L'autore di Sandman sulle critiche: "Gay e Trans? Necessari"

Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
News
2' 0''
Copertina di L'autore di Sandman sulle critiche: "Gay e Trans? Necessari"

Lo scrittore Neil Gaiman ha rilasciato una lunga intervista a The Queer Review dove ha voluto parlare dei personaggi LGBTQ+, che lui stesso ha creato per l'opera The Sandman. Nella serie originale Netflix ce ne sono molti: da Johanna Constantine bisessuale, al Corinzio che ha solo frequentazioni con uomini, fino ad arrivare a Desiderio, che può apparire come uomo, donna o entrambi, come se fosse genderfluid.

Gaiman ha parlato di come volesse vedere rappresentati i propri amici nella vita reale, e di quanto sarebbe stato sbagliato lasciarli fuori dal proprio lavoro. Ha poi aggiunto che non ha cambiato nulla quando ha cominciato a lavorare per la serie televisiva: i personaggi sono rimasti esattamente com'erano. L'autore ha detto:

Advertisement

Quando stavo scrivendo il fumetto - e anche oggi - avevo amici gay e avevo amici trans.

L'autore britannico ha anche ricordato di quando ha ricevuto pressioni da un gruppo chiamato Concerned Mothers of America per il fumetto Sandman. Questo collettivo aveva mandato una lettera stizzita in cui dichiarava che a causa dell'alta presenza di personaggi gay nella serie, avrebbero boicottato l'opera, aggiungendo infine che lo scrittore e i disegnatori che ci lavoravano avrebbero dovuto pentirsi. Neil Gaiman dichiara che non si sono mai pentiti e le vendite sono salite sempre di più. Per questo motivo non si è mai preoccupato del boicottaggio, ma piuttosto, ha detto, si preoccupa per loro, il gruppo Mothers of America, anche al giorno d'oggi.

Advertisement

Anche Allan Heinberg, showrunner della serie The Sandman, si è espresso sull'importanza dei personaggi queer, facendo riferimenti alla sua vita personale. Heiberg ha dichiarato:

Penso che uno dei motivi per cui ho amato il fumetto Sandman quando usciva è perchè era una rappresentazione all'epoca, specialmente nei fumetti, dove non ce n'erano. Northstar non era ancora arrivato, e non era la stessa cosa. Quindi io, come persona queer, mi sono sempre sentito visto, sentito e preso per mano da Sandman e ovviamente volevo che lo show facesse lo stesso per la comunità LGBTQIA+.

Se volete sapere qualche altro fatto curioso su The Sandman, potete leggere il nostro articolo 8 fatti curiosi su The Sandman, parlano gli autori e gli interpreti. E per sapere che ne pensiamo di The Sandman, ecco la nostra recensione: The Sandman, la miglior trasposizione TV di un fumetto [RECENSIONE].

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

The Sandman 2 fa un passo avanti, ecco le novità

Scopri tutti i dettagli della lavorazione della seconda stagione di The Sandman, la serie di grande successo prodotta da Netflix.
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
The Sandman 2 fa un passo avanti, ecco le novità

Il lavoro sulla seconda stagione di The Sandman, la serie originale Netflix ideata da Neil Gaiman, procede in modo notevole, secondo quanto ha dichiarato Ian Markiewicz. Quest'ultimo è il supervisor degli effetti visivi della prima stagione ed è confermato in questo ruolo anche per la seconda. Al momento non si sa ancora se la stagione 2 sarà su Netflix o su un'altra piattaforma streaming.

In un'intervista a Screen Rant Ian Markiewicz ha dichiarato che lo showrunner Allan Heinberg ha lavorato per 20 settimane alla sceneggiatura della nuova stagione di The Sandman, assieme a un gruppo di scrittori. Il team ha lavorato in smart working a causa del COVID-19, a differenza della prima stagione in cui era ancora possibile vedersi fisicamente. Mankiewicz ha dichiarato che l'arco narrativo è pronto ed Heinberg sta al momento apportando solo qualche ritocco alle sceneggiature degli episodi. Il supervisor ha inoltre dichiarato di avere già un appuntamento fissato per pranzo con Heinberg e Jon Gary Steel, scenografo di The Sandman. Durante il pranzo di lavoro, che avverrà intorno ai primi di ottobre 2022, ci sarà anche una sceneggiatura pronta.

Sto cercando altri articoli per te...