Mark Hamill è lo strepitoso vampiro Jim in What We Do in the Shadows

Autore: Chiara Poli ,
Copertina di Mark Hamill è lo strepitoso vampiro Jim in What We Do in the Shadows

Era annunciato fin dall’inizio della stagione 2 come uno degli ospiti più attesi.

Ed è arrivato nell’episodio trasmesso la settimana scorsa su FOX, scrivendo una pagina della storia di questa fantastica comedy, che con la seconda stagione ci sta regalando davvero delle perle. Incluso il migliore episodio visto finora nella storia di #What We Do in the Shadows.

Advertisement

What We Do in the Shadows What We Do in the Shadows Nandor, Laszlo, Nadja e Colin sono quattro vampiri che vivono in una casa di Staten Island insieme al famiglio Guillermo, che brama di diventare a sua volta una creatura delle ... Apri scheda

Il look da imperatore

Il suo ingresso in scena, e non è certo un caso, lo vede avvolto in un mantello nero con ampio cappuccio che va il verso a quello del malvagio imperatore in Star Wars, la saga che l’ha reso un’icona del cinema.

Mark Hamill nei panni del vampiro noto semplicemente come Jim si presenta a Staten Island per vantare un vecchio credito con Laszlo (Matt Berry). Il quale, scopriamo, vanta un piano d’emergenza per casi del genere. Non perché sia un vigliacco - ci tiene a precisarlo - più che altro per una questione di furbizia, ecco.

Detto, fatto: Laszlo lascia l’amatissima moglie Nadja (Natasia Demetriou), i coinquilini Nandor (Kayvan Novak) e Colin Robinson (Mark Prosch) nonché il famiglio Guillermo (Harvey Guillén) e si defila.

Advertisement

Dall’altra parte del Paese, Laszlo rileva un bar, diventa subito molto popolare con il nome di Jackie Daytona e il geniale travestimento: uno stuzzicadenti perennemente fra le labbra (Johnny Stecchino insegna).

La presa in giro di Superman

Al massimo livello della sua satira, What We Do in the Shadows fa la parodia di Superman (con gli occhiali Clark Kent, senza: Superman!) e di tutti gli altri personaggi il cui travestimento è ridicolo, facendo un balzo indietro quando Jackie si sfila di bocca lo stuzzicadenti - il suo travestimento per le emergenze - e Jim lo riconosce come Laszlo.

Una scena geniale, con la reazione di Hamill davvero esilarante subito dopo il dubbio: come fa Laszlo a conoscere il suo nome? Facile: è scritto sul biglietto da visita che Jim gli ha appena dato…

Advertisement

Insomma: i nostri geniacci coi denti aguzzi si aggirano da secoli, e francamente fatichiamo a capire come se la siano cavata.

Mettiamoci la creduloneria di Jim sul pesce che canta e abbiamo il quadro completo di un episodio strepitoso, di quelli da vedere e rivedere.

In attesa dei nuovi, mercoledì in prima assoluta su FOX.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Le (vere) case infestate che hanno ispirato film e serie TV

Il cinema e la televisione hanno ispirato produzioni horror di culto con protagoniste case infestate, ma alcuni di esse sono basate su fatti realmente accaduti.
Autore: Verdiana Paolucci ,
Le (vere) case infestate che hanno ispirato film e serie TV

Chi ha detto che la casa è il luogo più sicuro al mondo? Esistono strutture capaci di mettere i brividi anche solo a guardarle. In apparenza si presentano come ville o castelli lussuosi e ben mantenuti, ma per la le loro storie sono in grado di ispirare film e serie TV dell'orrore davvero terrificanti.

Se Amityville si annovera tra le case infestate più famose del cinema, la tenuta in cui è ambientata la trama della serie TV The Haunting of Hill House è ispirata a fatti realmente accaduti. Il suo sequel, #The Haunting of Bly Manor, invece, è basato su Il giro di vite del romanzo di Henry James, che a sua volta si è ispirato a racconti di fantasmi.

Sto cercando altri articoli per te...