I migliori film del 2020 per il NYT: al primo posto c'è Martin Eden

Autore: Alessandro Zoppo ,
Copertina di I migliori film del 2020 per il NYT: al primo posto c'è Martin Eden

Il New York Times incorona Martin Eden di Pietro Marcello.

Il quotidiano statunitense ha stilato la propria classifica dei dieci migliori film del 2020 e, a sorpresa, il primo posto nella lista della critica Manohla Dargis è occupato dall'adattamento del romanzo di Jack London con Luca Marinelli, premiato con la Coppa Volpi a Venezia 76.

Advertisement

La lista è stata stilata dai due giornalisti del prestigioso giornale, Dargis e A.O. Scott, gli stessi che una settimana fa hanno inserito Toni Servillo al settimo posto nella graduatoria dei 25 più grandi attori del 21esimo secolo.

#Martin Eden precede film come City Hall di Frederick Wiseman e Gunda di Victor Kossakovsky, mentre si piazza al settimo posto nella lista di Scott, guidata da #Borat - Seguito di film cinema,"innegabilmente il film più 2020 di tutti i tempi".

Ecco la Top 10 completa di Manohla Dargis.

  1. Martin Eden
  2. City Hall
  3. Gunda
  4. David Byrne's American Utopia
  5. Bacurau
  6. First Cow
  7. Mai raramente a volte sempre
  8. Collective
  9. The Forty-Year-Old Version
  10. La ragazza d'autunno

Martin Eden

Fresco di doppia candidatura (miglior film e miglior attore protagonista) alla 33esima edizione degli European Film Awards, l'inedita versione del romanzo di Jack London conquista il New York Times.

"Un eccezionale adattamento", secondo Dargis, "un'ardente lettera d'amore" e "uno sfacciato atto di appropriazione culturale e immaginativa", in cui Luca Marinelli, scrive Scott, è "insanamente hot".

Letteratura, politica, lotta di classe, sesso: è tutto qui, concentrato in un'epica che sorprende di continuo e che cancella qualsiasi distinzione tra realismo e fantasia.

Martin Eden Martin Eden Nella Napoli dei primi anni del XX secolo, il giovane marinaio Martin Eden, proletario individualista in un'epoca squarciata dalla nascita di movimenti politici di massa, sogna di diventare uno scrittore ... Apri scheda

City Hall

Il film di Frederick Wiseman documenta le attività del sindaco e dell'intero apparato amministrativo di Boston, la città d'origine del grande regista.

Advertisement

Scott lo definisce "una dimostrazione di come la democrazia resiste in assenza di dramma". 

City Hall City Hall Apri scheda

Gunda

Presentato in Italia al Torino Film Festival, il documentario del regista russo è "un film sugli animali come esseri viventi", raccontati proprio attraverso il loro punto di vista.

Secondo Dargis è un lavoro "profondo e squisitamente bello".

David Byrne's American Utopia

Spike Lee realizza un doc sullo spettacolo tenuto all'Hudson Theater di New York da David Byrne, portato in scena con undici musicisti provenienti da tutto il mondo.

Advertisement

Scott lo piazza all'ottavo posto della sua lista (a pari merito con l'episodio Lovers Rock della serie antologica #Small Axe di Steve McQueen) perché, in entrambi i casi, "il mezzo è il messaggio e il piacere è la politica".

Bacurau

Premio della Guria al Festival di Cannes 2019 (ex aequo con #I miserabili di Ladj Ly), il film di Juliano Dornelles e Kleber Mendonça Filho con Sônia Braga e Udo Kier mescola fantascienza e western, slasher e cangaço brasiliano trascinando gli spettatori nella città immaginaria del titolo, scomparsa dalle mappe stradali e satellitari.

Un film "divertente, strambo, cruento e profondamente politico".

Bacurau Bacurau Apri scheda

Advertisement

First Cow

Il quasi-western di Kelly Reichardt, la regista di #Certain Women, #Night Moves e Meek's Cutoff, è un libero adattamento del romanzo The Half-Life di Jonathan Raymond.

Questa "tenera amicizia al maschile" (i protagonisti sono i "misfits" Orion Lee e John Magaro) offre "un'alternativa al trionfalismo della maggior parte delle storie della frontiera americana".

Mai raramente a volte sempre

Diretto e sceneggiato da Eliza Hittman, il dramma che ha vinto l'Orso d'argento Gran Premio della Giuria a Berlino 2020 è la storia di un'adolescente (Sidney Flanigan) alle prese con una gravidanza non voluta e l'aborto.

"Scena dopo scena – scrive Dargis – viviamo la missione difficile della protagonista e la formidabile messa in scena della regista".

