Lily James come Pamela Anderson e altre 8 incredibili somiglianze nei film biografici

Autore: Manuela Greco ,
Copertina di Lily James come Pamela Anderson e altre 8 incredibili somiglianze nei film biografici

Lily James è stata scelta per interpretare Pamela Anderson nella miniserie di Hulu intitolata Pam & Tommy, che porterà sul piccolo schermo la storia d'amore tra la sensuale bagnina di Baywatch e Tommy Lee, batterista dei Mötley Crüe, a cui presterà il volto Sebastian Stan.

Pam & Tommy prenderà le mosse dalla diffusione del sex tape girato dai due innamorati durante la loro luna di miele e si focalizzerà in maniera particolare sulla figura di Rand Gauthier (interpretato da Seth Roger), ex pornostar ed elettricista che decise di rubare e vendere il filmato mentre stava ultimando dei lavori in casa della coppia facendololo diventare virale.

Advertisement

Quando la pagina Instagram ufficiale di Pam & Tommy ha pubblicato le prime immagini di Lily James e Sebastian Stan nei panni dei due protagonisti, i social si sono riempiti di commenti entusiastici sull'incredibile lavoro di costumisti e truccatori che hanno reso gli attori somiglianti ai personaggi che andranno a interpretare in maniera impressionante.

Soprattutto Lily James, che abbiamo sempre visto con un look dolce ed elegante, ha subito una vera e propria trasformazione. Dimenticate i lineamenti delicati e il sorriso armonioso dell'attrice britannica: la Pamela di Lily è sexy, provocante e aggressiva

Hulu

Lily James nei panni di Pamela Anderson in Pam & Tommy

 

I biopic ci hanno abituato a interpretazioni mimetiche e somiglianze incredibili tra la figura a cui la pellicola è dedicata e il suo interprete. Ecco quali sono le più sconvolgenti.

Zac Efron - Ted Bundy (Ted Bundy - Fascino criminale)

Dopo il documentario di Netflix intitolato #Conversazione con un killer: il caso Ted Bundy, #Ted Bundy - Fascino criminale narra la storia dell'efferato serial killer statunitense dal punto di vista della sua compagna, Elizabeth Kendall. 

Il film del regista Joe Berlinger ha potuto contare su un lavoro certosino dal punto di vista estetico. Tutti e tre gli attori principali, Zac Efron, Lily Collins e Kaya Scodelario hanno portato a termine un lavoro di immedesimazione incredibile nell'interpretare rispettivamente Bundy, Kendall e Carole Ann Boone, ma quella tra Efron e Bundy in particolare è una somiglianza a dir poco sconvolgente.

COTA Films/Voltage Pictures/Ninjas Runnin' Wild Productions

Un fotogramma tratto da Ted Bundy - Fascino criminale

Advertisement

Non solo il viso squadrato dell'attore, le sue folte sopracciglia e gli occhi chiari ricordano quelle del serial killer, ma anche sul versante recitativo Zac Efron è riuscito a calarsi perfettamente nel ruolo e a regalarci una prova attoriale degna di nota attraverso il carisma, l'insolenza e il tono di voce paurosamente simili a quelli di Ted Bundy.

Morgan Freeman - Nelson Mandela (Invictus - L'invincibile)

Ispirato al romanzo di John Carlin intitolato Ama il tuo nemico, #Invictus ci porta in Sudafrica, durante la Coppa del mondo di rugby del 1995, e ci racconta del periodo immediatamente successivo all'insediamento di Nelson Mandela come presidente del paese, dopo la caduta del regime dell'apartheid.

Nel film di Clint Eastwood, Nelson Mandela è interpretato da Morgan Freeman, l'unico attore, a detta dello stesso Mandela, che avrebbe potuto recitare la parte al meglio. L'attore, che già ha lineamenti molto simili al personaggio, si è impegnato affinché la sua performance fosse perfetta: si è allenato a usare la mano destra essendo Nelson Mandela destrorso e ha guardato e riguardato numerosi filmati dell'uomo per poter imitare la voce, l'accento e il ritmo nel parlare.

Warner Bros/Spyglass Entertainment

Morgan Freeman interpreta Nelson Mandela in Invictus

Matt Smith - Charles Manson (Charlie Says)

Charles Manson e la Manson family sono stati oggetto di numerosi adattamenti cinematografici e televisivi di tipo biografico o semi-biografico: nel 2019 il personaggio è apparso nel quinto episodio della seconda stagione di #Mindhunter col volto di Damon Herriman, attore che ha ripreso il ruolo nello stesso anno anche al cinema in #C'era una volta a... Hollywood.

Advertisement

Ma c'è un'altra pellicola che racconta la storia della Manson Family, e si tratta di #Charlie Says, che si concentra non tanto sulle brutalità del criminale, quanto più sulle complesse dinamiche di manipolazione da parte di Charles verso le donne che reclutava nella propria setta.

Matt Smith è incredibile nella sua interpretazione mimetica dell'omicida, le movenze, il fascino e i modi di fare sono esattamente quelli di Manson tanto che risulta davvero difficile scorgere il volto rassicurante dell'undicesimo dottore sotto i lunghi capelli e la barba incolta.

Epic Level Entertainment/Roxwell Films

Un'immagine tratta dal film Charlie Says

Menzione d'onore anche per Hannah Murray, Marianne Rendón e Sosie Bacon, perfettamente somiglianti anche loro nei ruoli di Leslie Van Houten, Susan Atkins e Patricia Krenwinkel.

Rami Malek - Freddie Mercury (Bohemian Rhapsody)

Freddie Mercury è tornato a vivere grazie a Rami Malek in #Bohemian Rhapsody, il biopic di Bryan Singer che ripercorre la storia dei Queen a partire dalla nascita della rockband fino all'esplosivo Live Aid del 1985.

