La fiera delle illusioni - Nightmare Alley: il finale del film e il destino di Stan

Autore: Elisa Giudici ,
Disney+
5' 46''
Copertina di La fiera delle illusioni - Nightmare Alley: il finale del film e il destino di Stan

Nightmare Alley è un film di genere noir, basato sull'omonimo romanzo di William Lindsay Gresham del 1946. Non stupisce dunque che segua stilemi e regole del genere, anche quando arriva a tirare le somme della storia e a raccontare l'epilogo delle avventure di Stanton "Stan" Carlisle (Bradley Cooper), uomo piacente dal passato oscuro che pensa di aver trovato nel mondo del circo e della magia la strada del successo e del riscatto. 

L'adattamento di Del Toro della storia - che guarda più al romanzo che al film degli anni '40 - segue Stan nel suo tentativo di "trovare qualcosa in cui sia finalmente abile", dando una svolta concreta alla sua vita. Segnato dalla perdita del padre, Stan è ossessionato dal desiderio di accumulare denaro e di migliorare il suo status sociale. Innamorato della dolce giostraia Molly (Rooney Mara), Stan elabora con lei un numero da mentalista che permette ai due di fare il salto di qualità e lasciare la vita girovaga del circo. Tuttavia l'ambizione di Stan non ha fine e gli fa incrociare la strada dell'algida Lilith Ritter (Cata Blanchett), psicologa e femme fatale che diventa sua socia in affari molto loschi. 

Advertisement

La fiera delle illusioni - Nightmare Alley La fiera delle illusioni - Nightmare Alley Il giovane e ambizioso giostraio Stanton 'Stan' Carlisle ha la straordinaria capacità di manipolare le persone ricorrendo all'uso di poche parole ben scelte. La sua esistenza avrà una svolta inaspettata ... Apri scheda

Il film è caratterizzato anche da molte allusioni che vengono sapientemente disseminate durante il racconto e "anticipano" quanto succederà nel gran finale della pellicola. Ecco come finisce La fiera delle illusioni - Nightmare Alley.

Come si "crea" un Uomo Bestia

Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
Nel corso del film Stanton aiuta il capo giostraio Clement "Clem" Hoately (Willem Defoe) ad abbandonare per strada un uomo rinchiuso in una gabbia e gravemente ferito che progettava di far diventare il nuovo Uomo Bestia del suo circo. Mentre cenano, Clem speiga a Stanton come si fa a trasformare un uomo in un'attrazione da circo. Bisogna trovare un uomo con problemi di alcolismo, uno da almeno due bottiglie al giorno - specifica Clem - di quelli che abbondano in quartieri malfamati, dormitori, vicoli scuri. Lo si attira con la promessa di un lavoro temporaneo come Uomo Bestia, in cambio di un alloggio ma soprattutto di un rifornimento giornaliero di alcolici. L'alcol è l'esca perfetta, ma il vero artiglio è l'oppio, spiega Clem. Ogni giorno si scioglie una goccia di tintura d'oppio nella bottiglia di alcolici da dare all'uomo. Una volta che questi diventa inconsapevolmente dipendente dall'oppio, lo si affronta a muso duro, spiegandogli che è arrivato il momento di trovare un vero Uomo Bestia e cacciandolo.  Disney
Molly e Stanton sulla giostra
Stanton non riesce ad accontentarsi del successo ottenuto dopo aver lasciato il circo e della vita con Molly
L'uomo, disperato, sarà pronto a fare qualsiasi cosa, a sopportare qualsiasi umiliazione in pubblico pur di non perdere il legame con una dipendenza di cui conosce gli effetti e non le cause. Spesso questi uomini diventano autentici folli, funzionando quindi alla perfezione come fenomeni da baraccone.

