Le reazioni delle celebrity alla morte di Kobe Bryant

Autore: Giuseppe Benincasa ,

Il mondo è sconvolto dalla prematura scomparsa di Kobe Bryant, morto in un fatale incidente in elicottero accanto alla figlia 13enne. È quindi stata una bruttissima domenica, quella del 26 gennaio 2020, in cui ex colleghi del campo da basket, fan e personaggi pubblici hanno manifestato i loro sentimenti sul web.

Sono state tantissime le reazioni condivise sui più importanti canali social, in segno di cordoglio per la perdita di un uomo, di un marito, di un padre e di un atleta che ha fatto la storia dell'NBA.

Advertisement

Michael Jordan ha scritto che considerava Bryant un fratello minore e uno dei più grandi di sempre. Il tweet che vedete qui sotto è stato pubblicato dalla manager di Jordan:

L'attore Dwayne "The Rock" Johnson ha pubblicato una foto di Bryan e della figlia Gianna Maria, morta anche lei nell'incidente, e ha scritto: "L'amore è per sempre":

L'attrice Priyanka Chopra ha scritto che grazie a Bryant si è innamorata dello sport all'età di 13 anni, proprio la stessa età in cui è morta la figlia del'ex campione dell'NBA:

Jack Nicholson, grande fan dei Los Angeles Lakers (la squadra dove ha giocato Bryant), è stato contattato via telefono da CBS Los Angeles e ha detto che la sua reazione è la stessa di tutti gli altri: nella vita, quando si pensa di avere delle certezze, c'è sempre qualcosa che arriva a sorprenderti, a sottolineare la fragilità e imprevedibilità delle cose.

Nicholson, che conosceva personalmente Bryant, lo ricorda per la sua grandezza sul campo e ha detto: "Ci mancherà".

Advertisement

La cantante pop Taylor Swift ha scritto su Twitter che Kobe Bryant ha significato molto per lei, così come per tutti i fan di basket, e ha un pensiero per la famiglia dell'ex atleta e la moglie Vanessa:

Il 40esimo Governatore della California, Gavin Newsom, ha twittato che il mondo ha perso una leggenda:

Barak Obama ha avuto un pensiero per la moglie e madre Vanessa e per tutta la famiglia Bryant, che ha perso Kobe e la giovanissima Gianna Maria:

Advertisement
Advertisement

Donald Trump ha twittato la notizia:

L'ex campione Kareem Abdul-Jabbar ha pubblicato un video su Twitter e, mentre tutti ricordano Bryant per le sue doti atletiche, lui lo vuole ricordare per il grande uomo che era:

Il musicista rapper Kanye West, che ha conosciuto personalmente Bryant, ha pubblicato una foto di quando erano ragazzi:

Un altro grande del basket come Shaquille O'Neal ha pubblicato una foto dei primi tempi in cui giocavano insieme (nell'immagine Bryant ha infatti la maglia numero 8) e ha scritto che non ci sono parole per il dolore che sta provando:

Anche il regista del cortometraggio d'animazione dal titolo Dear Basketball: The legend of Kobe Bryant, che è valso un premio Oscar a Bryant come produttore, ha espresso il suo cordoglio su Twitter:

Il presidente di The Walt Disney Studios, Robert Iger, ha scritto su Twitter che è una terribile notizia difficile da digerire:

L'attrice Reese Witherspoon si è detta devastata dalla notizia:

L'attrice e presentatrice Ellen DeGeneres ha scritto che il suo cuore è a pezzi per la moglie di Bryant e per la sua famiglia:

Queste sono solo alcune delle celebrità che in queste ore stanno ricordando Bryan e sua figlia Gianna Maria di soli 13 anni.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

The Boys ha costretto Hideo Kojima a bloccare un progetto

Hideo Kojima ha fermato un progetto a cui lavorava da tempo per colpa di The Boys: si è reso conto che era troppo simile alla serie Prime Video.
Autore: Elisa Giudici ,
The Boys ha costretto Hideo Kojima a bloccare un progetto

The Boys ha creato un bel grattacapo al famoso creatore di videogiochi e papà di Metal Gear Solid Hideo Kojima. 

Tramite il suo account Twitter ufficiale, lo sceneggiatore e ideatore di videogiochi giapponese ha raccontato di come sia stato costretto a mettere in pausa un progetto a cui lavorava da lungo tempo. Il motivo? Si è reso conto che era davvero troppo, troppo simile a The Boys, la serie Prime Video dedicata al lato oscuro dei supereroi. 

Sto cercando altri articoli per te...