Morbius, il Vampiro Vivente si mostra nel primo trailer ufficiale

Autore: Pasquale Oliva ,

La notizia era stata confermata nelle ultime ore da alcuni addetti ai lavori e Sony Pictures ha mantenuto la promessa. Il primo atteso trailer di Morbius è finalmente online e introduce il celebre Vampiro Vivente della Casa delle Idee nel Sony's Universe of Marvel Characters, per la prima volta protagonista di un cinecomic standalone. Tenetevi forte, perché le sorprese non mancano di certo.

La pellicola racconta la storia del Dr. Michael Morbius - interpretato da Jared Leto - che, non volendo arrendersi ad una grave malattia del sangue (nel trailer non viene specificata, ma dovrebbe trattarsi di leucemia) decide, come ultima spiaggia, di affidarsi ad una cura che potremmo definire a dir poco sperimentale. Questa lo salva da morte certa, ma lo trasforma anche in un essere mostruoso che per aspetto ed abitudini ricorda, appunto, un vampiro.

Advertisement

Sono passato dal morire al sentirmi più vivo che mai. Sono più forte e più veloce. Posso usare l'eco-localizzazione. E ho una irrefrenabile pulsione a bere sangue.

Sony Pictures / Marvel
Primo piano di Morbius nel primo trailer dell'omonimo cinecomic
Jared Leto è Morbius

Quello di Morbius è il secondo personaggio dello Spider-verso su cui ha deciso di puntare Sony Pictures, dopo ovviamente Venom (Tom Hardy). La major cinematografica non hai mai negato di avere grandi progetti sull'insieme di figure che in un modo o nell'altro fanno parte della storia del tessiragnatele Marvel e in futuro nel suo roster potrebbe rientrare anche Peter Parker, oggi ancora nella scuderia Disney.

Probabilmente non saranno sfuggiti ai più, ma nel primo trailer di Morbius ci sono due tanto chiari quanto inaspettati riferimenti a Spidey. Il primo (al minuto 2:10) è un murale che ritrae lo spararagnatele - con il costume della saga di Sam Raimi - in una posa ormai classica imbrattato tuttavia da un detrattore che per un motivo sconosciuto lo considera un assassino. Impossibile non pensare al piano studiato da Mysterio in Spider-Man: Far From Home volto a distruggere la reputazione dell'amichevole Spider-Man di quartiere.

Advertisement

Sony Pictures / Marvel
Michael Morbius in primo piano; alle sua spalle un murales dedicato a Spider-Man
C'è spazio anche per Spider-Man nel primo trailer di Morbius, ma perché sarebbe un assassino?

Il secondo richiamo è quello che invece sta davvero mandando in tilt i fan di Spider-Man. Il trailer si chiude infatti con un personaggio non ben identificato ma con il volto di Michael Keaton. Quest'ultimo, nel Marvel Cinematic Universe, indossa i panni di Avvoltoio, storico nemico di Peter Parker. Che Sony e Disney abbiano davvero unito i loro rispettivi universi cinematografici?

Sony Pictures / Marvel
Primo piano di Michael Keaton nel primo trailer di Morbius
In Morbius ci sarà anche l'Avvoltoio di Michael Keaton?

Scritto da Burk Sharpless e Matt Sazama, Morbius arriverà nelle sale cinematografiche italiane nell'estate del 2020. Nel cast anche Matt Smith, Tyrese Gibson, Adia Arjona e Jared Harris.

Cosa ne pensate del primo trailer di Morbius?

Advertisement

Per non perdere nessuna notizia iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram a questo indirizzo https://t.me/nospoilerit.

Continua a scorrere per altri contenuti
Articolo 1 di 10

La serie TV The Bear, un dramma con tanto potenziale [RECENSIONE]

Leggi la recensione di The Bear, la serie TV di Disnet+ disponibile dal 5 ottobre 2022 in streaming con tutti gli 8 episodi che la compongono.
Autore: Giuseppe Benincasa ,
La serie TV The Bear, un dramma con tanto potenziale [RECENSIONE]

La prima stagione di The Bear debutta su Disney+ dal 5 ottobre 2022 con i suoi 8 episodi. La trama dello show porta lo spettatore a Chicago, dove si reca anche il protagonista ossia Carmen Berzatto detto “Carmy”. Questo è un noto chef della ristorazione, che si ritrova a dover cambiare città, passando da New York City a Chicago, per gestire la piccola e confusionaria paninoteca di famiglia. Carmen riscopre una realtà, che aveva lasciato alle spalle e che ora gli offre emozioni contrastanti e dolorosi ricordi. 

L'idea di The Bear si sarebbe potuta sviluppare in due modi ovvero quella della commedia e quello del dramma. Christopher Storer, ideatore e produttore esecutivo, ha scelto di puntare al dramma e senza fare sconti a nessuno: difficilmente in The Bear avrete la sensazione che qualcosa andrà bene, perché l'intento dell'autore è quello di mettere in scena situazioni umane potenzialmente vere. Questa scelta rende The Bear quindi una serie altamente drammatica che però va in contrasto con gli episodi della durata di 20 o 30 minuti (fa eccezione l''ottavo e ultimo episodio da 47 minuti), che nel 99% dei casi si confanno al genere comedy. La durata contenuta della prima stagione di The Bear offre spazio per approfondire - e nemmeno in maniera completa - la natura del protagonista Carmy. È pur vero che nuove stagioni potrebbero scavare più affondo nella personalità del protagonista o dei suoi comprimari, ma la sensazione è che a The Bear manchi qualcosa per fargli fare il salto di qualità che meriterebbe. Questo perchè la scrittura dei dialoghi è molto gradevole, la regia stretta, asfissiante e claustrofobica delle caotiche scene in cucina risulta molto azzeccata e gli attori e le attrici coinvolte sono brave.

Sto cercando altri articoli per te...