Licorice Pizza, la recensione: gli anni ‘70 tornano al cinema, senza chiedere scusa o permesso

Autore: Elisa Giudici ,
Recensioni
4' 19''
Copertina di Licorice Pizza, la recensione: gli anni ‘70 tornano al cinema, senza chiedere scusa o permesso

Paul Thomas Anderson è rimasto scottato da Il filo nascosto, un film che gli ha portato grande plauso critico, ma che l’ha anche costretto a dire addio al suo attore feticcio e amico Daniel Day-Lewis (ritiratosi dalle scene subito dopo) e ad affrontare un set londinese lontano dalla sua California e dai suoi affretti, per una produzione molto impegnativa.

Advertisement

Non stupisce troppo quindi che Licorice Pizza sia una sorta di ritorno a casa, geografico e temporale: la pellicola infatti ricostruisce una California perduta, quella degli anni ‘70, in cui Anderson è diventato adulto. C’è una certa magia adolescenziale in questa storia scritta di suo pugno, ma anche molto concretezza nel raccontare il miscuglio di libertà, abbandono, sessismo e razzismo in cui i due giovani protagonisti sviluppano una relazione amicale molto particolare e complicata.

Advertisement

Licorice Pizza Licorice Pizza Los Angeles, 1973. Gary Valentine, adolescente intraprendente e fanfarone, incontra Alana Kane, venticinquenne sul cammino dell'indipendenza. Lei gli porge specchio e pettine per la foto dell'annuario scolastico, lui le dichiara ... Apri scheda

La trama di Licorice Pizza

Paul Thomas Anderson dice di aver concepito questo amore impossibile tra un adolescente e una ragazza già adulta vedendo dei liceali in fila nel giardino della scuola, in attesa di fare la foto per l’annuario scolastico. Questa scena a cui ha assistito anni fa è diventata l’incipit del film: Alana Kane (Alana Haim) è l’assistente un po’ svogliata del fotografo che sta lavorando in palestra e attira l’attenzione di Gary Valentine (Cooper Hoffman), un 15enne che rimane subito colpito dal suo fascino e la invita fuori a cena.

Stupita dalla sua audacia, Alana lo respinge, ma all’ultimo cambia idea e comincia a frequentare casa di Gary. Lui ha solo 15 anni ma tra un lavoro da attore e aspirazioni imprenditoriali gode di una libertà e di una sicurezza di sé propria di un adulto. Lei invece, osservata a vista dalla famiglia e senza aspirazioni, finisce per orbitare attorno al ragazzo, facendogli ora da amica, ora da madre, sviluppando una certa qual attrazione per lui.

Eagle

Gary si specchia con Alana
Anderson ha assistito a una scena simile a quella che apre il suo film 20 anni fa in un liceo californiano

Licorice Pizza è il racconto di un’estate che i due trascorrono insieme, avvicinandosi e allontanandosi fino a trovare la giusta dimensione in cui far convivere le contraddizioni della loro relazione, in un luogo e un momento storico in cui infanzia ed età adulta si fondono, dove tutto sembra possibile, ma solo se sei un uomo bianco.

Licorice Pizza è un film meno impegnativo e forse meno ambizioso dei titoli più blasonati del regista di Il petroliere e Ubriaco d'amore, ma che condensa e consolida uno scenario a cui sembra dover e voler spesso tornare. Alcuni hanno interpretato il film come uno scanzonato prequel di Ubriaco d’amore (2002), in cui recitava il compianto Philip Seymour Hoffman, padre dell’esordiente Cooper Hoffman.

Licorice Pizza è sempre autentico, anche a costo di diventare controverso

Nonostante rievochi un tempo lontano e perduto, Licorice Pizza non è una visione dorata e passatista dell’adolescenza del regista, bensì un racconto vivo e contraddittorio di un’epoca e un’America ormonale, aggressiva, vitale, dove la vecchia Hollywood cede il passo alla nuova. La presenza di Sean Penn e Bradley Cooper nei rispettivi camei è forse l’aggiunta più artificiosa e superflua di un film che invece ha il raro dono di catturare le contraddizioni e le complessità di un’epoca senza una lente morale o un ingentilimento.

