Le regole del delitto perfetto 6x13: ecco la storia con l'inizio di tutto

Autore: Chiara Poli ,
Recensioni
2' 48''

Sapevamo che questa sarebbe stata la stagione della resa dei conti per tutto, e fin dal riassunto degli eventi precedenti ne abbiamo la conferma: si torna all’incidente causato da Frank (Charlie Weber) che costò la vita al figlio di Annalise (Viola Davis), e torniamo esattamente dov’eravamo rimasti la settimana scorsa.

Ovvero, a quando Nate (Billy Brown) dice a Frank di aver ucciso il fratello di Laurel (Karla Souza).

Advertisement

Le regole del delitto perfetto Le regole del delitto perfetto La serie segue la vita professionale e privata della carismatica Annalise Keating, stimata avvocato e preziosa docente di diritto penale presso una prestigiosa Università di Filadelfia, la fittizia "Middleton University". ... Apri scheda

-2: tornare al passato per capire il presente

Mancano solo altri due episodi al finale di serie e per arrivare alla fine è inevitabile tornare al principio.

A Vivian (Marsha Stephanie Blake), ai ripensamenti di Sam (Tom Verica) e al ruolo di sua sorella, Hannah (Marcia Gay Harden).

Ed è a questo punto che arriva il colpo di genio: tutto nasce dal trauma di Sam. Da un uomo che è diventato psicologo… E traditore seriale, assassino, sociopatico. Non necessariamente in quest’ordine.

Tutto è possibile a questo punto.

A due episodi dalla fine della storia di Annalise Keating, #Le regole del delitto perfetto ci racconta come a definire il corso della storia siano sempre e solo loro: i personaggi. Le scelte, il passato e l’orrore che ha fatto dei protagonisti ciò che sono. Siamo il prodotto delle nostre esperienze: questo ci vuole dire il terzultimo episodio. Ma possiamo cambiare.

Ne abbiamo l’occasione, nel corso della vita, più di una volta…Ma non all’infinito.

Sam e il punto d’origine

Come sempre, ho iniziato a scrivere questa recensione “in diretta”, guardando l’episodio, analizzando sequenza dopo sequenza.

Advertisement

La conferma della teoria a cascata a partire da Sam - il vero responsabile di tutto è lui, non Annalise: lei ha solo reagito alle sue azioni, Sam è il punto d’origine - inizia ad agire su Bonnie (Liza Weil) e Frank, Annalise, Vivian, Gabriel (Rome Flynn) e via via sugli studenti di Annalise che lo incontrano e sulle persone che, a cascata appunto, entrano in contatto con loro.

Advertisement

Annalise non era la donna che abbiamo conosciuto nella prima stagione. Annalise ha dovuto diventare quella donna per sopravvivere a Sam.

Al suo trauma e ai suoi effetti su tutte le persone che ha incontrato.

Era stato una vittima, sì, ma è diventato un carnefice per molti, troppi altri.

Tenere suo figlio lontano da quell’uomo è stata la cosa migliore che Vivian Maddox potesse fare.

Advertisement
ABC Studios
Le regole del delitto perfetto: 6x13
Le regole del delitto perfetto: una scena dall'episodio 6x13

Il colpo di scena

Bonnie ha un punto di vista diverso rispetto a tutti gli altri: lei è l’unica che potrebbe arrivare a giustificare Sam, perché crede che abbia subito abusi com’era successo a lei.

Mentre Connor (Jack Falahee) firma un accordo alle spalle di Michaela (Aja Naomi King), la ricerca di Ananlise e Tegan (Amirah Vann) sull’ipotetico figlio di Sam e Hannah ha un esito sconvolgente, ma anche sensato. Perché spiega moltissime cose, fin dal principio.

Frank è il figlio di Sam, a quanto dicono le analisi.

Le regole del delitto perfetto lancia una bomba dandoci appuntamento a giovedì prossimo con il penultimo episodio della serie.

Non perdetelo!

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Run The World e il black power in TV: le serie da (ri)vedere

Le serie TV rappresentano lo specchio della nostra modernità. Diverse volte hanno raccontato tutte le contraddizioni del mondo in cui viviamo. Come la rappresentazione del black power. Ecco le 5 serie da non perdere
Autore: Carlo Lanna ,
Run The World e il black power in TV: le serie da (ri)vedere

Da sempre, la cultura del black power ha trovato spazio all’interno del mondo del cinema e della TV. Di recente, però, alla luce dei fatti di cronaca nera che hanno scosso l’opinione pubblica – vedi il fenomeno del Black Lives Matter – si è notato un grande interesse da parte dell’universo televisivo nel tratteggiare con parsimonia la sub-cultura degli afroamericani.

Sto cercando altri articoli per te...