L'attore di House of the Dragon: "Un drago si e un nero no?"

Autore: Francesca Musolino ,
News
3' 39''
Copertina di L'attore di House of the Dragon: "Un drago si e un nero no?"

House of the Dragon una delle serie TV più attese da tempo, il 22 agosto 2022 ha finalmente fatto il suo debutto mondiale sul piccolo schermo. Una premiere che ha registrato un record di ascolti tenendo incollati milioni di spettatori davanti alla TV. Ma che allo stesso tempo, proprio a causa del grande afflusso di utenza, ha lasciato anche tanti spettatori a bocca asciutta per problemi di connessione dovuti al sovraccarico dei server del servizio streaming HBO Max.

A poche ore da questo debutto, Steve Toussaint, che interpreta Lord Corlys Velaryon uno dei protagonisti di House of the Dragon, ha parlato con Men's Health e ha voluto ironizzare sul suo personaggio a seguito delle polemiche nate tra i fan dei libri per il suo colore di pelle, diverso da come è descritto il personaggio cartaceo:

Advertisement

Accettano di vedere un drago che vola, dei personaggi con i capelli bianchi e gli occhi viola, ma una persona nera ricca? Questo supera il limite per loro.

Una breve ma efficace dichiarazione quella di Toussaint, in cui il concetto è molto chiaro: visto che si tratta di un'opera di fantasia e legata a un mondo magico, ogni cosa è possibile. Di conseguenza secondo Toussaint, lo spettatore non si deve stupire o stizzire più di tanto se nota qualcosa che dal suo punto di vista non è fattibile.

Ma se da un lato c'è chi ha criticato la scelta di un attore afroamericano, per un personaggio che nei libri ha dato l'idea di essere di un'altra etnia, da un altro c'è chi invece ha dato supporto e fiducia a Toussaint proprio per il tipo di personaggio che porta sullo schermo. Sempre nell'intervista l'attore ha detto:   

La cosa più bella è che per ogni persona tossica che ha cercato di buttarmi giù, ce ne sono state altrettante di supporto che mi hanno detto 'Oh mio Dio, non vedo l'ora che questo accada, grande!'. Anche quando abbiamo girato alcune scene, diversi artisti si sono avvicinati e mi hanno detto frasi di supporto come 'È fantastico avere questa rappresentazione!'

Le differenze rispetto ai libri

Nei libri di George R.R. Martin è spiegato che i membri di Casa Velaryon sono discendenti di Valirya, popolo noto per avere spesso una carnagione molto chiara. Tuttavia allo stesso tempo Martin non ha mai definito tutti i Valiryani bianchi, ma è soltanto una caratteristica come un'altra che non vale necessariamente per ognuno di loro. Pertanto non è un errore che tra i Velaryon ci sono persone con la carnagione più scura.

Inoltre quella d'introdurre un personaggio di diversa etnia rispetto ai libri, è stata una scelta atta a combattere la discriminazione. Gli showrunner di House of the Dragon Ryan Condal e Miguel Sapochnik, sono consapevoli delle numerose critiche dei fan verso Il Trono di Spade per la mancanza di diversità nel cast. Di conseguenza con House of the Dragon non hanno voluto creare una situazione analoga e hanno deciso di rompere gli schemi in modo abbastanza diretto. Il 13 luglio 2022 in una intervista rilasciata a Entertainment Weekly, Condal si è espresso così: 

Advertisement

Era molto importante per me e Miguel creare uno spettacolo che non fosse soltanto un altro gruppo di bianchi sullo schermo, per dirla in modo molto schietto.

Oltre a questa precisazione, sempre nel corso della medesima intervista con EW Condal ha rivelato un dettaglio molto interessante:

Moltissimo tempo fa quando George R.R. Martin ha iniziato a concepire l'idea di questo mondo, ha preso in considerazione di rendere i Velaryon una dinastia di afroamericani con i capelli argento. Dovevano arrivare dall'altra parte dell'oceano a conquistare il Continente Occidentale. È un'idea affascinante e mi è sempre rimasta impressa, proprio perché sconvolge i canoni. Quindi ho solo pensato 'Beh, perché non potremmo farne una versione adesso?'

Detto questo, sembra che il caso sia chiuso. Perché se è sempre stato lo stesso Martin a volere il Signore delle maree afroamericano, non c'è nessuna incongruenza "per dirla in modo molto schietto".

In Italia House of the Dragon è disponibile su Sky Italia e NOW TV a partire dal 22 agosto 2022 e dal 29 agosto anche in lingua italiana. E per chi vuole anche risparmiare qualcosa, ecco come vedere la serie a un prezzo ridicolo.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Advertisement
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

House of the Dragon, perché Rhaenyra e Alicent cambiano volto?

Leggi per scoprire come mai nella seconda parte di stagione di House of the Dragon alcuni attori sono stati sostituiti da altri.
Autore: Francesca Musolino ,
House of the Dragon, perché Rhaenyra e Alicent cambiano volto?

A partire dal secondo episodio di House of the Dragon, sono stati necessari dei salti temporali all'interno della trama, per stringere i tempi e gettare le basi principali di quella che nei libri di George R.R. Martin è nota come "la Danza dei Draghi": ovvero la battaglia civile scatenata all'interno della casata Targaryen, per stabilire il prossimo erede al Trono di Spade.

Per questo motivo nel sesto episodio di House of the Dragon è avvenuto uno dei salti più lunghi, tra tutti quelli mostrati nella prima stagione della serie, in quanto la trama è stata portata avanti di dieci anni. Un lasso di tempo durante il quale oltre a inevitabili sviluppi nella stessa storia, ci sono state delle rivisitazioni anche all'interno del cast per esigenze narrative.

Sto cercando altri articoli per te...