MediEvil Remastered, i lavori continuano: novità entro due settimane

Autore: Stefania Sperandio ,
Copertina di MediEvil Remastered, i lavori continuano: novità entro due settimane

Era lo scorso dicembre quando, durante la sua conferenza alla PlayStation Experience, Sony aveva annunciato MediEvil Remastered. Da allora, le novità sul gioco si sono però fatte desiderare, al punto che la compagnia giapponese non ha celebrato sui suoi account ufficiali i vent'anni dell'episodio originale, gettando ulteriori dubbi tra i fan: il progetto è forse in alto mare?

Dopo settimane di silenzio, è finalmente arrivato un commento ufficiale da parte di Sony, che non solo assicura che i lavori sono ancora in corso, ma anche che a brevissimo ci saranno novità di cui parlare.

Advertisement

Due settimane di pazienza per i fan di MediEvil

Nel corso dell'ultimo appuntamento con PlayStation Blogcast, il direttore per i social di PlayStation, Sid Shuman, ha assicurato che entro due settimane il dirigente Shawn Layden salirà su un non meglio definito palco per parlare di importanti novità. Tra esse, anche quelle relative proprio al ritorno di MediEvil su PS4:

Shawn Layden si farà rivedere nel giro di una settimana o al massimo due. È davvero impaziente di annunciare un importante aggiornamento relativo a MediEvil.

Se il termine di una sola settimana venisse rispettato, lo scenario dell'annuncio potrebbe essere la Paris Games Week, che si terrà a Parigi tra il 26 e il 30 ottobre prossimi. Si tratta, al momento, solo di una supposizione e rimaniamo in attesa di saperne di più sulla location dell'annuncio direttamente da Sony.

Advertisement

Sony
Un primo piano di Sir Daniel Fortesque da MediEvil
Sir Daniel Fortesque, protagonista di MediEvil

I primi vent'anni di Sir Daniel Fortesque

Sony annunciò MediEvil Remastered con l'intento di cavalcare i vent'anni del primo MediEvil, uscito sull'originale PlayStation e divenuto uno dei giochi simbolo della console nel 1998.

La rimasterizzazione, attesa su PlayStation 4, proporrà un comparto grafico in 4K e, secondo le indiscrezioni, potrebbe includere anche MediEvil 2, oltre al rifacimento del capostipite.

Sony
Un'immagine da MediEvil su PlayStation
Un'immagine dall'originale MediEvil, uscito su PlayStation le 1998

Non rimane che aspettare che passino queste due settimane per scoprire che novità stanno bollendo in pentola per il ritorno dell'irresistibile Sir Daniel Fortesque. Siete impazienti di ricominciare la vostra battaglia contro il perfido Zarok?

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza surreale [RECENSIONE]

Leggi la recensione del lungometraggio Blonde dedicato alla vita di Marilyn Monroe, disponibile su Netflix dal 28 settembre 2022.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Blonde, il film su Marilyn Monroe è un'esperienza surreale [RECENSIONE]

La prima cosa da sapere prima di guardare su Netflix Blonde è che questo è in tutto e per tutto un film e non un documentario sulla vita di Marilyn Monroe. Quindi i fatti, narrati dallo sceneggiatore e regista Andrew Dominik e basati sul romanzo omonimo di Joyce Carol Oates, "prendono in prestito" dalla vita della bionda più famosa del cinema alcuni momenti di vita personale e pubblica. Su di essi è stata costruita una storia drammatica e in parte sconvolgente, soprattutto per chi si è sempre fermato all'abbagliante immagine di Marilyn Monroe senza documentarsi oltre.

Blonde ha lo scopo di portare alla luce la doppia vita di Marilyn: la star bella e appariscente e la donna estremamente fragile che le ha dato vita. Marilyn Monroe nasce come Norma Jeane ma le due personalità sono completamente all'opposto, separate da pensieri, atteggiamenti e parole. Norma è una bambina cresciuta senza un padre e con una madre rancorosa, lei è sempre stata una donna sola mentre Marilyn è sempre stata circondata da ammiratori, fotografi e amanti. Norma Jeane non ha mai avuto un vero e proprio disturbo dissociativo della personalità, o almeno non le è mai stato diagnosticato, ma il distacco emotivo vissuto da Norma verso Marilyn è stato sempre più forte e forse decisivo anche nella sua dipartita.

Sto cercando altri articoli per te...