Megalopolis si farà? Le novità sul progetto di Francis Ford Coppola

Autore: Claudio Rugiero ,

Probabilmente i più attenti alle biografie delle personalità del cinema sapranno già che il premio Oscar Francis Ford Coppola compirà 80 anni il prossimo 7 aprile. Proprio alla vigilia di questa fatidica data, il regista ha rivelato di sentirsi pronto per tornare dietro la macchina da presa e poter realizzare finalmente il sogno di una vita. 

Come si legge su Slash Film, il leggendario cineasta dirigerà Megalopolis, un'epopea enorme e tentacolare su un architetto che cerca di costruire una mini-utopia nella New York del futuro.

Advertisement

Coppola ha scritto la sceneggiatura già nel corso degli anni '80, ma trattandosi di un progetto alquanto impegnativo non si era mai sentito pronto per realizzarlo. Almeno fino al 2001, anno nel quale riuscì a raccogliere ore di riprese della seconda unità e cercò persino di avviarne la produzione. In seguito all'attentato dell'11 settembre, Coppola intuì però che il momento non era appropriato per investire in un film così ambizioso e il progetto venne abbandonato.

Tuttavia, a quattro anni dal suo ultimo lungometraggio, Distant Vision, il regista si dice pronto a tentare un ravvio di questo lavoro e, secondo quanto da lui stesso dichiarato a Mike Fleming Jr. di Deadline, Megalopolis non solo si farà, ma sarà un film su larga scala e con un cast altisonante:

Ho in programma quest'anno di iniziare la mia vecchia ambizione di realizzare un lavoro importante impiegando tutto quello che ho imparato nell'arco della mia lunga carriera, che ho cominciato all'età di 16 anni facendo teatro. Sarà un'epica su larga scala, il cui titolo è Megalopolis. Si tratta di [un progetto, n.d.r] insolito, ci sarà una produzione in grande con un cast enorme.

I dettagli circa i possibili interpreti di Megalopolis non sono ancora trapelati, ma stando a quanto scrive Deadline Coppola avrebbe già puntato gli occhi su Jude Law (attualmente in sala con Captain Marvel).

Universum Film (UFA)

La scenografia futuristica di Metropolis (1927) di Fritz Lang
Metropolis (1927) di Fritz Lang

Advertisement

L'ambizione di questo importante nuovo progetto di Coppola risiede anche nei modelli che il regista ha scelto come fonti d'ispirazione. In una passata intervista rilasciata a The Guardian, Coppola descriveva infatti Megalopolis come un incrocio tra il classico film di fantascienza muto Metropolis (1927) di Fritz Lang e La fonte meravigliosa, il romanzo di Ayn Rand trasposto da King Vidor sul grande schermo nel 1949.

Il confronto con questi due riferimenti costituirà sicuramente uno dei tratti salienti del lavoro del regista, ma si tratta anche di una scelta dovuta all'idea centrale del film:

Il tema è il conflitto tra passato e futuro. Sebbene sia ambientato sullo sfondo di una gigantesca città moderna come New York, parla anche di Roma. I fondatori dell'America moderna hanno basato molte delle loro idee sulla Repubblica romana.

Warrner Bros
Una scena da La fonte meravigliosa (1949) di King Vidor
La fonte meravigliosa (1949) di King Vidor

Megalopolis: trama

Le prime notizie sulla trama di Megalopolis provengono da alcune dichiarazioni pronunciate dal regista e precedentemente riportate da Architexturez: In-Enaction:.

Il sindaco [della città, n.d.r.] è impegnato a salvaguardare l'eredità del passato, mentre un architetto si preoccupa di guardare al futuro. Quando viene pianificato un massiccio progetto di ristrutturazione per un'area che va dall'8th Avenue alla riva del fiume Hudson e dalla 34a alla 20a strada, questo diventa il motivo di una disputa sulla visione, sulle dimensioni e sui profitti, che investirà ogni strato della società dai lavoratori ai sindacati.

La tematica precedentemente rivelata dal regista sarà quindi centrale in Megalopolis, a partire dallo stesso racconto su cui vertertà il film. L'entusiasmo di Coppola è indubbiamente contagioso e dalle sue parole risulta chiaro quanto tenga alla realizzazione di questo progetto. Ci auguriamo quindi che riesca a realizzare il suo sogno quanto prima. Il suo pubblico più affezionato sarà di certo già pronto a fiondarsi in sala!

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 4

The Boys ha costretto Hideo Kojima a bloccare un progetto

Hideo Kojima ha fermato un progetto a cui lavorava da tempo per colpa di The Boys: si è reso conto che era troppo simile alla serie Prime Video.
Autore: Elisa Giudici ,
The Boys ha costretto Hideo Kojima a bloccare un progetto

The Boys ha creato un bel grattacapo al famoso creatore di videogiochi e papà di Metal Gear Solid Hideo Kojima. 

Tramite il suo account Twitter ufficiale, lo sceneggiatore e ideatore di videogiochi giapponese ha raccontato di come sia stato costretto a mettere in pausa un progetto a cui lavorava da lungo tempo. Il motivo? Si è reso conto che era davvero troppo, troppo simile a The Boys, la serie Prime Video dedicata al lato oscuro dei supereroi. 

Sto cercando altri articoli per te...