Lavora con Marvel Studios e si licenzia: "esperienza tossica"

Autore: Pasquale Oliva ,
News
1' 54''
Copertina di Lavora con Marvel Studios e si licenzia: "esperienza tossica"

Sorvolando sulla questione budget, si può affermare con scarso margine di errore che anno dopo anno gli effetti visivi dei cinecomic del Marvel Cinematic Universe tendono a essere perfezionati per rendere l'esperienza di visione ancora più immersiva e godibile. Quello che si vede sul grande schermo prima e in streaming poi, deve sembrare - per quanto possibile - "reale".

Dietro questi risultati straordinari ci sono team specializzati nei VFX (Visual Effects), ma com'è lavorare con Marvel Studios? Ebbene, come riporta The Gamer, stando alle testimonianze di alcune persone che hanno contribuito alla realizzazione degli effetti visivi dei film con Iron Man & co., questa esperienza lavorativa è tutt'altro che distesa. In particolare, si parla di forte stress e addirittura di veri e propri esaurimenti nervosi, di breakdown.

Advertisement

La testimonianza

Su Twitter - lo stesso social network utilizzato da Jameela Jamil per rispondere alle critiche rivolte al suo personaggio in She-Hulk - l'VFX Arist Dhruv Govil ha condiviso la sua personale storia. Volendo sintetizzare, l'aver lavorato con Marvel Studios lo ha spinto a lasciare l'industria degli effetti visivi.

Di seguito il perché di una decisione così drastica:

Advertisement

Lavorare agli show Marvel è ciò che mi ha spinto a lasciare l'industria degli effetti visivi. Sono clienti pessimi, e ho visto tanti colleghi avere breakdown mentali dopo sovraccarichi di lavoro. [...] E questa è una situazione che va avanti sin dai primi giorni del MCU. Non è una questione recente, e non è per causa di Chapek [attuale CEO di The Walt Disney Company n.d.R.].

In attesa di commenti ufficiali (dovessero mai arrivare), sorge spontanea una domanda: perché si è creata questa condizione così ostica? Dhruv Goli una risposta ce l'ha già:

Il problema è che Marvel è troppo grande e può chiedere ciò che vuole. È una relazione tossica.

È sotto gli occhi di tutti che l'ambizione degli studi cinematografici e televisivi sia in continua crescita. Sono richiesti VFX sempre più convincenti, ed è noto quanto Marvel Studios stiano puntando sulla qualità anche per le serie TV di Disney+. Ed è giusto che sia così, perché un gigante dell'intrattenimento non può permettersi prodotti scadenti, ma fino a che punto ci si può spingere per ottenere il meglio?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Galactus e un X-Men in un concept art di Thor 4 [FOTO]

Guarda l'illustrazione che suggerisce quali sarebbero potuti essere i camei di figure mitiche, molto conosciute dai fan, nel film Thor 4
Autore: Mauro G. Pozzuoli ,
Galactus e un X-Men in un concept art di Thor 4 [FOTO]

Un concept art realizzato per il film Thor: Love and Thunder mostra alcune figure di divinità che sembrano essere Galactus, Cyttorak, e un non meglio identificato dio che potrebbe essere venerato dalla razza aliena a cui appartiene Groot. Potete visualizzarla qui sotto:

La concept art ritrae Omnipotence City, il parlamento di tutti gli dèi che abbiamo visto nel lungometraggio precedentemente citato diretto da Taika Waititi. Possiamo supporre che sulla base di questa concept art, pubblicata dall'artista Sung Choi su Instagram, siano anche state girate delle scene poi tagliate. Ma quali cameo ci saremmo potuti aspettare, se queste scene ipotetiche fossero state tenute nella versione finale del film?

Sto cercando altri articoli per te...