Michael Cudlitz: "Difficile un crossover tra The Walking Dead e Fear The Walking Dead"

Autore: Luca Nebbioli ,

La speranza di molti #DEADicatedFan è quella di vedere in un futuro un crossover tra #The Walking Dead e il suo spin-off Fear The Walking Dead.

A spegnere però gli entusiasmi, almeno per ora, ci ha pensato #Michael Cudlitz, l'attore che dalla stagione 4 veste i panni del coraggioso #Abraham Ford, vittima sacrificale finita sotto i colpi mortali dell'assetata Lucille.

Advertisement

Secondo l'attore infatti è difficile far coesistere quei due mondi, all'apparenza uguali ma in realtà molto molto diversi.

Nessun crossover tra The Walking Dead e il suo spin-off

Il nostro show nasce da una graphic novel e i nostri personaggi sono tutti molto 'caratterizzati'. Io con i lunghi baffi rossi, #Daryl con la balestra, #Michonne con la katana.

Fear The Walking Dead però viaggia su altri binari.

Lo spin-off invece è più realistico e punta ad esserlo. Il nostro è un mondo invece più surreale, quasi fantastico. Difficilmente vedremo un incrocio tra i due show, ma ovviamente non sono io a decidere.

A confermare però la tesi di Cudlitz ci ha pensato Dave Erickson, showrunner dello spin-off.

Advertisement

Al momento non abbiamo piani in merito. Ho letto i fumetti e vedo davvero improbabile che possano convivere insieme. Devono sopravvivere in due sfere diverse e lontane fra loro.

E voi? Pensate che sia una buona idea evitare il crossover tra queste due serie?

#Rick Grimes e soci già vi mancano? The Walking Dead 8 arriverà il prossimo autunno in prima assoluta su FOX.

[QUIZ]

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Alan Moore sui cinecomic "precursori del fascismo"

Leggi cosa ha detto Alan Moore, autore di Watchmen, a proposito dei cinecomic in una lunga intervista al sito The Guardian.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
Alan Moore sui cinecomic "precursori del fascismo"

Alan Moore, il noto autore di fumetti e opere cartacee la cui qualità artistica non è da mettere in discussione, è stato intervistato da The Guardian. Nella lunga intervista Moore ha parlato del fatto che non ama il mondo attorno ai fumetti e che tra le altre cose si sente responsabile dell'idea che i fumetti sono stati fatti passare per un prodotto per adulti. E in effetti i suoi lavori come Batman: The Killing Joke, Watchmen e V per Vendetta (solo per citarne alcuni) sono dei cult, che affascinano ancora oggi ragazzi e adulti appassionati.

In più Alan Moore ha espresso delle parole dure contro chi guarda i cinecomic, definendo questo divertimento nel tempo libero come un ritorno all'infanzia e, probabilmente estremizzando il suo concetto, un atto pericoloso che può portare al fascimo.

Sto cercando altri articoli per te...