Loki inizia a svelare la sua (pazzesca) trama nel nuovo trailer della serie Marvel

Autore: Marcello Paolillo ,
Disney+
3' 53''
Copertina di Loki inizia a svelare la sua (pazzesca) trama nel nuovo trailer della serie Marvel

Dopo WandaVision e The Falcon and The Winter Soldier, una terza serie Marvel farà presto il suo debutto sul catalogo Disney+, dedicata questa volta al Dio dell'Inganno: #Loki.

La Casa delle Idee ha ora pubblicato il secondo trailer dello show in arrivo a partire dall'11 giugno 2021, un video - della durata di poco più di due minuti e visionabile poco più in alto - che ci mostra cosa è realmente accaduto al fratellastro di Thor (nuovamente in interpretato da Tom Hiddleston) dopo gli eventi di Avengers: Endgame.

Advertisement

Il ritorno del Dio dell'Inganno

Il filmato inizia a fare luce sulla trama della serie, preannunciando grandi sorprese (e paradossi nello spaziotempo): dopo essere fuggito con il Tesseract, Loki si ritrova all'interno dell’agenzia segreta nota come TVA (ossia Time Variance Authority). Questa si occupa di proteggere il corretto flusso del tempo, monitorando le varie linee temporali. L'abbiamo vista anche nei fumetti Marvel Comics a partire dal numero 372 della serie a fumetti dedicata a Thor.

Marvel Studios
Loki, il secondo trailer della serie Marvel

Credendo di essere molto più scaltro e intelligente dei "clown" che lo hanno preso in custodia, il Dio delle Malefatte scopre che presto che al TVA hanno un piano ben preciso nei suoi confronti, tanto da essere in possesso di un archivio contenente tutte (ma proprio tutte) le parole da lui pronunciate.

L'enigmatico burocrate Mobius M. Mobius (interpretato da Owen Wilson) spiega a Loki che la sua fuga con il cubo che ospita la Gemma dello Spazio ha "piegato la realtà" e che sarà proprio compito dell'ex avversario dei Vendicatori aiutare l'agenzia a riaggiustarla, sfruttando il suo originale "punto di vista”.

Importante ricordare che il Loki della serie TV sarà quello visto in The Avengers (2012), lontano quindi dal percorso di semi-redenzione che lo avrebbe poi portato a morire per mano di Thanos, come visto nelle battute iniziali di Avengers: Infinity War (2018). La "Variante Loki" proveniente da questo universo alternativo sarà quindi molto diversa dall'abile manipolatore che i fan hanno imparato a conoscere nel corso dei vari film del MCU.

Vediamo Loki varcare le soglie temporali in compagnia di un gruppo di soldati della TVA: una in particolare mostra la città di New York in macerie, inclusa la torre degli Avengers, mentre in un'altra è possibile vedere a chiare lettere l'insegna al neon di "Roxxcart", probabile rimando alla Roxxon Corporation (una multinazionale senza scrupoli apparsa per la prima volta tra le pagine dei fumetti Marvel nel 1977).

Advertisement

Marvel Studios

Il giudice Ravonna Lexus Renslayer - membro dell'agenzia interpretata da Gugu Mbatha-Raw - sembra però essere scettica circa il comportamento di questa Variante Loki, subito rassicurata da Mobius circa il fatto che il Dio "crede abbastanza in se stesso per tutti e due".

Advertisement

Dal canto suo, il fratello adottivo di Thor continua a far credere a tutti di avere la situazione sotto controllo e che trova adorabile il modo in cui Mobius pensa di poterlo manipolare ("sono dieci passi avanti a te"). Vediamo poi Renslayer e altri soldati della TVA affrontare Loki armato dei suoi caratteristici pugnali, prima che questi decida di scappare fuggendo attraverso i vari "buchi" spazio-temporali.

Con molta probabilità, il Dio dell'Inganno toccherà una moltitudine di realtà alternative (inclusa una in cui lo vediamo chiaramente sedere sul trono di Asgard). Lo vediamo poi indossare il suo classico classico elmo con le corna e un bel vestito a tre pezzi, con tanto di spilla di una presunta campagna politica che lo vede candidato alla presidenza degli USA (chiaro riferimento alla serie a fumetti del 2016, Vota Loki, di Christopher Hastings e Israel Salva).

Torna anche il Loki travestito da D.B. Cooper, il famigerato criminale statunitense degli anni '70 che, dopo aver dirottato un Boeing 747 per la modica somma di 200mila dollari, si paracaduta fuori dal velivolo facendo perdere le sue tracce per sempre.

Loki Loki Il volubile cattivo Loki riprende il suo ruolo di Dio del male in seguito agli eventi di "Avengers: Endgame". Apri scheda

Il trailer si conclude con una velocissima serie di immagini inedite: vediamo una misteriosa figura incappucciata all'interno di un edificio contraddistinto da strane decorazioni, Loki combattere contro guardie in uniforme nera e infine il Dio dell'Inganno in compagnia di Mobius nella città di Pompei proprio nel bel mezzo dell'eruzione del Vesuvio.

Ultima ma non meno importante, una scena che mostra Loki su un quello che sembrerebbe essere un pianeta alieno, seduto a guardare la caduta di alcuni piccoli meteoriti in compagnia di una donna dai capelli biondo rame. Di chi si tratterà?

Advertisement

Oltre a Hiddleston, Wilson e Mbatha-Raw, Loki vedrà nel cast anche Sophia Di Martino, Wunmi Mosaku e Richard E. Grant. La regia dei sei episodi sarà a cura di Kate Herron, su una storia originale di Michael Waldron.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Un personaggio di Loki si ispira a un film di Hayao Miyazaki

Alioth, villain della serie Marvel's Loki, è ispirato a un personaggio di Principessa Mononoke, ce lo spiega direttamente l'artbook.
Autore: Gianluca Ceccato ,
Un personaggio di Loki si ispira a un film di Hayao Miyazaki

Loki ha debuttato con la sua omonima serie Marvel il 9 giugno 2021 su Disney+. Uno degli antagonisti principali della serie Marvel's Loki ha il nome di Alioth, un temibile villain apparso per la prima volta, nella sua trasposizione seriale, nel quinto episodio della serie Marvel's Loki.

Nel finale di stagione della serie Marvel's Loki, a guardia della prigione conosciuta come "Vuoto" c'è Alioth, una gigantesca entità, simile nella forma a un drago, avvolta da una nube di colore grigio e viola. Nell'artbook Marvel's Loki: The Art of the Series, uno degli artisti visuali della serie, Alexander Mandradjiev, ha affermato di essersi ispirato al film dello Studio Ghibli Principessa Mononoke per realizzare la creatura Alioth.

Sto cercando altri articoli per te...