Eagle

Gary e Alana sul camion
Alana Haim ha guidato davvero il camion per tutte le scene del film

Advertisement

Alana e Gary vivono una libertà impensabile per le persone d’oggi della loro stessa età, con genitori assenti o distratti che li lasciano letteralmente vagare in lungo e in largo in città, frequentare adulti che hanno anche mire sessuali nei loro confronti, in un clima in cui tutto ciò è normale. Gary ha interiorizzato il sessismo che le figure maschili intorno a lui emanano, Alana si mostra disinibita ma a sua volta si ritrova nella situazione di Gary quando è un uomo più grande a tentare blandamente di sedurla.

Ci sono passaggi che visti oggi appaiono controversi quando non offensivi, ma Licorice Pizza è un’immersione senza rete di sicurezza, senza setacci morali in un’epoca tanto lontana, tanto aliena come gli anni ‘70. Anderson scova due volti poco noti ma efficacissimi come quelli di Cooper e Haim (insieme a sorelle e famiglia, amici di vecchia data del regista) e dona loro personaggi colti in tutta la loro contraddittorietà, fin nei guizzi più inconsci, che alternano tenerezza, esaltazione e disperazione in una lunga estate senza fine.

Alana è un grande personaggio femminile

Il fatto che il film sia ricolmo di sessismo e razzismo non fa di Licorice Pizza un film sessista, anzi, mette al centro un grande personaggio femminile, al contempo insicuro e carismatico, che sente di essere un fallimento ma prova disperatamente a trovare qualcosa a cui credere, qualcosa che dia un senso alla sua vita.

Eagle

Paul Thomas Anderson sul set di Licorice Pizza
Paul Thomas Anderson non spiega il titolo del suo film nello stesso

Gary e Alana non fanno che correre e salvarsi, tradirsi e proteggersi, in un sentimento amicale e ambiguo ma palpitante. Anderson cattura appieno quella vibrazione unica del primo amore, delle amicizie adolescenziali, che non chiedono permesso o non guardano l’età sulla carta d’identità, cogliendone tutta la potenza istantanea, fermando il suo racconto prima di chissà, forse un inevitabile risveglio.

Un grande regista lo si riconosce anche e soprattutto dalle pellicole “minori”, dai progetti tutto cuore che fa per sé stesso, tra una prova ambiziosa e l’altra. Licorice Pizza è un ottimo progetto minore dentro a una carriera strepitosa, impreziosito dalle performance naturalistiche e travolgenti dei sui giovanissimi interpreti.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

79
Licorice Pizza è un piccolo gioiello che non chiede scusa né permesso, che si concede di essere autentico, anche a costo di risultare controverso e divisivo.
Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Tutto quello che c'è da sapere su Licorice Pizza, la commedia anni '70 di Paul Thomas Anderson

Sono tanti i dettagli curiosi riguardanti la storia e la lavorazione di Licorice Pizza di Paul Thomas Anderson, a partire dai rapporti di amicizia e parentela tra i protagonisti.
Autore: Elisa Giudici ,
Tutto quello che c'è da sapere su Licorice Pizza, la commedia anni '70 di Paul Thomas Anderson

Dopo il successo dolce-amaro di Il filo nascosto - film con cui Daniel Day Lewis ha detto addio alle scene - Paul Thomas Anderson ha deciso di tornare a parlare di un'epoca e un luogo a lui molto caro: la valley californiana degli anni '70, già protagonista di molti suoi film. In Licorice Pizza fa da sfondo magico e un po' disorientante di un'estate magica per i due protagonisti. 

Ispirato ai racconti d'infanzia di alcuni amici di Anderson - ma non a una storia vera - il film racconta dello strano rapporto d'amicizia che si sviluppa tra Alana Kane (Alana Haim), ragazza 25enne senza uno scopo nella vita, e Gary, un 15enne con qualche esperienza di recitazione e il pallino dell'imprenditoria. Sullo sfondo della storia si muovono nomi della vecchia e della nuova Hollywood. 

Sto cercando altri articoli per te...