Matthew McConaughey voleva il ruolo di Hulk (ma Marvel gli disse di no)

Autore: Chiara Poli ,
Copertina di Matthew McConaughey voleva il ruolo di Hulk (ma Marvel gli disse di no)

La rivelazione arriva dritta dritta da un podcast, per la precisione dal podcast di Josh Horowitz (per chi non lo conoscesse: produttore e critico cinematografico): Happy, Sad Confused.

L'ospite di Horowitz era Matthew McConaughey, in occasione dell'uscita del suo ultimo libro, intitolato: Greenlights. Una chiacchiera tira l'altra e i due sono finiti a parlare de L'incredibile Hulk, la serie cult degli anni '70 con Lou Ferrigno, che entrambi avevano molto amato.

Advertisement

Ed ecco il colpo di scena: alla domanda di Horowitz se avesse mai desiderato di interpretare Bruce Banner - e di conseguenza Hulk, McConaughey ha risposto di sì. E ha aggiunto di averlo anche fatto presente, esplicitamente.

Advertisement

Ma come sappiamo, le cose sono andate diversamente. Sebbene non si sappia - perché l'attore non l'ha specificato - a quando risalisse l'aneddoto, la cosa è andata in fumo. McConaughey si era proposto, ricevendo in risposta un "No, grazie" da Marvel.

Marvel Studios
Hulk nei film Marvel
Hulk negli Avengers

A quanto pare, nemmeno un provino gli è stato concesso. Chissà quand'è successo. Forse quando Edward Norton interpretò il film dedicato al personaggio (e parliamo quindi del 2008)? O magari in seguito, al momento di combattere insieme agli Avengers, quando Norton - com'è noto - ebbe qualche incomprensione con la produzione e al suo posto venne chiamato Mark Ruffalo? In ogni caso, per quanto mi riguarda le riflessioni dopo questa inattesa rivelazione sono due. Innanzitutto: anche se sei Matthew McConaughey, non puoi ottenere tutti i ruoli che vorresti, e già questa è abbastanza una sorpresa. E poi ovviamente c'è la curiosità: personalmente, credo che sarebbe stato un Hulk un po' stonato rispetto al personaggio che Ruffalo ha messo in scena. 

Il contrasto fra il Bruce Banner un po' goffo e il mostro verde funziona molto bene. E non so se Matthew McConaughey sarebbe stato in grado di dar vita a uno scienziato goffo. Anzi, lo so: non sarebbe stato molto credibile. Voi che ne pensate?

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Più Addams o più Potter? Sono tanti i passaggi della serie Mercoledì che ricordano da vicino la storia del maghetto di J.K. Rowling. Scopriamoli insieme.
Autore: Elisa Giudici ,
Mercoledì come Harry Potter: 5 somiglianze tra serie e film

Sulla carta d’identità c’è scritto Addams, ma c’è più di un punto d’incontro con la famiglia Potter, la più celebre del mondo magico. Avevate notato le tante somiglianze tra la serie Netflix e la saga di Harry Potter? In parecchi spettatori hanno commentato sui social come la storia di Mercoledì così come raccontata da Tim Burton ricorda in molti passaggi quella della permanenza di Harry Potter a Hogwarts. Come già anticipato nella recensione della prima stagione di Mercoledì, questa versione rivede sotto una nuova luce l’intera storia della famiglia Addams, a partire da quella della primogenita Mercoledì.

Semplice omaggio, lecita e inconscia fonte d’ispirazione da parte di una delle storie fantasy più amate di tutti i tempi o qualcosa in più? Ripercorriamo insieme i numerosi punti d’incontro tra la storia di Mercoledì e quella di Harry Potter, per farci un’idea a riguardo.

Sto cercando altri articoli per te...