Mad Max: Fury Road ha influenzato Parasite e ha avuto un forte impatto sulla vita di Bong Joon-ho

Autore: Elisa Giudici ,
Copertina di Mad Max: Fury Road ha influenzato Parasite e ha avuto un forte impatto sulla vita di Bong Joon-ho

Nell'estate del 2015 tutto il mondo cinematografico è rimasto sorpreso, folgorato e rapito da Mad Max: Fury Road. All'uscita dalla sala cinematografica l'impressione netta era quella di aver visto un capolavoro, destinando a diventare un classico del suo genere. Tra gli spettatori che ne sono rimasti rapiti c'è anche un certo Bong Joon-ho, il regista coreano e che qualche anno più tardi avrebbe messo a segno una storica vittoria agli Oscar 2020 con il suo Parasite.

Tanto si è parlato della sua commedia nera che vira nel thriller, vincitrice della Palma d'Oro a Cannes, osannata dalla critica e dal pubblico. Grazie al commento audio del regista sull'edizione Criterion Collection del film (riassunta da Indiewire), è emerso un dettaglio inaspettato: la forte influenza diretta che il film action di George Miller ha avuto sul lavoro del regista di Memorie di un assassino e Snowpiercer.

Advertisement

Parasite è stato influenzato da Fury Road

Non è la prima volta che il regista coreano dichiara pubblicamente di apprezzare, anzi, adorare il film di George Miller. Già in passato ha raccontato di essersi letteralmente commosso durante la prima visione in sala dell'action distopico del collega australiano. Per Bong Joon-ho la visione di Mad Max: Fury Road è stata catartica. Mentre i veicoli venivano spazzati via nella tempesta di sabbia - ha rivelato il cineasta coreano - sentivo il mio spirito che s'innalzava sempre più e le lacrime hanno cominciato a scorrermi sul viso. 

Un grande film realizzato da un collega però non diventa necessariamente un'influenza diretta per un altro regista al lavoro su una pellicola di genere molto differente. Tuttavia Fury Road ha avuto un peso determinate nel come Parasite è stato raccontato e girato dal suo ideatore. Bong Joon-ho ha spiegato di aver preso ispirazione dall'action per creare il crescendo di ritmo che ha reso la sua pellicola premio Oscar così appassionante. 

Advertisement

Noto per costruire con grande precisione le sue inquadrature attraverso l'uso di storyboard, il regista di Parasite ha curato il crescendo narrativo del proprio film affinché il movimento fosse continuo, lasciando che l'azione dei personaggi introducesse le informazioni necessarie allo spettatore per capire la storia. Esattamente come succede in Fury Road: 

Le informazioni di contesto di Fury Road vengono mostrate allo spettatore in maniera molto naturale. La cinepresa si muove senza pause, la narrazione viene spiegata attraverso l'azione stessa. È stato molto d'ispirazione per me.

A prima vista un action spettacolare dal contesto distopico e una commedia nera ambientata in una Seoul contemporanea e classista hanno davvero poco comune, eccezion fatta per il loro caustico commento ai sistemi di potere che vessano i più deboli della società, anche quando tentano di ribellarsi. A ben vedere però entrambi i film sono stati descritti come dinamici, capaci di lasciare lo spettatore senza respiro, non dandogli un attimo di tregua. 

Chissà che il prequel di Fury Road in arrivo, con protagonisti la regina degli scacchi Anya Taylor-Joy e il Dio del Tuono Chris Hemsworth, darà ulteriore ispirazione al regista di Parasite. Nel frattempo, Bong Joon-ho ha già dichiarato che si prenderà una pausa prima di mettersi al lavoro sul suo prossimo progetto. 

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Parasite, se hai amato il film premio Oscar ora puoi anche leggerlo: lo storyboard del film è disponibile in italiano

La Nave di Teseo ha pubblicato l'edizione italiana dello storyboard creato, disegnato e commentato dal regista Bong Joon-ho; il punto di partenza nella creazione del film premio Oscar Parasite.
Autore: Elisa Giudici ,
Parasite, se hai amato il film premio Oscar ora puoi anche leggerlo: lo storyboard del film è disponibile in italiano

Come è nato Parasite, il film coreano capace di vincere la statuetta di miglior film agli Oscar 2020, segnando una vittoria storica per il cinema "straniero" e asiatico? La risposta è contenuta in un elegante volume dalla copertina argentata appena pubblicato dalla casa editrice La Nave di Teseo. S'intitola Parasite ed è molto di più di un semplice omaggio al film, con contenuti extra ed illustrazioni dedicate. Per spiegare esattamente cosa troverete in questo volume bisogna però approfondire un po' il modus operandi del regista coreano di Memorie di un assassino e Okja. 

Se infatti quasi tutti i film vengono girati a partire da un copione, ovvero dalla versione scritta dei dialoghi dei film divisi per scene, contenente anche la descrizione degli ambienti e talvolta qualche notazione di regia, non è così comune imbattersi in un regista metodico e pianificatore come Bong Joon-ho. Il suo modo di scrivere e pianificare un film ricorda molto quello del collega inglese Alfred Hitchcock, che soleva dire: "la parte più noiosa di un film è girarlo". Hitchcock infatti (omaggiato con un piccolo easter egg proprio in Parasite) era solito pianificare ogni singola scena con una tale livello di dettaglio - scegliendo già dove posizionare la cinepresa e come muoverla - da rendere il set una mera messa in pratica del piano iniziale.

Sto cercando altri articoli per te...