Torna il National Geographic Festival delle Scienze: le cause delle cose

Autore: Redazione NoSpoiler ,

Dal 16 al 22 aprile torna l'appuntamento annuale con il National Geographic Festival delle Scienze, giunto ormai alla XIII edizione. Ad ospitare l'evento sarà la bellissima location dell'Auditorium Parco della Musica di Roma.
Tema principale di questa edizione sarà lo studio delle cause delle cose e delle relazioni causali, non solo in ambito scientifico ma analizzata in tutte le discipline, dalla filosofia all'ingegneria, dalla statistica all'informatica. La causalità, inoltre, sarà messa in relazione con la musica e la creatività. A farla da padrona, ovviamente, sarà la scienza.

Prodotto dalla Fondazione Musica per Roma e co-diretto da Vittorio Bo e Jacopo Romoli, la XIII edizione del National Geographic Festival delle Scienze è realizzata in collaborazione con National Geographic, main parter come si evince anche dal titolo, e con ASI, Agenzia Spaziale Italiana, e INFN, Istituto Nazionale di Fisica Nucleare. Tanti sono gli istituti che hanno dato sostegno alla realizzazione di questa edizione: a partire da Roma Capitale, Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR), Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Istituto Italiano di Tecnologia (IIT), Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), Unesco-L'Oréal e Fondazione Benetton.
Partner sono Leonardo Company, Enel Green Power e Poste Italiane che sponsorizzeranno alcuni degli eventi di questa edizione.
Sky sarà il main media partner e racconterà per tutta la settimana l'evento in diretta dall'Auditorium.

Advertisement

Advertisement
XIII edizione del National Geographic Festival delle Scienze

In questa edizione del Festival, suddivisa in quattro marco aree, Terra e Ambiente, Pensiero e Creatività, Società e Legge, Tecnologia e Realtà, saranno trattati tanti temi molto attuali, dai diritti umani all'intelligenza artificiale dei robot, dal mondo delle criptovalute al rapporto tra l'uomo e la natura. Altrettanti saranno gli ospiti nazionali ed internazionali, giornalisti, scienziati, esperti di filosofia e tanti altri, impegnati in un ampio ventaglio di eventi, tra cui la celebrazione dell'Earth Day del 22 aprile, Giornata Mondiale della Terra, che sarà l'evento conclusivo di questa edizione del Festival. Non mancherà modo, quindi, in questo Festival di celebrare la più grande manifestazione ambientale del pianeta che da ormai cinquanta anni coinvolge 193 paesi del mondo. 

Al festival arriverà anche l'anteprima esclusiva della seconda stagione della serie antologica Genius ispirata, questa volta, ad uno dei più grandi artisti mai esistiti, Pablo Picasso, intitolata Genius: Picasso, che vede Antonio Banderas nei panni dello storico artista, a maggio su National Geographic, canale 403 di Sky.

La causa delle cose toccherà anche la sezione (Kids), dedicata alle scuole e quindi ai più giovani, anch'essa con un programma ricco di eventi, laboratori e mostre per mettere i più giovani a contatto con la magia della scienza e della tecnologia.

Non perderti le nostre ultime notizie!

Iscriviti ai nostri canali e rimani aggiornato

Articolo 1 di 10

Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

Leggi per scoprire che cosa ha fatto storcene il naso allo scrittore Stephen King nel terzo episodio della serie TV The Last of Us.
Autore: Francesca Musolino ,
Stephen King bacchetta una scena della serie TV The Last of Us

La serie TV The Last of Us tratta dall'omonimo videogioco di Naughty Dog continua ad aumentare l'apprezzamento del pubblico episodio dopo episodio. In particolare Long Long Time ovvero il terzo episodio della serie TV The Last of Us, ha commosso ed emozionato i fan per la storia d'amore tra Frank e Bill

Tuttavia c'è anche chi come Stephen King, ha bacchettato l'episodio in questione per una scena che sembra essere fin troppo surreale. Lo scrittore ha espresso le sue perplessità in un tweet come riportiamo di seguito:

Sto cercando altri articoli per te...