Lacci, la recensione da Venezia 77: niente di più e niente di meno di quanto t'aspetti dal cinema italiano

Autore: Elisa Giudici ,
Recensioni
3' 17''
Copertina di Lacci, la recensione da Venezia 77: niente di più e niente di meno di quanto t'aspetti dal cinema italiano

All’annuncio di Lacci come film d’apertura di Venezia 77, i più maligni avevano parlato di una scelta di ripiego, italiana e quasi obbligata, in un'annata dalle pellicole degne di attesa e hype davvero contatissime.  

A posteriori il tempo e la prima mondiale hanno dato ragione ad Alberto Barbera e alla sua scelta sensata, prevedibile ma concreta. Lacci è tutto fuorché un film che sorprende. In un’annata in cui le sorprese negative cause Covid-19 e defezioni (tradimenti?) di major e piattaforme streaming eccellenti hanno fatto molto male, è una buona notizia.

Advertisement

01 Distribution

Daniele Luchetti sul set di Lacci
Daniele Luchetti è stata la scelta sicura per aprire una Mostra ridimensionata ma solida

Daniele Luchetti - che ci ha raccontato il film ieri in una video intervista - arriva senza sorprese, ma armato di un romanzo che funziona alla perfezione anche su grande schermo, messo in scena esattamente dai nomi che ci si poteva immaginare leggendone le pagine. Non è la prima volta che lo scrittore Domenico Starnone collabora con Luchetti, sottoponendogli i suoi romanzi e collaborando alla stesura delle sue sceneggiature, ma il caso di Lacci è particolare. Si tratta infatti di un romanzo che ha fatto parlare molto di sé, trovando la forza di sbarcare con un certo successo anche all’estero.

Non c'eravamo tanto amati

Permette a me ora di essere maligna: non poteva esserci momento migliore per tirar fuori dal cappello a Venezia una storia d’infelicità familiare e affettiva ambientata a Napoli tra gli anni ’80 e il presente, cogliendo appieno l’ondata mediatica e culturale di L’amica geniale. Non che Daniele Luchetti faccia nulla per sembrare Saverio Costanzo o Domenico Starnone rassomigli in qualche modo nel modo di scrivere a Elena Ferrante (con buona pace degli amanti delle dietrologie). Il collegamento nasce e cresce nel cervello delle spettatore, il che fa molto bene al più classico dei drammi basso borghesi messo in scena dal film.

Advertisement

01 Distribution

I protagonisti si allacciano le scarpe
Lacci trae la sua forza da alcune delle pagine migliori della bibliografia di Starnone


Aldo e Vanda non si erano nemmeno tanto amati, ma il tradimento di lui (speaker radiofonico della RAI) con la bella collega di Roma dà il via a guerra di logoramento di nervi, di cui si ritrovano vittime i due figli della coppia. Luigi Lo Cascio e Alba Rohrwacher mettono il pilota automatico per due ruoli ricalcati sulle loro rispettive filmografie ed è quasi naturale vederli invecchiare in Silvio Orlando e Laura Morante

Niente di più, niente di meno

Tutte le sorprese che il film regala vengono dal libro, da come costruisce in maniera concisa e precisa un dramma familiare in cui hanno tutti si vorrebbero slegare dalla presenza e influenza degli altri, eppure i lacci del titolo trovano sempre il mondo di farli inciampare, di annodarli a persone con cui non hanno nulla da condividere tranne l’infelicità. Luchetti però un merito ce l’ha: riesce a tenere a freno ogni possibile deriva peggiorativa, limitando al minimo quelle scene in cui ci si urla tutti tutto contro e in sala si levano gli occhi al cielo pensando “ancora un’altra litigata cinematografica italiana”.

Lacci Lacci Napoli, primi anni ‘80: il matrimonio di Aldo e Vanda entra in crisi quando Aldo si innamora della giovane Lidia. Trent’anni dopo, Aldo e Vanda sono ancora sposati. Un giallo ... Apri scheda

Non è A Marriage Story. Sarebbe impossibile, dato che è una storia che guarda fermamente al passato. Non è nemmeno un residuato mucciniano con ambizioni autoriali, il che è già un risultato, perché a Venezia di derive del genere in passato se ne sono viste molte in lingua italiana negli ultimi concorsi. Lacci è un film solido, senza sorprese, che potrebbe conquistare la stampa straniera e il pubblico che non conosce il libro da cui è tratto. Non fa niente per essere qualcosa di più, ma si impegna attivamente per non essere da meno: tutto sommato, va benissimo così.

Lacci sarà al cinema a partire dal 1 ottobre 2020.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

70
Solido e senza sorprese, Lacci di Luchetti tra la sua forza dal romanzo di Domenico Starnone: non vi farà impazzire ma nemmeno pentire di essere tornati in sala per vederlo.
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Bollywood e Disney lanciano l’MCU indiano: ecco Brahmastra

Guarda il trailer di Brahmastra, il primo film di una nuova trilogia di Bollywood che Disney distribuirà in contemporanea negli USA.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Bollywood e Disney lanciano l’MCU indiano: ecco Brahmastra

Dal 2008, data di inizio del Marvel Cinematic Universe, in molti hanno provato a imitare il modello Marvel per portare in sala una rete di progetti cinematografici legati tra loro, ma nessuno vi è riuscito così bene come i Marvel Studios e The Walt Disney Company ovvero la società di produzione artistica dietro i vari film (e ora anche serie TV) e la casa di produzione (in termini di budget investito) e distribuzione nei cinema.

Adesso Disney ha raggiunto un accordo per esportare fuori dall'India un prodotto che è già un successo! Si tratta della saga di Bollywood dal titolo Brahmastra. Si tratta di una delle produzioni bollywoodiane più costose di tutti i tempi, il cui primo trailer (visibile qui sotto) ha già raggiunto oltre 10 milioni di visualizzazioni.

Sto cercando altri articoli per te...