Mel Gibson parla del sequel di La Passione di Cristo

Autore: Simona Vitale ,

Il film La Passione di Cristo di Mel Gibson del 2004 rappresenta uno dei film di maggior successo di sempre, avendo realizzato incassi davvero notevoli a fronte di un basso costo di produzione (612 milioni di dollari incassati contro i 30 milioni spesi per realizzarlo).

Non solo. La Passione di Cristo è rimasto anche uno dei pochi kolossal a non aver avuto un seguito o ad aver gettato le basi per un sequel.

Advertisement

Collider
l'attore Jim Caviezel

Le cose, però, ora sono cambiate. 

In realtà, Randal Wallace, sceneggiatore di Braveheart, già nello scorso mese di giugno aveva rivelato a Hollywood Reporter di essere al lavoro su un sequel di La Passione di Cristo. Il suo titolo sarà The Resurrection (La Resurrezione).

Collider
Il regista Mel Gibson

Nelle scorse ore la conferma è arrivata dallo stesso Mel Gibson, come rivelato da CinemaBlend.

Advertisement

Ne stiamo parlando. Ovviamente, si tratta di un impegno enorme. E non sarà La Passione di Cristo 2. Sarà intitolato La Resurrezione. Certamente si tratta di un tema molto complesso e dovremo studiarlo per bene, perché non vogliamo semplicemente una trasposizione, scrivere quello che è accaduto. Ma per rendere l’esperienza più significativa possibile dobbiamo comprendere in pieno quello di cui vogliamo parlare. E Randall Wallace è perfetto per questo compito.

Mel Gibson, nel corso dell'intervista concessa, ha evidenziato come film del genere di La Passione di Cristo e Hacksaw Ridge (l'ultimo che ha diretto) rappresentino una sorta di "cura" alle pellicole brulicanti di supereroi che oggi dominano il mercato cinematografico. 

La fede è una cosa autentica. Nel corso del tempo ci ho pensato spesso, è come se con La Passione di Cristo abbia realizzato il film supereroistico definitivo. Anche una persona come Desmond Doss è un supereroe, visto che nella vita di tutti i giorni i supereroi non indossano costumi o fanno cose strane. Operano però davvero a un livello superiore, sovrannaturale. Guardano e puntano a qualcosa di più grande di loro e fanno qualcosa di sovrumano.

Una bella sfida attende dunque Mel Gibson, dopo diversi anni di turbolenze private e professionali.

Advertisement

Nel frattempo, attendiamo il rilascio di Hacksaw Ridge, interpretato da Andrew Garfield, nei panni di Desmond Doss, il primo obiettore di coscienza a ricevere la medaglia d'onore. 

Il film è un sorvegliato speciale per la notte degli Oscar 2017 e sarà presentato fuori concorso alla 73esima mostra del Cinema di Venezia. 

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Tutti i Draghi di House of the Dragon e de Il Trono di Spade

Leggi per sapere quali draghi potrebbero venir mostrati nella prima stagione di House of the Dragon, lo spin-off/prequel de Il Trono di Spade.
Autore: Francesca Musolino ,
Tutti i Draghi di House of the Dragon e de Il Trono di Spade

Nella serie TV Il Trono di Spade ci sono tre draghi nati dalle uova che ha accudito Daenerys Targaryen: un vero e proprio miracolo, perché, come è spiegato nella trama, tutti i draghi si sono estinti da moltissimo tempo; quindi questi sono gli unici esemplari presenti nella serie. Invece, in House of the Dragon, spin-off/prequel de Il Trono di Spade, è possibile vedere nuovi draghi nel periodo antecedente allo loro estinzione, in quanto la trama è ambienta duecento anni prima degli eventi narrati nella serie madre.

A tale proposito il co-showrunner di House of the Dragon Miguel Sapochnik, in una intervista del 2 agosto 2022 rilasciata alla testata Empire, ha detto che nella prima stagione dello spin-off verranno mostrati nove dei diciassette draghi della Casa Targaryen. Senza rivelare in dettaglio quali sono tutti i draghi di House of the Dragon in questione, Sapochnik ha spiegato che ogni esemplare avrà una sua personalità particolare che lo distinguerà da tutti gli altri.

Sto cercando altri articoli per te...