La pellicola sceglie di concentrarsi sui successi del gruppo in ambito musicale edulcorando la figura di Freddie Mercury e lasciando in secondo piano sia la vita dissoluta che la scoperta di essere positivo all'AIDS da parte del cantante.

GK Films/New Regency Pictures/Queen Films Ltd./TriBeCa Productions

Rami Malek nel ruolo di Freddie Mercury in Bohemian Rhapsody

Con gli abiti e il trucco di scena, Rami Malek è perfetto nella parte di Freddie Mercury, ed è soprattutto quando imita le sue movenze sul palco che l'attore dà il meglio di sé tanto che nell'ultima parte del film, quella dedicata al Live Aid, sembra quasi di vedere il lead vocal dei Queen esibirsi sulle note dei successi più importanti della band.

Eddie Redmayne - Stephen Hawking (La teoria del tutto)

Per #La teoria del tutto Eddie Redmayne si è aggiudicato il premio Oscar come migliore attore nel 2015, e non è difficile comprenderne il motivo: la sua intepretazione di Stephen Hawking è impressionante per il modo in cui Eddie è riuscito a trasformarsi in lui.

Prima de La teoria del tutto, la figura dell'astrofisico era già stata interpretata da Benedict Cumberbatch in Hawking, ma nonostante l'attore abbia dato un'ottima prova di recitazione, i suoi linealementi erano molto lontani da quelli di Stephen.

BBC

Benedict Cumbertach nelle vesti di Stephen Hawking

Eddie Redmayne, invece, è stato in grado di modificare le fattezze del proprio volto distorcendolo e mostrando pian piano il progredire dell'atrofia muscolare, tanto che non riuscivamo più a capire dove finisse Redmayne e dove iniziasse Hawking.

Working Title Films

Eddie Redmayne nei panni di Stephen Hawking

Gary Oldman - Winston Churchill (L'ora più buia)

Ambientato nei primi mesi della seconda guerra mondiale, #L'ora più buia segue la storia del Primo ministro britannico Winston Churchill dal momento in cui viene designato come sostituto di Neville Chamberlain fino al suo discorso alla Camera dei comuni.

Per recitare nei panni di Churchill, Gary Oldman si è totalmente trasformato: grazie a un'interpretazione che gli è valsa in Oscar, un Golden Globe, un Bafta e molti altri premi, e grazie anche al minuzioso lavoro del comparto trucco e acconciatura (formato da David Malinowski, Ivana Primorac, Lucy Sibbick e Kazuhiro Tsuji), L'ora più buia ci ha regalato un ritratto di Churchill incredibilmente fedele all'originale.

Universal Picture

Gary Oldman nei panni di Winston Churchill ne L'ora più buia

Salma Hayek - Frida Kahlo (Frida)

Le sofferenze e la vita tormentata della pittrice Frida Kahlo sono narrate in Frida, biopic ispirato al libro di Hayden Herrera intitolato Frida: A Biography of Frida Kahlo. 

A prestare il volto alla protagonista è l'attrice Salma Hayek, che nel ruolo è identica alla pittrice messicana. Le caratteristiche sopracciglia, gli zigomi alti e l'espressione fiera e decisa accomunano interprete e personaggio, tanto che guardando il film di Julie Taymor è difficile scorgere Salma dietro la sua performance.

Handprint Entertainment/Lionsgate/Miramax Films

Salma Hayek interpreta la pittrice Frida

Christian Bale - Dick Cheney (Vice - L'uomo nell'ombra)

#Vice racconta i passi di Dick Cheney verso la politica, e ripercorre la sua storia dai tempi in cui lottava contro l'alcolismo fino alla scalata verso la vicepresidenza degli Stati Uniti d'America.

Christian Bale è un vero e proprio trasformista, perché riesce a incarnare perfettamente la personalità di Cheney e a somigliare a lui anche dal punto di vista fisico in maniera impressionante.

Eagle Pictures

Christian Bale in una scena di Vice - L'uomo nell'ombra

Sia l'attore che chi si è occupato di trucco e acconciatore ha portato a termine un lavoro che rasenta la perfezione, tanto che i riconoscimenti da parte di critica e pubblico sono anche in questo caso stati numerosi.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Le nuove uscite Amazon Prime Video di novembre 2020

Nuovo mese, nuovi contenuti. Amazon Prime Video continua ad arricchire il suo catalogo e per novembre 2020 propone una ricca selezione di serie TV e film originali, grandi successi e titoli amati e discussi.
Autore: Silvia Artana ,
Le nuove uscite Amazon Prime Video di novembre 2020

Dopo un ottobre entusiasmante, Amazon Prime Video continua a regalare emozioni anche a novembre 2020. Nel nuovo mese arrivano 3 serie TV e 5 film originali che hanno le carte in regola per conquistare gli spettatori. Ma non solo. Il catalogo si arricchisce pure di titoli "di peso", alcuni recenti, altri con qualche anno di più sulle spalle, ma mai indifferenti a pubblico e critica.

Tra le serie TV originali fa il suo debutto #Alex Rider, che prende le mosse dall'omonima spy saga letteraria creata da Anthony Horowitz. Per la precisione, la nuova produzione è l'adattamento del secondo libro della collana, Operazione Gemini, e racconta il reclutamento del giovane protagonista da parte di un misterioso dipartimento dell'MI6, "The Department", dopo la scoperta che lo zio era una spia e non è morto in un incidente d'auto, ma è stato ucciso in servizio. Alex viene mandato a indagare sotto copertura in un esclusivo collegio isolato tra le nevi sulle Alpi francesi, Point Blanc, e scopre un piano inquietante, che cercherà in tutti i modi di fermare.

Sto cercando altri articoli per te...