La regina degli scacchi: una stagione 2 è possibile?

Autore: Verdiana Paolucci ,
Netflix
2' 45''
Copertina di La regina degli scacchi: una stagione 2 è possibile?

Competizione, avvincenti tornei di scacchi e il dramma personale di una giovane protagonista: #La regina degli scacchi è la serie Netflix che ha conquistato gli utenti fin dal primo giorno in cui ha debuttato (il 23 ottobre 2020).

Basata sull'omonimo romanzo di Walter Tevis, ha come protagonista Beth Harmon (interpretata da una magnetica Anya Taylor-Joy), un'orfana destinata a diventare una campionessa degli scacchi. Avvicinata al gioco in tenera età, con il passar degli anni sviluppa un vero talento. Da adolescente, Beth si iscrive ai tornei e gareggia con le personalità più influenti del mondo degli scacchi, scavalcando gli avversari in pochissime mosse. La scalata al successo, però, va di pari passo con le sue dipendenze da alcol e psicofarmaci.

Advertisement

Visto il successo e l'ottima recensione della critica (su Rotten Tomatoes ha ottenuto il punteggio pieno), La regina degli scacchi potrebbe avere una seconda stagione?

Non necessariamente.

Chi tra gli attori è disponibile a tornare?

Netflix
Anya Taylor-Joy interpreta Beth Harmon nella serie Netflix La regina degli scacchi

Concepita come una miniserie da sette episodi, la prima e unica stagione si conclude con un finale soddisfacente per ogni personaggio, e non sembra lasciare nulla in sospeso. Tuttavia, le cose potrebbero cambiare.

Anya Taylor-Joy e qualche membro del cast sarebbero disposti a tornare per eventuale seconda stagione. L'attrice protagonista, classe 1996, ha così dichiarato nel corso di un'intervista concessa a Town & Country:

Se ho imparato qualcosa da quando sono in questa industria, è mai dire mai. Adoro il personaggio e certamente tornerei a interpretarlo qualora me lo chiedessero. Ma credo di aver lasciato Beth al posto giusto.

Anche Harry Melling, suo co-star, che ricopre il ruolo di Harry Beltik, avversario e poi amico di Beth nella serie, la pensa esattamente come la Taylor-Joy. Pur aperto all'idea di interpretare di nuovo il suo personaggio, ha sottolineato come la storia sia effettivamente conclusa, proprio come nel libro originale da cui è tratta.

Sarebbe bello realizzare una seconda stagione de La regina degli scacchi? Il modo in cui è finita la serie è lo stesso del romanzo. Non so se ci saranno altri episodi, ma le cose più strane possono accadere.

Advertisement
Netflix
Anya Taylor-Joy e Harry Melling in una scena della serie La regina degli scacchi

Il regista e ideatore della serie Scott Frank è dello stesso avviso. A Entertainment Weekly ha dichiarato di essere soddisfatto col lavoro eseguito e di non voler rischiare di rovinare tutto con una seconda stagione.

Advertisement

Questa è stata la miglior esperienza che abbia avuto in trent'anni di carriera. Non ho idea di come le persone la prenderanno, ma per la prima volta ammetto di essere felice. Di norma, ho paura di dirlo.

Ci sarà La regina degli scacchi 2?

In altre parole: no. Lo show è stato concepito come serie limitata che ha un inizio, uno sviluppo e una fine.

Netflix
Anya Taylor-Joy e Thomas Brodie Sangster ne La regina degli scacchi

La regina degli scacchi è uno dei prodotti di maggior successo del 2020 che ha messo d'accordo il pubblico e la critica.

Questi risultati potrebbero convincere Netflix a ordinare una seconda stagione, o magari uno spin-off? Ci sono diverse opzioni per un possibile seguito e il cast sarebbe disposto a tornare.

C'è però da tenere in considerazione l'attuale pandemia di Covi-19. Netflix ha cancellato diverse serie TV (tra queste #GLOW e #The Society) per i costi relativi alla messa in sicurezza del set, degli attori e della troupe. Dovremo attendere qualche mese per capire come la compagnia di streaming intende procedere.

Al momento La regina degli scacchi ha giocato la sua ultima partita. 

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Netflix, cosa c’è dietro la (prima) caduta del colosso dello streaming

Dietro la crisi di Netflix e il tonfo in borsa c’è un cambiamento epocale della cultura interna dell’azienda di streaming a pagamento e la fine di una guerra interna tra due visioni differenti dell’offerta della grande N.
Autore: Elisa Giudici ,
Netflix, cosa c’è dietro la (prima) caduta del colosso dello streaming

Cosa c’è dietro la crisi economica e identitaria che sta vivendo Netflix in queste settimane? Dopo l’annuncio della perdita di duecentomila iscritti nel primo trimestre del 2022 e il successivo tonfo in borsa del titolo, il servizio di streaming a pagamento sembra in piena crisi d’identità. Le prime teste sono cadute nel reparto animazione e la dirigenza già pensa ad abbonamenti inclusivi di pubblicità e al blocco della condivisione della password al di fuori della cerchia familiare, mentre gli annunci proseguono senza stop.

In un bellissimo reportage pubblicato in queste ore, The Hollywood Reporter ricostruisce la storia della prima caduta di Netflix, che coincide con la fine di un’era del gigante dello streaming: quella in cui la cultura aziendale era “ardita, pronta a prendersi rischi, guidata dall’istinto” e terribilmente dispendiosa, a favore di una strategia più guardinga e meno rivolta alla qualità.

Sto cercando altri articoli per te...