Mai raramente a volte sempre Mai raramente a volte sempre Di fronte a una gravidanza non voluta e alla mancanza di supporto locale, Autumn e la cugina Skylar, due adolescenti di campagna della Pennsylvania, si avventurano alla volta della città ... Apri scheda

Collective

Se Dragis mette in settima posizione il documentario di Alexander Nanau, Scott lo inserisce subito in seconda pari merito con City Hall.

Il lavoro del regista, che denuncia la corruzione del sistema sanitario romeno e di altre istituzioni nazionali a partire dall'incendio del Colectiv Club di Bucarest costato la vita a 65 persone, è "un'esposizione di orribili disfunzioni governative e degli sforzi eroici per combatterle che vi farà battere il cuore e ribollire il sangue".

The Forty-Year-Old Version

Radha Blank dirige e interpreta questa commedia su una drammaturga newyorkese in crisi d'ispirazione che a 40 anni decide di diventare rapper.

Con l'esordio dietro la macchina da presa, Blank conferma di essere, per Scott, "una fantastica regista, con un occhio alle assurdità del teatro di New York e al glorioso teatro che è la città stessa".

The Forty-Year-Old Version The Forty-Year-Old Version Una sfortunata drammaturga newyorchese decide di reinventarsi e di dare seguito alle sue aspirazioni artistiche nell'unico modo che conosce: diventando rapper a quarant'anni... Apri scheda

La ragazza d'autunno

Dopo #Tesnota, il giovanissimo regista russo Kantemir Balagov (classe 1991) si conferma con il secondo lungometraggio, candidato all'Oscar e premiato a Cannes 2019.

Beanpole (ossia "spilungona", come recita il titolo internazionale in riferimento al personaggio di Ija: quello originale, Dylda, indica il gambo del granoturco) è un dramma "tragico, doloroso e folgorante".

La ragazza d'autunno La ragazza d'autunno Leningrado, 1945. La Seconda guerra mondiale ha devastato la città, demolendo i suoi edifici e lasciando i cittadini a pezzi, sia fisicamente sia moralmente. Anche se l'assedio (uno dei peggiori ... Apri scheda

Scott aggiunge alla sua classifica personale #Palm Springs di Max Barbakow al sesto posto, il documentario Dick Johnson Is Dead di Kirsten Johnson al nono e l'animazione #Soul di Pete Docter al decimo.

Manohla Dargis avrebbe voluto includere Time di Garrett Bradley, ma ha dovuto escluderlo per un evidente "conflitto di interessi": il documentario – il racconto di una donna che ha trascorso gli ultimi vent'anni della sua vita a combattere per ottenere il rilascio del marito condannato per rapina – è co-prodotto da New York Times.

L'articolo di Dargis e Scott cita tantissimi altri titoli meritevoli di segnalazione – da 76 Days e Alex Wheatle a The Truffle Hunters e #Le verità – e le speranze per il 2021.

I film più attesi per la coppia di critici sono The Boy from Medellín di Matthew Heineman (doc sul ritorno in Colombia del "principe del reggaeton", J Balvin), MLK/FBI (altro doc, diretto da Sam Pollard, dedicato alle imbarazzanti indagini di sorveglianza del Bureau su Martin Luther King) e The Woman Who Ran di Hong Sang-soo, vincitore dell'Orso d'argento per la miglior regia alla Berlinale.

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

Martin Eden è autobiografico? La storia vera dal libro al film

Dalle origini umili agli ideali socialisti: cosa accomuna lo scrittore Jack London al suo personaggio di fantasia Martin Eden.
Autore: Martina Barone ,
Martin Eden è autobiografico? La storia vera dal libro al film

Martin Eden è il film scritto e diretto da Pietro Marcello uscito nel 2019. La poetica pellicola del regista italiano è stata presentata in anteprima mondiale alla 76esima edizione della Mostra di Venezia, dove l’interpretazione del protagonista Luca Marinelli ha emozionato critica, giuria e pubblico. Un successo tale che ha portato l’attore a vincere la sua prima Coppa Volpi proprio durante la manifestazione festivaliera.  

Il titolo del film è ispirato dal suo protagonista principale e la storia è basata sull’omonimo romanzo pubblicato nel 1909 e firmato da Jack London. Inizialmente Martin Eden venne rilasciato a puntate sulla rivista Pacific Monthly, ma in seguito fu raccolto in un unico volume grazie alla The Macmillan Company. Un lavoro, quello di Jack London con il suo Martin Eden, che ha sempre incuriosito il pubblico e i lettori, vista la somiglianza che sembra intercorrere tra chi ha scritto il libro e il personaggio che va muovendosi nella storia. 

Sto cercando altri articoli per te...