Stan tocca il fondo 

Attenzione Spoiler!
Clicca per leggere il contenuto ;)
La truffa ai danni di Ezra Grindle (Richard Jenkins) si conclude nel peggiore dei modi. Il magnate si avvicina a Molly mentre questa impersona il fantasma della donna che di cui si duole di aver causato la morte e, scoperto il raggiro, comincia a minacciare lei e Stan. Per tutta risposta il protagonista colpisce Ezra a pugni sul volto fino a ucciderlo. Mentre lui e Molly fuggono in auto, si premura d'investire due volte la sua guardia del corpo. Molly lascia l'auto e fugge via poco dopo. Stan corre da Lilith per nascondersi, prendere il suo denaro e lasciare la città. La donna dice di amarlo ma si spinge troppo oltre, mostrando il suo gioco. Stan quindi capisce di essere stato raggirato: nella borsa ci sono molte mazzette di denaro, ma le banconote sono tutte da un dollaro. Stan s'infuria e Lilith conferma che lei non è interessata al denaro, ma non vuole dargli i suoi soldi perché per lui sono un'ossessione. Avvia dunque l'ultima seduta, facendo intendere a Stan che non ha prove per incastrarla come complice delle truffe e degli omicidi. La donna si vendica di Stan solo per provargli che lei non è "senza potere", come lui gli aveva detto la prima volta durante il numero di magia.  Disney
Lilith e Stan
Lilith ha deciso di distruggere Stanton per dimostragli il suo potere
La sua versione per le autorità sarà che Stanton soffra di un brutto caso di transfert e che lei abbia tentato di aiutarlo. Stan allora la aggredisce e tenta di strozzarla con il filo del telefono che lei ha appena usato per chiamare la sorveglianza. La donna riesce a salvarsi sparando alla testa di Stanton, colpendolo vicino all'orecchio. Quando la sorveglianza arriva e le chiede se stia bene, risponde "sopravviverò", facendo riferimento alla sua natura di donna capace di fronteggiare qualsiasi pericolo. Stan intanto fugge e si nasconde su un treno merci, dietro file di gabbie di galline. Lo vediamo in inquadratura circondato da gabbie: l'allusione (galline e gabbie) è all'Uomo Bestia. Convinto a provare il whisky da Lilith, ormai Stan è un grande consumatore di liquori. Fuggitivo e sbandato, si unisce a una banda di vagabondi e arriva a cedere l'orologio del padre per poter bere un po' di alcol. Stanton temeva di finire come suo padre, ma il suo destino è ancora più terribile. Quando incontra un nuovo circo, va dal responsabile per elemosinare un lavoro. Scopre che l'uomo ha comprato Enoch, l'infante sotto spirito con il terzo occhio. Stan raggela quando si rende conto che l'uomo, che lo tratta come uno sbandato senza tetto, ubriacone e puzzolente, vuole fare di lui un Uomo Bestia dipendente da alcol e oppio, con il metodo che gli rivelò tempo addietro Clem. Stan però è tanto disperato da accettare consapevolmente il suo destino, tanto da dire rispetto al ruolo terribile di Uomo Bestia: 

Sono nato per farlo. 

Come finisce La fiera delle illusioni - Nightmare Alley?

L'inganno di Stan viene scoperto da Ezra: l'uomo viene ucciso insieme alla sua Guardia del corpo e Molly, sconvolta, se ne va e lascia il protagonista.

Stan torna da Lilith e scopre che la donna l'ha ingannato: non gli darà i suoi soldi e non si lascerà invischiare nei suoi crimini. Non lo fa per soldi, ma solo per dimostrargli il suo potere.

Stan tenta di ucciderla e Lilith gli spara con la sua pistola. Nel fuggire, Stan cade nel gorgo dell'alcolismo. Finirà per accettare l'offerta di diventare un Uomo Bestia in un circo, ben consapevole del fatto che sia un destino terribile di umiliazione e dipendenza.

Cosa significa la frase finale di La fiera delle illusioni - Nightmare Alley?

Quando Stan dice "sono nato per fare l'Uomo Bestia", capito che l'uomo ha toccato il fondo ed è tanto disperato da accettare consapevolmente il suo destino. temeva di finire come suo padre, ma il suo destino è ancora più terribile: sa infatti che il capo del circolo lo spingerà alla follia, dandogli alcolici mescolati a tintura d'oppio.

Advertisement

Perché Lilith tradisce Stan?

Lilith non è interessata al denaro, ma trattiene quello di Stan perché sa che lui ne è ossessionato. Decide di tradirlo e manipolarlo per dimostrargli tutto il suo potere, che lui aveva liquidato nel loro primo incontro, durante il suo spettacolo di magia.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

La fiera delle illusioni - Nightmare Alley, le location e le incredibili scenografie del film

Una guida ai set del noir di Guillermo del Toro, girato in piena pandemia in alcuni luoghi particolari tra il Canada e Buffalo: il circo di Stan e gli altri imbonitori è stato costruito all'aperto in una vera location dalla art director Tamara Deverell.
Autore: Alessandro Zoppo ,
La fiera delle illusioni - Nightmare Alley, le location e le incredibili scenografie del film

Dall'orfanotrofio de #La spina del diavolo al laboratorio di sperimentazioni militari de #La forma dell'acqua - The Shape of Water, Guillermo del Toro è un maestro nella scelta di location sbalorditive e abbacinanti per i suoi film. La fiera delle illusioni - Nightmare Alley, l'undicesimo lungometraggio del regista messicano, non è da meno.

Il noir di Guillermo del Toro (dal finale amaro come il whisky) è girato in buona parte per le strade di Toronto, dove erano già ambientati #Mimic (il suo debutto in lingua inglese), #Pacific Rim e La forma dell'acqua. Nel caso di Nightmare Alley, Del Toro si è avvalso della collaborazione di una specialista locale come Tamara Deverell per costruire il luna park itinerante dove si consumano l'ascesa e la caduta dello spietato e ambizioso arrivista Stanton Carlisle, interpretato da Bradley Cooper.

Sto cercando altri articoli per te...