz e Dan Wong con l'approvazione della San Francisco State University, sono stati proprio i due statunitensi (meglio noti come Webdog e Danno) ad annunciare la notizia su Twitter. Il loro post ha fatto però il giro del mondo e ha cambiato il destino della webcam.

Advertisement

[twitter id="1162943165122224128"]

Intervistato da SFGate, Schwartz ha spiegato che la FogCam nacque come un esperimento ispirato alla Trojan Room Coffee Pot Cam, creata nel 1991 per consentire ai docenti dell'Università di Cambridge di controllare costantemente anche a distanza la quantità di caffè nella caffettiera. Collegata ad Internet nel 1993, e spenta ufficialmente il 22 agosto 2001, la 'coffee cam' detiene il titolo di prima webcam al mondo.

Advertisement
FogCam!
Immagine di una ripresa della FogCam di San Francisco
La FogCam di San Francisco in pensione dopo 25 anni

La FogCam è stata installata invece all'esterno, in direzione del campus universitario, per studiare i cambiamenti climatici nella zona e prestando particolare attenzione alla densità della nebbia ('fog' in inglese). La webcam ha continuato a trasmettere immagini per 25 anni, con aggiornamenti ogni 20 secondi, e continuerà a farlo in futuro.

Il pensionamento della FogCam non era stato voluto ma forzato. Schwartz ha citato la cattiva visuale e il mancato supporto dell'università di San Francisco come principali cause dello spegnimento. Ma a scongiurare il triste epilogo ci ha pensato proprio la SFSU, che - a sorpresa - ha ufficialmente annunciato il supporto a tempo indeterminato della FogCam.

Così si legge su sul sito di FogCam:

Breaking news: dopo l'ampia copertura giornalistica sul programmato spegnimento della FogCam, la San Francisco State University ha chiesto di preservarla e gestirla a tempo indeterminato.

Insomma, tutto è bene quel che finisce bene.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

One Piece Film: Red, recensione: più musical che azione

Se non amate la musica Red per voi potrebbe rivelarsi una grossa delusione: il cuore pulsante dell’ultima pellicola della serie infatti è la musica.
Autore: Elisa Giudici ,
One Piece Film: Red, recensione: più musical che azione

One Piece Film: Red è un film che se ne frega della sua stessa spendibilità a livello internazionale ed è anche giusto così, considerando quanto il botteghino giapponese è sostenuto dalle pellicole nipponiche. A differenza dei film animati statunitensi infatti, attentamente calibrati per arrivare e parlare agli spettatori di tutti i continenti (quale che sia la loro cultura e la loro lingua), il lungometraggio diretto da Gorō Taniguchi è stato ideato avendo ben in mente solo il pubblico giapponese, con i suoi gusti e le sue passioni.

In una nazione in cui andare con gli amici al karaoke è un’esperienza tanto comune e trasversale quanto mangiare al ristorante o prendere un caffè in caffetteria, non stupisce dunque che si sia pensato di trasformare il tradizionale lungometraggio cinematografico dedicato al manga di Eiichiro Oda in una sorta di sing along, quasi un musical.

Sto cercando altri articoli per te...