Man of Tai Chi, trama e finale del film diretto e interpretato da Keanu Reeves

Autore: Simona Vitale ,
Copertina di Man of Tai Chi, trama e finale del film diretto e interpretato da Keanu Reeves

Diretto (al suo debutto come regista) e interpretato (nei panni dell'antagonista) da Keanu Reeves, Man of Tai Chi è un film sulle arti marziali del 2013 che vede tra gli altri interpreti principali gli attori Tiger Chen, Iko Uwais, Karen Mok e Simon Yam.

Nonostante la pellicola sia stata ben accolta dalla critica cinematografica che ha elogiato sia la regia di Reeves che le scene di combattimento presente nel film, Man of Tai Chi ha avuto poca fortuna al box office mondiale.

Advertisement

Prodotto, infatti, con un budget di circa 25 milioni di dollari, il film è riuscito a portarne a casa poco più di 5.

Man of Tai Chi Man of Tai Chi A Pechino, il giovane ed ambizioso Chen Lin-Hu. esperto nell’arte marziale Tai Chi, di giorno lavora come corriere e nel tempo libero compete perfezionando continuamente la sua disciplina di combattimento. ... Apri scheda

La trama

Sun-Jing Shi, ufficiale dell'HKPD, conduce un'indagine sulla Security System Alliance (SSA), una società di sicurezza privata appartenente al losco e misterioso Donaka Mark. Sospettando che Donaka abbia ospitato diverse operazioni illegali di combattimento, Sun-Jing trasforma uno dei suoi combattenti in una talpa che però viene uccisa dallo stesso Donaka. Poiché non ci sono prove, il sovrintendente Wong dispone la chiusura del caso, ma Sun-Jing continua a indagare in gran segreto.

Alla ricerca di un valido combattente, Donaka si imbatte in Tiger, un giovane discepolo del tai chi della classe operaia alla Wu LinWang Competition, rimanendo alquanto colpito dalle sue abilità nel combattimento. Decide così di fargli un'offerta di lavoro alla SSA. Stanco del suo umile lavoro di corriere, Tiger si reca a Hong Kong per svolgere il colloquio di lavoro che in realtà consiste nel mettere alla prova le sue abilità nel combattere. Superato il test, Tiger viene accolto da Donaka che gli offre ottimi compensi economici se deciderà di unirsi al suo club di combattimenti clandestini. Tiger rifiuta poiché combattere per soldi comprometterebbe il suo onore e decide di andarsene. Subito dopo, gli ispettori del territorio dichiarano strutturalmente pericoloso il tempio del tai chi appartenente al maestro di Tiger e mettono in conto di sfrattare i suoi occupanti per demolire il tempio stesso e favorire lo sviluppo di un complesso edilizio. Tiger chiede aiuto a Qing Sha, una sua amica paralegale, e riesce a trovare un modo per salvare il tempio attraverso la conservazione storica dell'edificio e la protezione del governo. Occorrerà, tuttavia, procedere alla riparazione del tempio entro un mese. Tiger, per riuscire nel suo intento, decide di accettare l'offerta di Donaka, spinto dall'esigenza di trovare il denaro che gli occorre.

Advertisement

Dopo ogni combattimento, che rappresenta una sorta di moderna lotta tra gladiatori vero e proprio spettacolo per i ricchi spettatori paganti, Tiger vince somme di denaro sempre più consistenti. Lascia il suo lavoro di corriere, compra regali per i suoi genitori e comincia a riparare il tempio. Con il passare del empo però, Tiger diventa tanto più efficiente quanto più brutale. Accorgendosi del suo cambiamento, il Maestro Yang avverte Tiger, che accecato dalla sua nuova vita ignora le parole dell'uomo.

Nella competizione Wu Lin, Tiger ferisce brutalmente il suo avversario e viene squalificato. Quando Tiger torna ad allenarsi al tempio, l'addestramento diventa una vera e propria rissa con il Maestro Yang costretto a usare le sue energie Chi interne per colpire Tiger, ricordandogli che deve ancora padroneggiare completamente il tai chi per essere imbattibile. Tiger ignora il suo consiglio di meditare, e scopre che l'autorità ha respinto la sua petizione per ottenere la protezione storica del tempio a causa delle sue azioni scorrette alla competizione Wu Lin, che sono contro la filosofia decisamente più pacifista del suo tempio.

Una Tiger a dir poco infuriato chiede un combattimento e Donaka gli fa affrontare un mercenario di nome Uri Romanov. Usando tutta la sua rabbia, Tiger sconfigge rapidamente Uri e quasi lo uccide, ma alla fine cede ed è Donaka stesso a finire Uri. Rendendosi conto di quanto sia cambiato, Tiger dichiara la sua intenzione di smettere di partecipare a combattimenti clandestini e contatta Sun-Jing, ignaro della costante sorveglianza a cui Donaka lo sta sottoponendo da molto tempo.

Il finale

Universal Pictures

poster Man of Tai Chi
Il poster italiano di Man of Tai Chi

Advertisement

Donaka organizza un torneo privato per un combattimento all'ultimo sangue, al quale parteciperà Tiger. Sun-Jing segue la scorta di Tiger, ma la sua macchina finisce fuori strada. Sopravvissuto all'incidente, Sun-Jing chiede assistenza e scopre che il sovrintendente Wong ha lavorato per conto di Donaka. Al torneo, Donaka riproduce un video composto da filmati di sorveglianza, che rivelano come Tiger sia stato manipolato, "corrotto" e trasformato da un innocente praticante di arti marziali a uno spietato combattente. Tiger si rifiuta di combattere contro il suo avversario e decide di sfidare lo stesso Donaka.

La lotta viene interrotta dall'HKPD, che prende d'assalto il complesso e arresta pubblico e partecipanti al combattimento. Fuggendo dalla scena, Donaka arriva al tempio e inizia a combattere con Tiger. Donaka inizialmente prende il sopravvento, ma Tiger ricorda gli insegmanenti del suo maestro e colpisce Donaka con il palmo della mano sebbene sia stato pugnalato. Un Donaka morente sorride, fiero di aver trasformato Tiger in un assassino. Tiger e il suo maestro si riconciliano, Sun-Jing viene promosso sovrintendente e Tiger raggiunge un accordo sia con lo studio legale di Qing Sha che con gli sviluppatori immobiliari.

Il governo decide di proteggere il villaggio, con i turisti invitati a visitare e conoscere meglio i 600 anni di storia del Tempio di Ling Kong. Infine Tiger rivela a Qing-Sha che intende aprire una sua scuola di tai chi in città per continuare l'eredità del tai chi di Ling Kong.  

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 3

David di Donatello 2022, tutti i vincitori: il re è Paolo Sorrentino

Paolo Sorrentino sbanca ai David 2022 con È stata la mano di Dio: ecco quali sono i film miglior del 2021 secondo il premio del cinema italiano.
Autore: Elisa Giudici ,
David di Donatello 2022, tutti i vincitori: il re è Paolo Sorrentino

Come da pronostico il vincitore dell'edizione 2022 dei David di Donatello è È stata la mano di Dio, il film prodotto da Netflix e diretto da Paolo Sorrentino. 

Nulla ha potuto il principale concorrente, Freaks Out di Gabriele Mainetti, che vince per la miglior produzione e per le categorie tecniche come acconciature, trucco ed effetti speciali. 

Sto cercando altri articoli per te...