A maggio una nuova edizione de Il Nome della Rosa con i disegni di Umberto Eco

Autore: Elena Arrisico ,
Copertina di A maggio una nuova edizione de Il Nome della Rosa con i disegni di Umberto Eco

Sono trascorsi quattro anni dalla morte di Umberto Eco, scrittore, filosofo e semiologo della nostra epoca venuto a mancare il 19 febbraio 2016. Uno dei suoi lavori sicuramente più famosi, rimasti impressi nella storia, è Il Nome della Rosa.

Romanzo edito per la prima volta da Bompiani nel 1980, è un giallo storico e deduttivo, sebbene Il Nome della Rosa possa essere considerato anche un romanzo filosofico e narrativo. Ambientato in epoca medievale, per la prima volta il capolavoro di Eco torna in libreria in un’edizione a disegni realizzati proprio dallo scrittore mentre stava lavorando al best seller.

Advertisement

Come riportato da ANSA, il romanzo sarà pubblicato a maggio 2020 da La Nave di Teseo, che si sta occupando della ripubblicazione dei libri di Eco man mano che scadono i diritti di Bompiani, suo precedente editore. La casa editrice ha condiviso, sul proprio profilo Facebook, alcune immagini tratte dal documentario “Sulla memoria” di Davide Ferrario (2015) che vedono Umberto Eco camminare tra i corridoi della sua biblioteca domestica.

19 febbraio 2016 - 2020: Umberto Eco continua a parlarci.

La Nave di Teseo è una casa editrice di narrativa, poesia e saggistica fondata nel novembre 2015 proprio da Umberto Eco, insieme a Elisabetta Sgarbi, Eugenio Lio, Mario Andreose e altri scrittori italiani. Come affermato da Sgarbi:

Di ogni scrittore si deve parlare al presente, perché rimangono i suoi libri.

Ed è proprio Elisabetta Sgarbi che, ad ANSA, spiega il progetto che vedrà Il Nome della Rosa in una veste rinnovata:

Con Mario Andreose - che ha seguito la complessa trattativa che ha portato Il Nome della Rosa alla Nave di Teseo - con Stefano e Carlotta e Renate Eco, stiamo progettando una edizione che contenga anche alcuni disegni preparatori che Umberto Eco aveva fatto di ambienti, oggetti, abiti, personaggi. Sarà un'edizione che dà conto del pensiero e dello studio che sta dietro la costruzione di un grande romanzo. Lo pubblicheremo a maggio 2020.

L’opera è ambientata nel 1327, si presenta con l’espediente del manoscritto ritrovato e scritto da un monaco benedettino, Adso da Melk, che mette nero su bianco quanto accaduto quando era novizio insieme al maestro Guglielmo da Baskerville. Ambientato all’interno di un monastero benedettino in Piemonte, il libro narra delle misteriosi e singolari morti di alcuni frati, di libri proibiti e di indagini portate avanti proprio dai protagonisti per scoprire chi è l’assassino.

Advertisement

La Nave di Teseo

Il logo de La nave di Teseo
Il nome della rosa con illustrazioni di Eco è pre-ordinabile su Amazon

Indimenticabile è l’omonimo film con Sean Connery del 1986 – diretto da Jean-Jacques Annaud - che ha reso celebre il romanzo anche al cinema. Più recente è, invece, la miniserie Rai del 2019 con Rupert Everett creata e diretta da Giacomo Battiato, diventata la seconda serie italiana più venduta nel mondo dopo Gomorra. Come spiega Mario Andreose ad ANSA:

Prima di scrivere Il Nome della Rosa, Umberto Eco aveva buttato giù degli schizzi. Si immaginava i personaggi: come sarebbe stata l'abbazia, la biblioteca. Lui lo chiamava l'arredo prima della scrittura. È una documentazione visiva del suo modo di lavorare. Questa mazzetta di disegni rimasti nel suo cassetto sono stati fatti presumibilmente tra il 1976-77. Nel 1978, ha cominciato a scrivere Il Nome della Rosa e, nel 1980, lo ha pubblicato. Li metteremo dopo le postille con una mia nota.

Tradotto in più di 40 lingue e con circa 50milioni di copie vendute nel mondo, l’uscita della nuova edizione de Il Nome della Rosa è prevista per maggio 2020.

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

Pretty Woman, il finale originale e 5 curiosità sul film

Hai appena visto o rivisto Pretty Woman? Ecco 5 curiosità poco note riguardanti il film e il finale alternativo della pellicola.
Autore: Giacinta Carnevale ,
Pretty Woman, il finale originale e 5 curiosità sul film

Ogni volta che passa in televisione è difficile resistere al fascino di un grande classico del cinema romantico (e comico) come Pretty Woman. 

Sono passati più di 30 anni da quando l'intramontabile classico con protagonisti  Richard Gere e Julia Roberts è arrivato nelle sale cinematografiche. Correva l'anno 1990 quando il film cult diretto da Garry Marshall  conquistava il pubblico con una delle storie d'amore più belle e romantiche del cinema statunitense.

Sto cercando altri articoli per te...